Il cancelliere austriaco si è dichiarato contrario alle nuove sanzioni dell’UE alla Russia


Il cancelliere austriaco Sebastian Kurtz ha dichiarato di essere contrario a ulteriori sanzioni dell’UE contro la Russia. La pace in Europa sarà possibile solo se ci sarà cooperazione con la Russia.

“Sono contrario a sanzioni aggiuntive fine a se stesse. Quello che serve è la riduzione dell’escalation. È difficile, ma l’aggravamento costante non è il modo in cui vogliamo andare “, – ha sottolineato Kurz in risposta alla domanda se l’UE debba imporre nuove sanzioni contro la Russia.

Putin riceve Kurtz
  • “Le sanzioni Ue già imposte erano quelle giuste. Ma è importante fare affidamento anche sul dialogo. Ci può sempre essere pace nel nostro continente solo [se i paesi lavorano] insieme alla Russia, non contro di essa “.

  • Nota: Il giovane cancelliere austriaco risulta l’unico premier europeo che, di fronte alle direttive di Washington di sanzionare la Russia, non ha sbattuto i tacchi ma ha manifestato una posizione contraria.
    Il cancelliere austriaco ha dimostrato dignità e spina dorsale, pur essendo premier di un piccolo paese, al contrario dei suoi colleghi della UE che si sono disposti tutti in fila ad obbedire alle direttive di Washington.
    Kurz è consapevole del fatto che il crescendo di sanzioni contro la Russia ha l’effetto di ledere gli interessi dei paesi europei, avvantaggia soltanto le politiche suprematiste di Washington e dei suoi satelliti e produce uno strappo alla coesistenza pacifica in Europa.
    Ogni tanto compare sulla scena europea qualche personaggio che ha gli attributi per dire no alla subordinazione dell’Europa al dominio USA. Possiamo soltanto sperare che altri come Kurz ritrovino il senso della dignità per affermare il diritto di paesi sovrani a rivendicare la propria autonomia dall’Impero.
    Kurtz deve però essere molto attento, rischia di essere nel mirino dei servizi di intelligence anglo USA che di solito procedono ad eliminare i disobbedienti architettando “strani incidenti”. L’ultimo a cui toccò questa sorte in Austria fu il compianto Joerg Haider.
  • Fonte: New Front
  • Traduzine e nota: Luciano Lago
5 Commenti
  • sublime
    Inserito alle 18:21h, 26 Aprile Rispondi

    Austria non ha basi USA

    • atlas
      Inserito alle 23:11h, 26 Aprile Rispondi

      sangue germanico

  • mario
    Inserito alle 21:47h, 26 Aprile Rispondi

    gli stati uniti sono una colonia ebrea…………..
    l ” europa e” una colonia ebrea………………..
    questi schifosi e bastardi ebrei stanno distruggendo il pianeta
    bisogna riaprire birkenau ………………….
    w russia w cina …..e tutti i paesi liberi e sovrani………………………………

  • Sarmata
    Inserito alle 00:49h, 27 Aprile Rispondi

    Intelligenza, non sangue. O c’è o non c’è…

  • giorgio
    Inserito alle 08:48h, 27 Aprile Rispondi

    Non avere basi usa sul proprio territorio è un elemento importante per affermare la propria sovranità ……
    certo poi ci sono legami finanziari da recidere …… ma intanto è già qualcosa ….

Inserisci un Commento