APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Il Capitalismo, la NATO e la guerra eterna

di  Christopher Black (*)

Il 14 settembre, in un discorso all’organizzazione americana di estrema destra chiamata “The Heritage Foundation”, riferendosi, si suppone, alle loro radici suprematiste, il Segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha descritto la NATO a tutti gli effetti come un “governo mondiale” preparato per la guerra eterna.

Lui stesso ha dichiarato che la NATO è “il garante della pace e della stabilità in Europa dal 1949”, quando in effetti si è riusciti a fermare la guerra e la catastrofe. In realtà l’unica vera garanzia di pace e stabilità in Europa fino al 1991 è stata l’Armata Rossa, bisogna riconoscerlo, visto che, fino al suo ritiro, non ha permesso alla macchina da guerra della NATO di muoversi, come poi è avvenuto nei Balcani e fino ai confini della Russia.

Secondo Stoltenberg il patto di Varsavia non esisteva. Eppure quello è stato necessario per contrastare le continue minacce della NATO contro l’Europa orientale e l’Unione Sovietica. Senza il Patto di Varsavia, senza l’Armata Rossa, gli americani ei loro luogotenenti sarebbero volati attraverso l’Europa molto tempo prima, a nome dei capitani della libera impresa, con la stessa miseria risultante per le masse che da allora hanno causato . Le Nazioni Unite non sono nemmeno nell’universo di Mr. Stoltenberg. Potrebbero anche non esistere, né il Movimento dei non allineati, che ha anche svolto un ruolo significativo nel tentativo di stabilire i principi della non interferenza, della sovranità nazionale, del rispetto dei diversi sistemi sociali ed economici e dell’osservanza dei principi giuridici internazionali. La Storia viene rivisitata dai plenipotenziari della NATO.

Se andiamo ad analizzare, il sostegno dei movimenti di liberazione nazionale da parte dell’URSS che riuscì a liberare i popoli del terzo mondo dal colonialismo fu uno dei più importanti progressi della democrazia nella storia del mondo. Eppure secondo Stoltenberg questa liberazione dei popoli coloniali era sempre e comunque “aggressione da parte dell’Unione Sovietica” mentre la NATO è “un’alleanza che cerca un clima internazionale stabile basato su regole in cui tutte le nazioni possano prosperare”, quando in realtà intendeva dire che le nazioni della NATO possono prosperare a scapito dei paesi destabilizzati e depredati. Lo si è visto nella ex Jugoslavia come in Iraq, in Afghanistan ed in Libia.

Stoltenberg ha confessato questo quando ha affermato che la NATO ha contribuito a “diffondere valori democratici, libera impresa e stabilità” a milioni di persone nella parte orientale dell’Europa, quando in realtà la NATO ha solo sostituito la democrazia socialista con la democrazia capitalista, la democrazia dei lavoratori con la democrazia del grande capitale, della elite finanziaria in nazioni come l’Ucraina, l’Iraq, l’Afghanistan, mentre in Siria, nell’Iran, iin Venezuela, in Nicaragua e in numerosi paesi africani hanno agito per schiacciare le democrazie locali che si oppongono agli interessi degli USA e della NATO.

Per far avanzare il sistema della “libera impresa”, che è quello di garantire la completa libertà di movimento dei capitali delle nazioni della NATO contro la volontà dei popoli del mondo, il plenipotenziario della NATO si è fatto vanto delle proprie armi nucleari e della prontezza nell’ usarle e ha ammesso che le ventotto basi americane in Europa sono “non solo per l’Europa, ma piuttosto sono quelle che permettono agli Stati Uniti di proiettare la loro potenza militare in tutto il Medio Oriente e l’Africa.”

Segretario NATO Stoltenberg

Lo stesso Soltenberg ha felicemente sottolineato che il comando per Africa (AFRICOM) degli Stati Uniti, per cui si è tentati di usare il termine Wehrmacht nazista Afrika Korps, si basa, non in Africa, ma a Stoccarda, in Germania e che gli Stati Uniti, con la 6 ° flotta che pattuglia dal Mar di Barents in Antartide ha sede a Napoli, mentre i suoi soldati sono visti mentre scatenando il caos in Iraq, nella Siria e nell’Afghanistan da dove, se feriti, sono trasferiti per le cure nella base di Ramstein, in Germania .

