"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il Campo dei Santi

“Quando i mille anni saranno compiuti, Satana verrà liberato dal suo carcere e uscirà per sedurre le nazioni ai quattro punti della terra, Gog e Magog, per adunarli per la guerra: il loro numero sarà come la sabbia del mare. Marciarono su tutta la superficie della terra e cinsero d’assedio il Campo dei Santi e la città diletta”.

Apocalisse, 20, 7-9

di Michele Fabbri

Da questa citazione biblica è tratto il titolo del romanzo apocalittico Il Campo dei Santi di Jean Raspail, pubblicato nel 1973.

In breve la trama dell’opera è la seguente: nel 1997 una folla di poveri dell’India decide di impadronirsi di una flotta per invadere l’Europa. La folla, guidata da una bieca figura detta il “coprofago”, con la complicità di missionari cristiani e di organizzazioni “umanitarie” riesce nell’intento e comincia il suo minaccioso itinerario di avvicinamento. Le classi dirigenti delle nazioni europee sono disorientate dagli avvenimenti e tutto quello che riescono a immaginare è preparare il terreno all’invasione mediante una martellante campagna propagandistica che deve far accettare all’opinione pubblica l’avvento della società multirazziale. Quando la flotta degli immigrati arriva sulla Costa Azzurra, un gruppo di francesi che tenta di resistere viene bombardato dalla stessa aviazione francese, inviata dal governo a proteggere la marcia trionfale degli immigrati. Gli immigrati non trovano quindi alcuna opposizione sul piano militare, e men che meno sotto l’aspetto istituzionale: viene immediatamente instaurato un regime neocomunista che espropria le abitazioni ai proprietari e dà il via alle occupazioni delle case da parte delle orde di colore. Raspail, con una efficace similitudine, paragona l’invasione dell’Occidente da parte degli immigrati alla caduta di Costantinopoli conquistata dai Turchi nel 1453.

Il Campo dei Santi

La perizia stilistica di Raspail è davvero magistrale: il romanzo, incentrato sul tempo relativamente breve delle poche settimane che occorrono alle navi per viaggiare dall’India all’Europa, scava in profondità nella psicologia collettiva dei gruppi umani protagonisti del romanzo. Le masse di immigrati sono animate da spirito di conquista, e perseguono il loro obiettivo con convinzione incrollabile, rifiutando qualsiasi offerta di compromesso. Gli occidentali complici degli immigrati, missionari e uomini politici, sono invece mossi dal tornaconto personale e da un risentimento infinito, e si sentono votati interamente alla causa dell’annientamento della loro stessa civiltà. Ma il genio letterario di Raspail si manifesta soprattutto nella descrizione delle popolazioni europee, sottoposte al martellamento continuo della propaganda multirazziale, che per lo più viene accettata passivamente, anche se talvolta i cittadini sono sfiorati dal dubbio se l’avvento dell’ecumene multietnica sia davvero il migliore dei mondi possibili. La penna di Raspail raggiunge vertici tragicomici difficilmente eguagliabili quando descrive i bambini delle scuole elementari che, istigati dagli insegnanti, disegnano gli immigrati che vanno a scuola, al lavoro, a fare la spesa…
Per non parlare di una canzone sull’accoglienza appositamente commissionata dal governo e trasmessa da tutte le radio e da tutte le televisioni con ripetitività maniacale.

L’opera di Raspail è cinica e disillusa e in questa sua durezza c’è tutta la volontà malvagia che spinge le forze occulte a edificare il regno satanico della globalizzazione: l’imposizione del meticciato ha prodotto uno scenario di caos istituzionale, di violenza quotidiana e di degrado generalizzato che ben sintetizza le attitudini e gli obiettivi della classe dirigente mondialista.

Il Campo dei Santi poteva sembrare un’opera di fantapolitica quando uscì, ma in breve tempo l’Europa è stata travolta da un’ondata migratoria che ha attirato l’attenzione del pubblico su questo testo, ispirando anche un bel film: La seconda guerra civile americana (regia di Joe Dante, 1997). Purtroppo non solo gli appassionati di cultura alternativa si sono interessati al Campo dei Santi, ma anche i censori “democratici”, che hanno cercato di occultare il romanzo o quanto meno di tenerlo lontano dai circuiti della grande distribuzione editoriale.

