Il caos della valuta si sta diffondendo in tutto il Sud del mondo

di  Pepe Escobar

Il rial iraniano: caduta libera. La lira turca: caduta libera. Il peso argentino: crollo. Il real brasiliano: caduta libera. Ci sono molteplici, complessi, vettori paralleli nel gioco di questo deserto di crollo di valute . Il caso della Turchia è fortemente influenzato dalla bolla del credito facile creato dalle banche europee.

Il problema dell’Argentina è principalmente legato all’austerità neoliberista del governo del presidente Mauricio Macri il quale ha dovuto ammettere che non sarà in grado di raggiungere gli obiettivi di pagamento concordati con il Fondo monetario internazionale meno di tre mesi fa.

L’Iran ha a che fare con le dure sanzioni degli Stati Uniti imposte dopo il ritiro unilaterale dell’amministrazione Trump dall’accordo nucleare iraniano.

Il Brasile ha a che fare con ciò che la Dea del Mercato considera anatema: una vittoria del prigioniero Lula (ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva) o il suo candidato designato alle elezioni presidenziali del prossimo ottobre.

Questa è una grave crisi valutaria che interessa i principali mercati emergenti. Tre di questi – Brasile, Argentina e Turchia – sono membri del G20 e l’Iran, in assenza di pressioni esterne, avrebbe tutte le caratteristiche per qualificarsi come membro. Due – Iran e Turchia – sono sotto le sanzioni degli Stati Uniti, mentre gli altri due, almeno per il momento, sono fermamente all’interno dell’orbita di Washington.

Ora, confrontalo con le valute che stanno guadagnando contro il dollaro USA: la grivna ucraina, il lari georgiano e il peso colombiano. Non esattamente i pesi massimi del G20 – e tutti loro anche all’interno dell’ area di influenza di Washington.

Guarda l’asse dell’oro

Analisti indipendenti dalla Russia e dalla Turchia al Brasile e all’Iran concordano ampiamente sul fatto che lo schiacciante fattore dell’attuale crisi valutaria è un rovesciamento della politica di  “quantitative easing” della Federal Reserve statunitense (QE).

Come ha osservato Jim Rickards, investment banker e risk manager, il QE per tutti gli scopi pratici ha rappresentato la Fed che dichiarava una guerra valutaria contro l’intero pianeta – stampando dollari USA a volontà su un escalation da mille miliardi di dollari. Ciò significava che il crescente debito degli Stati Uniti era svalutato, quindi i creditori stranieri furono rimborsati con dollari americani meno cari.

Turchia crisi valutaria

Ora, la Fed ha drasticamente invertito la rotta ed è completamente investita nella restrizione quantitativa (QT).

Niente più dollari liquidi che inondano i mercati emergenti come la Turchia, il Brasile, l’Argentina, l’Indonesia o l’India. I tassi di interesse statunitensi sono in aumento. La Fed ha smesso di acquistare nuove obbligazioni. Il Tesoro degli Stati Uniti sta emettendo nuovi debiti obbligazionari. Quindi il QT, combinato con una guerra commerciale globale e mirata contro i principali mercati emergenti, enuncia la nuova normalità: la militarizzazione del dollaro USA .

Non c’è da meravigliarsi che Russia, Cina, Turchia, Iran – quasi tutti i principali attori regionali investiti nell’integrazione Eurasia – stiano acquistando oro con l’obiettivo di uscire progressivamente dall’egemonia del dollaro USA. Come lo stesso JP Morgan lo ha coniato oltre un secolo fa, “L’oro è denaro. Tutto il resto è credito. ”

Tuttavia, ogni guerra valutaria non riguarda l’oro; riguarda il dollaro USA. Eppure il dollaro americano ora è come un visitatore imperscrutabile dallo spazio, dipendente da una massiccia leva finanziaria; una galassia di derivati ​​loschi; lo schema di stampa QE; e all’oro non viene riconosciuta la sua vera importanza.

Questo sta per cambiare. La Russia e la Cina hanno fortemente investito nell’acquisto di oro. La Russia ha scaricato in blocco i buoni del tesoro statunitensi. E quello che i BRICS avevano discusso a partire dalla metà degli anni 2000 è ora in movimento; la spinta a costruire sistemi di pagamento alternativi al SWIFT subordinato al dollaro USA.

