Il CAPO DELLA “US SOUTH FORCE” PREVEDE L’INTERVENTO MILITARE IN VENEZUELA


Gli Stati Uniti stanno considerando pubblicamente un’operazione militare in Venezuela, lo ha detto il capo della South Com Force, ammiraglio Craig S. Faller. Il governo venezuelano si prepara a resistere.
Venezuela ha eretto un sistema di S-300 di difesa missilistica, il sistema di lancio il 7 aprile ° , come le immagini satellitari hanno rivelato.
È stata notata anche l’attività significativa che circonda le aree operative di schieramento nella base aerea di Capitán Manuel Rios.

Il sistema missilistico è stato recepito come pronto all’uso dopo un’esercitazione militare fatta a febbraio.
Il dispiegamento ha seguito l’annuncio del presidente venezuelano Nicolas Maduro che ha riconosciuto che due aerei russi sono sbarcati a Caracas, in Venezuela, come parte di una cooperazione militare tra i due paesi.

Separatamente, Nicolas Maduro, in un annuncio su Twitter, ha affermato che l’autorità venezuelana sta neutralizzando fino a 4 attacchi alla Power Grid (rete elettrica) ogni giorno.
“I lavoratori del settore dell’energia elettrica non dormono. Stanno proteggendo il sistema dagli attacchi 24 ore su 24. Ogni giorno neutralizziamo due-tre-quattro attacchi al sistema di alimentazione elettrica “, ha detto Maduro.

Il presidente ha anche promesso ai cittadini venezuelani che le autorità continueranno a fare sforzi per superare le conseguenze dei recenti attacchi al sistema di alimentazione elettrica del paese.

Il Venezuela ha subito ancora un altro black-out il 9 aprile ° , dopo una caduta di sovraccarico di power si è verificata a seguito dei danni provocati da presunti attacchi contro la rete elettrica. Il ministro delle Comunicazioni, Jorge Rodriguez, ha spiegato che il lavoro era in corso per ripristinare il power e questo è stato, infatti, ripristinato entro 3 ore.

Nel frattempo, l’ ammiraglio americano a quattro stelle, Craig Faller, capo del comando sud degli Stati Uniti , ha detto che l’esercito è “in balia dei nostri piedi” in attesa di istruzioni da parte dell’amministrazione Trump per l’intervento militare in Venezuela.

Secondo lui, “la crisi in Venezuela potrebbe avvicinarsi a quel livello entro la fine di quest’anno se Maduro rimane ancora al potere. Si trova adesso così male. ‘ Ha anche confrontato la situazione in Venezuela con il “caos” in Siria sotto il presidente Bashar al-Assad (creato dagli agenti di USA e Arabia Saudita).
Dal canto suo il consigliere di sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, ha affermato che “Il presidente Trump è determinato a non voler vedere il Venezuela che cade sotto l’influenza di potenze straniere” ( naturalmente ad eccezione degli USA).

Missili della difesa del Venezuela

Lo stesso Bolton ha anche fatto riferimento alla “Monroe Doctrine” e ha detto che , se la Cina e la Russia, insieme a Cuba, stabiliscono il dominio sul Venezuela, allora penso che gli interessi strategici americani saranno danneggiati “.
Nota: Gli Stati Uniti utilizzano naturalmente il doppio standard di considerare preminenti i propri interessi strategici mentre al contrario non esitano ad attaccare gli interessi strategici della Russia o della Cina nelle aree vicine ai loro confini.

Da segnalare il discorso che il vice presidente Mike Pence ha fatto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il 10 aprile con cui ha chiesto le dimissioni del presidente Maduro ed ha indicato Juan Guaido come il vero legittimo presidente, essendo stato proclamato dagli USA. La legittimità è sempre quella decisa da Washington, ha voluto far capire Pence, non quella decisa da un paese sovrano.
Con l’occasione Pence ha insultato l’ambasciatore venezolano all’ONU, Samuel Moncada, dicendogli che “lui non dovrebbe essere qui”. Anche i rappresentanti di paesi terzi all’ONU, ha voluto far capire Pence, devono essere “graditi” a Washington piuttosto che nominati da governi sovrani.