Lo stesso ha poi ripetuto la dichiarazione USA-NATO secondo cui l’invasione dell’Afghanistan (che dura da 17 anni) era un’azione di “difesa collettiva” ai sensi dell’articolo 5 del Trattato NATO quando l’Afghanistan non aveva niente a che fare con l’incidente a New York dell’11/09 e quando l’invocazione di quella sezione del Trattato NATO era in aperta violazione dell’articolo 1 che impone alle potenze della NATO di aderire alla Carta delle Nazioni Unite che vieta un’azione militare contro una nazione se non approvata dal Consiglio di sicurezza.

Stoltenberg ha anche affermato che l’aumento concordato della NATO nella spesa militare è “un vero progresso” e che “ci stiamo muovendo nella giusta direzione” e ci siamo tutti congratulati con Donald Trump per la sua forte leadership. In risposta a una domanda, ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati intendono occupare l’Afghanistan per sempre. Ha dichiarato infatti:

“Dobbiamo ricordare che la ragione per cui siamo in Afghanistan è impedire che l’Afghanistan diventi nuovamente un rifugio sicuro per i terroristi internazionali”.

Questa è una doppia menzogna, naturalmente, dal momento che l’Afghanistan non è mai stato una base per attacchi terroristici in alcun paese della NATO e invece è stato usato dagli Stati Uniti per lanciare attacchi terroristici contro le forze sovietiche e il governo afghano negli anni ’80 che ha portato alla nascita dei talebani, e che sono le forze della NATO che hanno terrorizzato il popolo afghano per 17 anni. Ma questo continuerà a fungere da pretesto per la continua occupazione dell’Asia centrale, un pugnale puntato contro i territorii di Russia, Iran e Cina.

Da quel discorso allucinante di Stoltenberg le nazioni del mondo si sono rivolte all’Assemblea Generale contro il capo della NATO, il Presidente Trump, riprendendo la minaccia di “Bush o con noi o contro di noi” di George Bush al mondo. Possiamo immaginare il plenipotenziario della NATO tornare nel suo ufficio in seguito, compiaciuto di se stesso e di là, fare omaggio al ritratto di Hitler di Charlie Chaplin, che getta il mondo intorno come se fosse il suo giocattolo personale.

A sostegno della pretesa americana di governare il mondo, il Bilancio di difesa USA 2019 aumenta la spesa a nuovi livelli con un’enfasi sulle armi nucleari, nello stesso tempo in cui commette crimini contro l’umanità, spremendo l’economia della Corea del Nord per costringere quella nazione piccola ma orgogliosa per arrendersi senza difese contro un attacco degli Stati Uniti abbandonando le sue armi nucleari, mentre non dice nulla sulle armi nucleari israeliane o sull’occupazione israeliana della Palestina o sui suoi costanti attacchi alla Siria attraverso i suoi mercenari islamisti sostenuti dagli statunitensi.

Il budget di difesa degli Stati Uniti di 1,3 trilioni di dollari non solo fa vacillare la mente con la quantità di denaro da sprecare che potrebbe essere speso per cose migliori per i cittadini degli Stati Uniti, si legge come se il gruppo che lo ha scritto avesse la mente alterata dai farmaci . Nella seconda pagina del rapporto NATO è indicato,

“Oggi gli Stati Uniti stanno emergendo da un periodo di atrofia strategica in cui il vantaggio competitivo competitivo del Dipartimento si stava erodendo. Gli Stati Uniti stanno affrontando un crescente disordine globale, caratterizzato dal declino del vecchio ordine internazionale basato su regole, che crea un ambiente di sicurezza più complesso e volatile di quanto gli Stati Uniti abbiano mai sperimentato nella memoria recente. La principale competizione per il potere, oltre al terrorismo, è ora la principale preoccupazione per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

“I costi per non implementare questa strategia sono chiari. Il mancato rispetto degli obiettivi del DoD si tradurrà in una diminuzione dell’influenza globale degli Stati Uniti, nell’erosione della coesione tra alleati e partner e nella riduzione dell’accesso ai mercati che contribuirà a un declino della prosperità e del tenore di vita degli Stati Uniti “.