A oltre trent’anni di distanza dalla pubblicazione del libro, occorre purtroppo rilevare che la triste realtà ha ormai oltrepassato la fantasia del romanziere francese, ma Il Campo dei Santi è ancora una lettura provocatoria e rigenerante per coloro che non vogliono arrendersi al pensiero unico progressista.

* * *

Jean Raspail, Il Campo dei Santi, Edizioni di Ar, Padova, 1998, pp.348, € 17,00.

Fonte: Centro Studi La Runa

*

code

  1. Tania 9 mesi fa

    Ma i milioni di democristiani che fino a tangentopoli votavano i partiti della DC (PSI/PRI/PSDI/PL/MSI/Radicali), sono finiti tutti nel PD?
    E i milioni di italiani che votavano la sinistra, il giorno delle elezioni vanno tutti al mare?
    Chi vota PD è di destra, di centro, o di sinistra?L’elettore del PD è pro USA, pro NATO, pro_eliminazione ART. 18, pro- autoeliminazione dettata dai grandi gruppi finanziari, direi che non ci sono dubbi, l’elettore del PD è di CENTRO DESTRA.
    Gli elettori del PD sono i ragazzi delle discoteche solo più grandi. Una volta la sinistra significava informazione, buona o cattiva che fosse (era buona), ti dovevi informare, altrimenti eri guardato male…
    Oggi l’elettore del PD vale i democristiani di una volta, che più stupidi di loro non c’era nessuno, ed erano la maggioranza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 9 mesi fa

      No, l’elettore PD e molti altri italiani sono sempre di sinistra, quindi, poiche’ la Russia e’ svoltata nettamente a destra (difesa dei valori tradizionali e delle culture nazionali ecc), mentre gli USA, o la maggior parte della loro elite, sono molto di sinistra (distruzione della morale e della famiglia tradizionali, difesa delle grandi banche, ma distruzione dei piccoli imprenditori e proprietari, internazionalismo, con lo slogan “speculatori di tutti i Paesi unitevi”) sono sottomessi agli USA e nemici acerrimi della Russia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 9 mesi fa

        Sopra la difesa dei valori tradizionali e delle culture nazionali c’è la guerra di classe, ricchi contro poveri, e da questo bisogna partire altrimenti non capiamo più niente, prima cosa dobbiamo capire come ci rapportiamo tra noi terrestri, se ammazzandoci, depredandoci a vicenda, vinca il più furbo, il più forte, oppure mettendo in piedi un sistema sociale che tenga conto delle necessità di tutti tale che il più povero non debba vivere l’unica vita che ha in maniera infame, di comunismo non oso nemmeno parlare, per carità, stiamo con i piedi ben piantati per terra.
        Scelto il sistema, il resto sono dettagli, seppur importanti, non ne discuto.
        Voglio dire che la destra prevede vinca il più forte, il più furbo, il più cattivo, la sinistra invece narra di un sistema dove l’ultimo in basso, il più povero di tutti, ha comunque di che vivere pur in presenza del più forte, del più furbo, del più cattivo, che non è che la sinistra è esentata da queste figure, no?
        Detto questo mescoliamo pure le carte come vogliamo tanto saranno solo palliativi, o regole ad-personam o ad-gruppam…
        Oggi che un manipolo di ebrei sionisti massoni, vera oligarchia imperial-fascista, imposta la schiavitù come sistema sociale standard, che dica di essere di sinistra o di destra, che cambia? Guardiamo i fatti e sentiamo cosa dice, se quello che dice non corrisponde ai fatti non è colpa della destra o della sinistra entrambe abilmente manipolate, sfruttate, derise da questo manipolo di mafiosi di altissimo livello, no? abilissimo a farci discutere di FUFFA.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 9 mesi fa