Pence ha anche accusato la Cina e la Russia di aggravare la crisi in Venezuela bloccando la risoluzione che gli Stati Uniti hanno presentato sul paese all’ONU, risentito perchè Pechino e Mosca non si adeguano alle decisioni degli USA.
In risposta a Mike Pence, l’ ambasciatore venezuelano alle Nazioni Unite, Samuel Moncada, ha replicato che “l’unico stato che rappresenta il Venezuela è la Repubblica Bolivariana del Venezuela”, ha detto e incorniciato la cosiddetta crisi umanitaria come “parte del macchinario di menzogne ​​sparse sul governo del Venezuela. “
“Per iniziare, penso che ci venga chiesto di parlare delle falsità che sono state pronunciate sul Venezuela”, ha detto, e ha denunciato un nuovo tentativo di colpo di stato che era appena accaduto, mentre “gli Stati Uniti stanno tentando di saccheggiare le nostre risorse”.
Forti critiche contro la posizione americana sono state espresse dagli ambasciatori all’ONU di Cina e Russia, in particolare il rappresentante russo, Vasily Nebenzia, accusato gli Stati Uniti di aver causato la crisi in Venezuela, per motivo del suo interesse geopolitico di controllare la regione.

Forze armate bolivariane

“Se vuoi rendere grande l’America di nuovo smettere di interferire nell’interesse di altri stati”, ha detto Nebenzya e, rivolgendosi ai vicini latinoamericani, ha chiarito che “il Venezuela è un chip di contrattazione per l’influenza geopolitica nel mondo”.
Il diplomatico russo ha anche affermato che “chiediamo agli Stati Uniti di riconoscere il diritto dei cittadini venezuelani a scegliere la loro leadership”.
Nota: L’impressione degli osservatori è quella che gli USA stiano maturando la decisione di un intervento militare in Venezuela come ultima chance se l’opera di sobillazione e sabotaggio condotta da Washington e dai suoi alleati non riuscirà ad ottenere il risultato che si prefigge, il rovesciamento del regime bolivariano per installare al suo posto una “marionetta” degli USA come Washington è riuscita ad ottenere in altri paesi, l’ultimo in Honduras.
La popolazione e le forze venezolane sono decisi a resitere ad una eventuale aggressione statunitense, nonostante le pressioni e la sobillazione fatta da Washington.

Fonte: South Front

Traduzione e note: Luciano Lago

5 Commenti

  • atlas
    11 Aprile 2019

    DIO maledica gli usa

  • Eugenio Orso
    12 Aprile 2019

    Le bestie rabbiose e mercenarie a stelle e strisce, serve dell’élite finanziaria giudaica, sicuramente tenteranno qualche colpo contro il Venezuela assediato, nelle prossime settimane.
    A questo punto, sta alla Santa Russia aiutare il paese martire a parare il colpo …

    Cari saluti

  • Anonimo
    12 Aprile 2019

    Be’ allora anch’io mi dichiaro presidente dell’Unione Europea visto che da decenni siamo sotto una ditttura fiscale e non solo.
    Chissà se poi gli USA mi appoggeranno.

  • atlas
    12 Aprile 2019

    aiutati che Dio ti aiuta. Non è semplice caro Eugenio. Noi siamo di parte, ma non si può negare la realtà. E’ più facile per gli usa e i giudei inquinare che per i Russi contenere e impermeabilizzare e i cani lo sanno. Stanno impegnando la Russia un pò in tutto il mondo e quì c’entra anche il lato prettamente economico. Basti pensare ora all’amica Algeria e al Sudan. Portare la democrazia liberale è meno complicato che allearsi in un sodale Socialismo Nazionale tenendo conto che loro hanno ancora la nato. Cina e India dovrebbero fare di più, anche se sono convinto che sotto sotto tutti osservano e tutti sanno tutto di tutti. Però di fatto si è perso il Brasile, l’Equador e l’Argentina, questi sono fallimenti importanti

    in poche parole chi inquina non lo farai mai desistere, lo devi eliminare per sopravvivere nella purezza, è l’unica soluzione finale, prepariamoci

Inserisci un Commento

*

code