La prima menzogna in questa affermazione è che il vantaggio militare statunitense si stia erodendo. Forse si può dire che in termini di progressi tecnici sono in ritardo rispetto a Russia e forse alla Cina, ma in termini di uomini e materiali, basi, navi, aerei, sottomarini e armi nucleari non è mai stata una minaccia più grande per la pace mondiale.

La seconda menzogna è che gli Stati Uniti devono affrontare un crescente disordine globale, come se non avessero nulla a che fare con quello, perché il disordine globale che ora affrontiamo è interamente dovuto alle loro invasioni dell’Afghanistan, dell’Iraq, della Siria, al rovesciamento del governo dell’Ucraina e il sostegno dei neonazisti, i loro tentativi di rovesciare i governi di Venezuela, Nicaragua, Honduras, Yemen. Da ricordare che gli Stati Uniti appoggiavano l’invasione georgiana dell’Ossezia, il sostegno dei ceceni che attaccavano le forze di sicurezza russe, il loro sostegno alle cosiddette “rivoluzioni” di colore nel Nord Africa, la loro distruzione della Libia, della Jugoslavia, la loro costante aggressione contro la Russia, la Corea del Nord e la Cina usando la guerra militare, economica e di propaganda, il loro sostegno a un colpo di stato contro il governo della Turchia e persino il tentativo di turbare le relazioni altrimenti conformi con il loro fedele vassallo, il Canada.

Gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO trattano il diritto internazionale con disprezzo, usano un’intensa propaganda sui loro stessi popoli per lavargli dal cervello per sostenere questa criminalità e cercano di intimidirli con la loro “guerra al terrore” mentre hanno salvato le libertà civili. La legge non significa nulla per gli psicopatici che governano queste nazioni e il cui slogan è “pace attraverso la forza” o, per contrastare l’eufemismo, “pace attraverso la guerra”.

Forze USA sbarcano in Polonia

Ma rivelano il loro vero scopo con la linea che temono “un accesso ridotto ai mercati che contribuirà a un declino della prosperità e del tenore di vita degli Stati Uniti”. In altre parole, i capitalisti americani temono la perdita di profitto e il loro tenore di vita. A loro non potrebbe importare di meno del costante declino del tenore di vita delle masse causato dalle loro spese militari per sostenere gli standard di vita dei ricchi capitalisti.

Ma furono proprio come gli Stati Uniti che provocarono la guerra con il Giappone nel 1941 con il blocco petrolifero che impediva al Giappone di accedere alle forniture energetiche, gli Stati Uniti hanno ora segnalato che sta contemplando un possibile blocco navale della Russia, ma in questo caso per impedire che commercializzi le sue forniture di energia. Il ministro degli Interni americano, Ryan Zinke, ha dichiarato il 28 settembre in relazione alla Russia che,

” Gli Stati Uniti hanno questa capacità, con la nostra Marina, di assicurarsi che le rotte marittime siano aperte e, se necessario, di bloccare … per assicurarsi che la loro energia non vada sul mercato.”

La dichiarazione ha poco senso in quanto la maggior parte delle esportazioni di energia della Russia sono attraverso i gasdotti verso l’Europa e la Cina non via mare e quindi un blocco navale sembrerebbe essere una minaccia vuota, persino assurda. Tuttavia, la Russia sta inviando quantità crescenti di gas naturale liquefatto via nave in Cina, India e Venezuela e persino negli Stati Uniti nord-orientali dal proprio impianto di GNL Yamal recentemente completato nell’Oceano Artico in Siberia, che ha un’enorme capacità di raffinare ed esportare gas nel nord Russia. Gli Stati Uniti sono intenzionati ad accaparrarsi i mercati cinesi e indiani in rapida crescita e vogliono impedire le esportazioni di gas verso il Venezuela e ovviamente sono scontenti che il gas russo sia apparso sul mercato statunitense per soddisfare la domanda che i loro produttori non riescono a soddisfare e questo tentativo sarebbe un atto di guerra,

Quindi, ancora una volta il mondo è sull’orlo della guerra per la divisione delle risorse e dei mercati, una guerra che è andata avanti per secoli mentre noi, il popolo, ne subisce le conseguenze. E sappiamo di cosa si tratta, di avidità di profitto, profitto per loro, ma miseria per noi mentre si preparano per il prossimo atto di aggressione in quella che sembra la loro eterna guerra.

Christopher Black * è un avvocato penalista internazionale con sede a Toronto. È noto per una serie di casi di crimini di guerra di alto profilo e ha recentemente pubblicato il suo romanzo ” Beneath the Clouds . Scrive saggi su diritto internazionale, politica ed eventi mondiali, in particolare per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. Alfvanred 2 settimane fa

    L’unica vera garnzia di pace in Europa è stata l’Armata Rossa
    Sottoscrivo in toto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. eusebio 2 settimane fa

    La cosa più raccapricciante è che Stoltenberg teoricamente come socialista sarebbe un pacifista, il che da il senso della definitiva involuzione del socialismo europeo verso forme di autoritarismo globalista-finanziario, opposto al tradizionale nazionalismo identitario che al contrario vede nell’industria nazionale lo strumento della difesa dello stato.
    Questa visione del mondo finanziario-speculativa è tipicamente giudaica e lega la sorte delle sinistre moderate europee all’esistenza stessa e dello stato giudaico e del popolo ebraico, in quanto questo piccolo popolo di speculatori pensa di poter sopravvivere solo in un mondo multietnico, multiculturale e multigender, in quanto in un mondo di potenti stati nazionali gli agenti del capitalismo finanziario sionista non sarebbero liberi di depredare le economie degli altri per tenere in vita il desertico staterello giudaico eternamente in bancarotta.
    Il progetto ebraico di creare un mondo di piccoli stati dominati dalla NATO sionista si è fermato davanti al potente stato nazionale russo, rafforzato dal ritorno in patria di molti milioni di russi dalle ex repubbliche sovietiche inclusa l’Ucraina.Questo ha impedito allo starello askenazi di espandere verso est le due demoniache loro creature UE e NATO, mentre gli USA cozzavano contro la nuova superpotenza cinese, la quale si prenderà l’Asia e lascerà l’Europa ai russi, nonchè il medio oriente agli iraniani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. kison 2 settimane fa

      stolten berg è nazionalsocialista,casomai

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. atlas 2 settimane fa

    la nato è morta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Silvia 2 settimane fa

    Mi spiace per l’autore, ma l’aiuto dato dall’URSS ai Paesi del terzo mondo per liberarsi dal colonialismo (comprensibile data la contrapposizione URSS-Potenze occidentali) non ha portato nessun progresso, vedi lo stato dell’Africa attuale (Paesi importanti come l’India non avevano molto bisogno dell’aiuto russo per liberarsi) Concordo sul fatto che ORA la NATO serve solo a mantenere l’Europa sottomessa agli USA ed a minacciare la Russia.)evan bisog.o lpOTENZE OCCIDENTALI, NON HAPORTATO A NESSUN PROGRESSO tra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Silvia 2 settimane fa

    Mi spiace per l’autore, ma l’aiuto dato dall’URSS ai Paesi del terzo mondo per liberarsi dal colonialismo (comprensibile data la contrapposizione URSS-Potenze occidentali) non ha portato nessun progresso, vedi lo stato dell’Africa attuale (Paesi importanti come l’India non avevano molto bisogno dell’aiuto russo per liberarsi) Concordo sul fatto che ORA la NATO serve solo a mantenere l’Europa sottomessa agli USA ed a minacciare la Russia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 2 settimane fa

      sei sicura, politicamente, di fare parte del ‘primo mondo’ ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Silvia 2 settimane fa

        Paesi del Terzo mondo era un modo di dire del tempo della I Guerra Fredda

        Rispondi Mi piace Non mi piace