          Taniuccia sei sempre a rivangare la presunta superiorità antropologica della sinistra di una volta
          Fai Delle citazioni ,da disco incantato.
          La DC era al governo durante un epoca nella quale passo in Parlamento lo statuto dei lavoratori
          Di Giugni e Brodolini.
          Un epoca nella quale Bankitalia era sotto il controllo del ministero del tesoro
          L’ epoca di Mattei all’ Eni
          L epoca Delle Bin controllate dall’IRI
          L epoca dell INA case di Fanfani
          L epoca nella quale diventammo ,con l economia mista stato/privati la quinta potenza manifatturiera mondiale.
          I tuoi Compagnucci ,quelli del Togliatti,dacci la linea!!!!!
          Quelli del leggo l’ unita e faccio ha meno di ragionare
          Quelli che pensavano di poter russificare l Italia,sono sempre stati ,a rimorchio di una banda di mestatori
          Che mentre di giorno in piazza facevano gli arruffapopoli ,la sera scodinzolavano nelle logge.
          Napo orso capo e compagnia,baffino iscritto alla ur lodge paneuropa,Napo alla three eyes
          Prodi Bilderberg,Amato Compass star rosa ventorum,
          Togliatti che riceve Gelli a Roma nell dicembre 44 lo sapevi? Leggiti la caverna dei sette ladri di g.f. Piazzesi
          E magari massoni ,società a responsabilità illimitata di Magaldi.
          Ce stai a fa ‘ prolassa’ le gonadi co’ sta ‘ tiritera della sinistra brava bella buona e informata de’ na’ vorta.
          Cambia disco!!!
          La sinistra , (attuale)fa sembrare l epoca dei governi DC un era popolata da difensori della sovranità nazionale.
          Il che è tutto dire,.
          Ma io son romagnola ,dice Tania e qui da noi una volta…. Ma da che ,Tania, Poletti ,ex coop bell’esempio di tutela dei lavorator
          Io invece son toscano ,e ti dico che di compagni erano e sono piene le logge. E se la base non se ne rese e rende conto
          Vuol dire che in realta erano e sono una massa(leggiti origine ed etimologia dal greco della parola) di beoti manipolati.
          Ancora con le classi e la lotta di classe,
          Gaber ,la destra e la sinistra,. Ascoltatelo ,che n ‘hai di bisogno,
          Saluti e ripigliati.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Tania 9 mesi fa

            Tutto vero. Non sapevo di Togliatti e Gelli. Leggere il tuo commento mi ha immalinconita, davvero noi del popolo non contiamo niente, più chiaro di così. Tu dici che tutti ci hanno fregati, tutti hanno mangiato su di noi, come sempre.
            Rimane una domanda, ci sono stati anni in cui davvero si poteva dire che in Italia la povertà più cupa, dal centro al nord, stendiamo un pietoso velo per il sud a gestione diretta mafie, era stata abolita, di chi è stato il merito? Io mi sono fatta una opinione in merito.
            Comunque, se il popolo deve essere dominato, che sia dominato dal meno peggio, in attesa del risveglio.
            Oggi si può parlare di un meno peggio? NO.
            Non sono io a parlare di sinistra e destra ma voi che badate a dire cosa e chi è sinistra e destra, e così facendo tutto diventa nebuloso, perde i contorni, ma una nera di capelli bionda, ha una parrucca, e viceversa, qui nessuno che dica mai delle parrucche usate, io dico che in giro oggi ci sono solo parrucche, ecco.

            Mi piace Non mi piace
          2. 9 mesi fa

            Scusa lo sfogo Tania ,niente di personale.
            Ma ricordo che il giovane pioniere baffino d Alema
            Quando da ragazzetto arringava le folle con concioni da commissario
            Politico ,davanti a Togliatti e Longo
            Pare che abbia fatto chiedere a Longo ,da Togliatti:
            Ma questo è un nano ,vero? Non può essere un tredicenne.
            Poi una volta cresciuto vai con le ur lodge ,la svendita del patrimonio di stato
            E il bombardamento nato in Serbia.
            Ora dirige il fronte anti Renzi
            Il pd ………… Non si può più definirlo senza incorrere nel penale.
            Saluti di nuovo ,niente di personale ,scusa ancora.