La Germania sembra addivenire all’idea . Se ciò dovesse accadere, potrebbe forse aprire la strada all’Europa che si ridefinisce geopoliticamente in termini di indipendenza militare e strategica.

Quando e se ciò accadrà, probabilmente ad un certo punto nel prossimo decennio, la politica estera degli Stati Uniti, attualmente configurata come una valanga di sanzioni potrebbe essere efficacemente neutralizzata.

Sarà un affare lungo e prolungato – ma alcuni elementi sono già visibili, come la Cina che utilizza i mercati di negoziazione statunitensi per aiutare l’emergere di una più ampia piattaforma di trasferimento . Dopo tutto, i principali mercati emergenti non riescono a uscire dal sistema del dollaro USA senza una piena convertibilità dello yuan.

E poi ci sono nazioni che contemplano la creazione delle loro criptovalute. La finanza digitale è la strada da percorrere.

Petro Venezuela

Alcune nazioni, ad esempio, potrebbero utilizzare una criptovaluta denominata in DSP (diritti speciali di prelievo) – che è, in pratica, il denaro mondiale designato dal FMI. Potrebbero sostenere le loro nuove monete digitali con oro.

Il Venezuela, del tutto impantanato sta almeno mostrando la strada. Il “bolivar sovrano” ha iniziato a circolare la scorsa settimana – ancorato a una nuova criptovaluta, il petro, che vale 3.600 bolivar sovrani.

La nuova criptovaluta sta già ponendo una domanda affascinante: ” Il petro è una vendita anticipata di petrolio o un debito estero supportato dal petrolio?” Dopotutto, i membri del BRICS stanno comprando una grossa fetta dei 100 milioni di petro – sicuri di essere sostenuti da una riserva sicura, il blocco dell’Ayacucho della riserva dell’ Orinoco Oil Belt.

L’economista venezuelano Tony Boza lo ha inchiodato quando ha sottolineato l’ancoraggio tra il petrolio e i prezzi internazionali del petrolio: “Non saremo soggetti al valore della nostra valuta determinata da un sito web, il mercato petrolifero lo determinerà”.

Una criptovaluta persiana?
E questo ci porta alla domanda chiave della guerra economica americana sull’Iran. I commercianti del Golfo Persico sono virtualmente unanimi: il mercato petrolifero globale si sta stringendo, in fretta, e nei prossimi due mesi scarseggerà.

Le esportazioni di petrolio iraniane dovrebbero scendere a poco più di 2 milioni di barili al giorno ad agosto. Paragonalo ad un picco di 3,1 milioni di barili al giorno in aprile.

Sembra che molti giocatori si pieghino anche prima che le sanzioni petrolifere di Trump entrino in campo.

Sembra anche che l’umore di Teheran sia “sopravviveremo”, ma non è esattamente chiaro che la leadership iraniana sia realmente consapevole della natura della tempesta in arrivo.

L’ultima relazione di Oxford Economics sembra piuttosto realistica: “Ci aspettiamo che le sanzioni riportino l’economia in recessione, con il PIL ora visto in contrazione del 3,7% nel 2019, la peggiore performance economica in sei anni. Per il 2020 assisteremo a una crescita dello 0,5%, guidata da una modesta ripresa dei consumi privati ​​e delle esportazioni nette. ”

Gli autori del rapporto, Mohamed Bardastani e Maya Senussi, affermano che “gli altri firmatari dell’accordo originale [il JCPOA, in particolare l’EU-3] non hanno ancora definito una strategia chiara che consentirebbe loro di aggirare le sanzioni statunitensi e continuare a importare Petrolio iraniano “.

Il rapporto ammette anche l’ovvio: non ci sarà alcuna spinta interna in Iran per il cambio di regime (è una cosa che accade solo nelle deformate menti neocon degli Stati Uniti) mentre “sia i riformatori che i conservatori sono uniti nello sfidare le sanzioni”.

Ma sfidando come? Teheran non ha ideato una roadmap win-win in grado di essere venduta a chiunque – dai membri di JCPOA agli importatori di energia come il Giappone, la Corea del Sud e la Turchia. Ciò rappresenterebbe la vera integrazione dell’Eurasia. Avere l’ayatollah Khamenei che dice che l’Iran è pronto a uscire dal JCPOA non è abbastanza buono.

Fonte: Asia Times

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code