Il capitalismo la vera malattia


di Finian Cunningham (*)

Risulta difficile non essere d’accordo con il professore americano Richard Wolff quando afferma che la vera malattia che il mondo deve affrontare non è il Covid-19 ma piuttosto l’economia fallimentare del capitalismo.

L’analisi di Wolff è più convincente che mai. Vedi la sua analisi… :https://www.youtube.com/watch?v=vipaqx_fo2g

Le pandemie e altri disastri naturali accadono e crudelmente uccidono. Ma quello che è ovvio dell’attuale pandemia globale è proprio come il sistema capitalista esacerba notevolmente la sofferenza e il disagio. Non è in grado di far fronte alle sfide poste da questa malattia infettiva. Il vero nemico non è la malattia stessa, per quanto grave sia. Il vero nemico, o malattia reale per così dire, è il capitalismo.

Allegato A: gli Stati Uniti. Qui negli States abbiamo il presunto modello massimo del capitalismo. Ma il caos della sua risposta alla pandemia di coronavirus dimostra che tutta la presunta prodezza della ricchezza americana è un miraggio. Su un bilancio globale di quasi un milione di vittime sinora da quando è scoppiata la pandemia nove mesi fa, gli Stati Uniti rappresentano 200.000 o circa il 20% delle vittime. Eppure la popolazione statunitense rappresenta solo il 4% del totale mondiale.

Questo da solo ci dice a denti stretti che c’è qualcosa di straordinariamente incompetente nella governance degli Stati Uniti e nell’allocazione delle risorse economiche sotto il suo sistema capitalista .

Confrontalo con il modo in cui la Cina è riuscita a contenere la malattia. Secondo la Johns Hopkins University americana, il bilancio delle vittime cinesi è di quasi 4.700. Si tratta di un minuscolo 2,4 per cento della cifra di mortalità americana, eppure la Cina ha una popolazione circa quattro volte più grande degli Stati Uniti.

Richard d. Wolff

Ora, si potrebbe sostenere che il sistema “comunista” ufficiale della Cina non è completamente comunista o socialista. Incorpora l’economia di mercato. Altri osservatori sostengono che la Cina è in gran parte socialista data la sua pianificazione centrale e l’intervento del governo nell’allocazione delle risorse. In ogni caso, basti dire che la Cina non è capitalista in un modo paragonabile agli Stati Uniti, dove i grandi affari e le grandi banche si collegano strettamente con la connivenza del governo.

Ora, si potrebbe anche sostenere che i dati Covid-19 della Cina non siano accurati. Ma stiamo citando dati raccolti da una rispettabile università americana. Anche, per amor di discussione, se alcuni dati della Cina non erano accurati, l’enorme differenza con i dati statunitensi, questo suggerisce fortemente che esiste una spiegazione sistemica.

Andando per il disastro totale che la pandemia di coronavirus e la sua malattia Covid-19 hanno provocato negli Stati Uniti rispetto alla Cina, la conclusione deve essere che il sistema economico americano è il vero colpevole delle dimensioni del disastro.

In effetti, la differenza è così lampante che è quasi accecante per la vergognosa realtà. La realtà è che il capitalismo corporativo americano è uno stupendo fallimento. Il sistema è in bancarotta e obsoleto in termini di funzionamento come un modo praticabile di organizzare la società e allocare le risorse in modo umano e sostenibile.

Questo è il motivo per cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua amministrazione hanno speso così tanti sforzi per indicare come capro espiatorio la Cina per la pandemia . Trump ha disonorato l’assemblea generale delle Nazioni Unite questa settimana vomitando menzogne ​​e calunnie contro la Cina per “aver scatenato la peste nel mondo”.

Dal punto di vista della classe dirigente statunitense, che include oligarchi come Trump, è una necessità assoluta fare della Cina il capro espiatorio. Altrimenti la conclusione alternativa e più accurata è devastante se viene ampiamente riconosciuta: vale a dire, che la vera malattia è il capitalismo americano (o anglosassone ).

Proteste contro il sistema delle corporations

Coronavirus e Covid-19 sono solo un punto focale, tra gli altri, per esporre questa verità. Potremmo anche concentrarci sull’oscena disuguaglianza all’interno della società capitalista americana, dove decine di milioni di lavoratori e le loro famiglie affrontano povertà, disoccupazione, fame e senzatetto mentre il sistema elargisce profitti enormi ai suoi oligarchi.

Potremmo anche concentrarci sulle innumerevoli guerre e morti che l’imperialismo statunitense ha inflitto al pianeta nel corso di decenni, il tutto per saziare i voraci profitti delle sue fameliche corporation. È patologico proprio quel tipo di sistema.

Ci sono molti modi per dimostrare la natura moribonda del capitalismo. Ma il fallimento abietto e criminale dell’America nel salvaguardare la salute pubblica della sua popolazione dalla pandemia è forse la diagnosi terminale.

Donald Trump o Joe Biden sono irrilevanti a questo punto. La farsa corrotta a due partiti negli Stati Uniti è essa stessa parte della malattia.

*Finian Cunningham ha scritto molto su affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Si è laureato in Chimica Agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere una carriera nel giornalismo giornalistico. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni ha lavorato come redattore e scrittore in importanti organizzazioni di mezzi di informazione, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent. – –

Fonte: Sputnik News

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

  • giulio
    28 Settembre 2020

    tutto vero e condivisibile ma temo che la lercia e calunniosa propaganda trumpiana e degli altri suoi pari avrà la meglio nell’addebitare alla cina responsabilità assurde!
    La maggior parte degli americani sono imbevuti fino al midollo della propaganda capitalistica e imperialistica!
    Sono sicuro che sarà guerra…sebbene sono altrettanto certo che non sarà guerra nucleare come molti temono o addirittura si augurano!

  • cristiano
    28 Settembre 2020

    Il capitalismo é un sistema di ladrocinio legalizzato ai danni del popolo…e siamo d’accordo…
    ma tutto il discorso sulla “pandemía”? mi sembra campato all’aria visto che tale non é.
    Il socialismo, poi, non é meglio del capitalismo.

    • atlas
      28 Settembre 2020

      quindi non rimane che la suinocrazia. Ciò che non accetto è il perchè tu vivi nella merda pretendi lo si debba convivere tutti

      • cristiano
        29 Settembre 2020

        a me pare, giudicando gli sproloqui pestilenziali che leggo da un sedicente duosiciliano, islamoide, perché certamente di Islam non capisce una beata mazza, l’aria di merda la si percepisce nettamente in certi patetici commenti da frustrati…cosicché vado a prendere aria altrove…

        • atlas
          29 Settembre 2020

          se l’aria è quella di Milano o italiana di genere non fai altro che confermare la mia ipotesi. Non che ce ne fosse bisogno

          e cmq il suinocrate tale è, non credo profumi mica, tale è l’america, una fogna esclusa anche dai più minimi benefici di Dio, quali un cielo aperto e sereno

  • Sandro
    29 Settembre 2020

    Non c’era mica bisogno della pandemia per capire che il capitalismo fosse un’idea nata dal marciume, anche se non sempre. Gli stessi “esercenti” ne sono vittime. Una prova? Non tutti sanno che in America esistono interi quartieri ingabbiati da robuste inferriate invalicabili controllate costantemente da polizia privata. Tale polizia controlla minuziosamente chiunque vi entri dai varchi previsti.
    Un esempio di ciò lo abbiamo a Roma nel quartiere Olgiata dove si possono osservare all’interno di molti villini, anch’essi opportunamente recintati, coppe di cani mastini o dobermann – telecamere a parte. Dunque i “padroni” prima di entrare in casa vengono controllati da coloro che sono stati messi a margine dai medesimi e che sono autorizzati a sparare a vista a coloro che, portati alla disperazione dalla speculazione di costoro, forzi il blocco o tenti si scavalcare i recinti. Dunque tanti soldi per vivere in gabbia. Capitalismo, da “capitale”, etimologicamente – anche – : “tutto ciò che è principale”. E cosa si vole che sia principale/essenziale, per un privato, se non tutto ciò che lo interessi a suo esclusivo vantaggio?

    Albert Einstein: “finché l’uomo è imbecille, solo questa potrà sviluppare”.
    O se si preferisce: “due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo all’universo ho ancora dei dubbi”.

Inserisci un Commento

*

code