            Mi piace Non mi piace
      2. vi sbagliate entrambe, chi vota pd (e tutti gli altri partiti demoliberali) è un…

        non lo posso scrivere

        XD

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. alessandro farolfi 9 mesi fa

        Tu non hai capito un cazzo l’elettore medio del PD NON è di sinistra,o meglio non lo é più da ormai almeno 15 anni,ma di centro,con una piccola scivolata a destra perché schifa le novità e vuole solo lo status quo,cioé che tutto il casino Italiano rimanga tale e quale in quanto così può continuare a fare i suoi affari siano leciti od illeciti non importa,proprio come lo faceva l’elettore DC degli anni della cd”prima repubblica”(1950/1990)
        NON x niente quel coglione di Veltroni e prima di lui Occhetto,poi,D’Alema e via via gli altri che si sono succeduti hanno inglobato prima nei DS poi nello stesso PD la fazione della cd”sinistra”DC,cioé quelli che erano i più servi degli USA,sin dal 1945.
        X NON parlare del tradimento di Napolitano,detto il “Migliorista” il quale già all’inizio degli anni ’80 si recò negli USA x trattare il passaggio di campo del PCI verso la NATO e quindi nel campo occidentale.
        un saluto
        Alexfaro

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tania 9 mesi fa

          Sono molto d’accordo con Alessandro Farolfi, il PD è il partito che ha preso il posto della DC, semplicemente questo! Mi complimento per averla fatta rinascere sulle ceneri del partito dei lavoratori, quel partito che faceva i conti con la base, nelle sezioni, sui posti di lavoro, non entro negli errori e pregi reciproci dei partiti della 1° Repubblica, dico solo che tutto quello che gli italiani oggi hanno lo hanno potuto avere con le loro lotte e con un partito che li rappresentava, nel bene e nel male, ma c’era. Ha ragione Alessandro, oggi gli elettori del PD sono quelli da lui elencati.
          Non ci fosse stato il PCI gli italiani non sarebbero un popolo con risparmi, con tutti gli errori che può aver fatto.
          Dillo al PD oggi di permettere agli italiani di mettere da parte i risparmi, se lo fa!

          “ma oggi c’è la globalizzazione”

          Il primo che me lo dice ancora gli sputo in un occhio, è una promessa! Perché altrimenti mi deve spiegare perché la “globalizzazione” non colpisce mai i perversi, i mega ricchi, le mafie, il Vaticano, le case reali del mondo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Walter 9 mesi fa

      E dai Tania, che ti importa di destra o sinistra? Un ladro è un ladro, una brava persona è sempre una brava persona e una merda è pur sempre una merda, che si dica di destra o di sinistra che importanza ha?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Silvia 9 mesi fa

    Purtroppo i poveri dell’India (che non sono cretini) non ci pensano, di invadere l’Europa. Da noi arrivano solo gli Africani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Walter 9 mesi fa

    Si potrebbe prendere spunto dal libro: imbarcarli tutti su delle navi e mandarli negli USA con attaccato un cartello: “ecco il frutto delle vostre democratizzazioni: fateci vedere come siete bravi ad integrarli nella vostra società”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 9 mesi fa

      Da incorniciare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mardunolbo 9 mesi fa

        Sembra che rispedire alle loro capanne i clandestini costi allo stato , cioè cittadini, circa 4.000 € ! Perchè, mi chiedo ? Ovvia risposta: perchè sono rispediti per via aerea !Oh,bella,perchè non sono rispediti indietro su zatteroni trainati dalle navi della Marina Militare che li acciuffano dalle coste libiche direttamente ? O, meglio, sequestrare una nave -ong (di quelle che li caricano dalla costa e invece di scaricarli nel primo porto vicino -conv.ne Onu-li scaricano in Italia dopo un viaggio di 240 miglia)e si costringe queste a riportarseli indietro ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. nessuno 9 mesi fa

    Leggendo i commenti dei lettori, prendo nota che (alcuni) sono andati un pochino
    fuori tema,ritornando all’articolo, ho letto questo libro anni addietro e lo
    ho classificato e riposto nella biblioteca come romanzo di “science-fiction”
    mai e poi mai avrei creduto che questo potesse accadere in un prossimo futuro,
    lo scrittore è andato oltre le più dure previsioni scritte da molti scrittori, nessuno
    ha immaginato come lui quello che accade di questi giorni, ha solo sbagliato
    Paese, si direbbe che les élites abbiano preso spunto dal libro stesso.
    Aggiungo maliziosamente: che sia un “time traveler” ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace