Il cambiamento sta avvenendo in modo subdolo verso un mondo controllato dai nuovi feudatari

di José Javier Esparza

Stiamo affrontando un cambiamento radicale nelle regole del gioco che svuota completamente le nostre nozioni abituali di democrazia e libertà.

Il grande processo è già stato scatenato. Tutto sta accadendo nello stesso momento e ad una velocità enorme. Gli eventi arrivano da noi avvolti in una nuvola di notizie dove è già diventato praticamente impossibile sapere quali informazioni e cosa siano disinformazione. Il massimo che possiamo fare è cercare di afferrare alcuni fili di questa matassa e ricostruirne il percorso, nella speranza che ci dicano dove stiamo andando.

Potere pubblico, potere privato

Primo filo della matassa: assistiamo a una formidabile crescita del potere privato a scapito del potere pubblico. Il sintomo più evidente è stato l’esercizio della forza da parte delle grandi aziende che controllano Internet: Facebook, Google, Amazon, ecc. Che queste società abbiano accettato di mettere a tacere il Presidente degli Stati Uniti è un gesto abbastanza eloquente. Si tratta di un fatto di una portata straordinaria, perché significa che i grandi feudatari sono in grado di imporsi al sovrano, come in certi episodi del Medioevo.
Con la sfumatura rilevante, inoltre, che non stiamo parlando solo di società Internet, ma che ognuna di esse proviene dalla mano delle grandi banche di investimento, come i gruppi Vanguard e Black Rock. Quindi non stiamo affrontando un problema settoriale, qualcosa che potrebbe essere risolto con una legislazione antitrust, se non prima di una vera insurrezione dell’élite economica globale.
Questa è la naturale conclusione di quella “ribellione delle élite” immaginata da Christopher Lasch: i nuovi signori del mondo, avendo rotto tutti i legami culturali ed esistenziali con le loro nazioni, con le loro comunità, si sono proposti di costruire un nuovo potere.

Che i ricchi e potenti cerchino di influenzare la vita pubblica per determinare l’atmosfera politica non è una novità. Basti ricordare l’amara protesta di Eisenhower quando denunciava l’eccessiva influenza del “complesso militare-industriale” sulla politica statunitense. Neppure sarà inutile menzionare, ad esempio, il peso eccessivo delle grandi società elettriche nell’attuale politica spagnola. Ma qui non stiamo parlando di influenza, ma di qualcos’altro.
Una cosa è determinare cosa è pubblico e un’altra molto differente è impadronirsi di quello. Una cosa è per un agente privato giocare nel consiglio di amministrazione come un potere de facto (l’argomento “potere de facto”) e un’altra è per lui rivendicare pubblicamente per sé il diritto di censurare le libertà altrui. Nessuno in Occidente l’ha fatto per molti secoli. Ecco perché questo episodio è così importante: significa un cambiamento radicale nelle regole del gioco e svuota completamente le nostre solite nozioni di democrazia e libertà.

Jeff Bezos (Amazin) con Bill Gates

I dieci uomini più ricchi del mondo hanno guadagnato 300 miliardi di dollari in più dall’inizio della pandemia del Covid.
La consacrazione del pubblico come spazio politico per eccellenza è una caratteristica fondamentale della civiltà europea. Gran parte della nostra storia collettiva può essere scritta come quella di un lungo contrasto tra il potere privato dei signori della terra o del denaro e il potere pubblico della Corona. La costruzione degli stati moderni si basava proprio sul consolidamento di strutture pubbliche che, proprio perché pubbliche, rivendicavano un’indiscutibile legittimità. Vox populi, vox Dei, recitava il classico adagio.
In nome di quello, i re cattolici, ad esempio, poterono annullare il potere degli aristocratici castigliani e aragonesi (con una certa frequenza, appendendoli con una corda per il collo). Da allora, il sempre difficile equilibrio tra potere pubblico e libertà personali è stato l’arco chiave della politica in Occidente. Ora quell’equilibrio è sostanzialmente alterato.

La morte del liberalismo

Non è facile prevedere le conseguenze del processo. Il Daily Mailha riferito nel gennaio 2021 che i dieci uomini più ricchi del mondo hanno guadagnato 300 miliardi di dollari in più dall’inizio della pandemia del Covid. La fortuna personale di queste persone (Bezos, Gates, Musk, ecc.) è equivalente, ciascuna di quelle, al PIL di paesi come l’Ucraina, la Bulgaria, la Romania o il Portogallo. Questi miliardari hanno costruito tali imperi sulla base di un monopolio tecnologico transnazionale sostenuto dall’alleanza con la grande banca d’investimento, che moltiplica i suoi profitti, e con la connivenza dell’élite politica occidentale.

Elon Musk uno dei miliardari

Come possono non sentirsi capaci di zittirci tutti, figurativamente attraverso la censura e fisicamente con le mascherine? Il nuovo team della Casa Bianca è pieno di nomi collegati direttamente a Facebook, Black Rock, Goldman Sachs, ecc. Hanno preso loro il comando, in modo chiaro e semplice. Lo chiamano “multilateralismo” o “collaborazione pubblico / privato”, ma quello che si occulta da dietro è il giro decisivo nella struttura di potere.

Come prima misura, tutto questo significa che il liberalismo è entrato in una crisi irreversibile, anche maggiore di quella subita dal socialismo negli anni ’80. Il liberalismo è soprattutto una dottrina della limitazione del potere. Da qui la sua ossessione (non ingiustificata) di limitare il potere pubblico per garantire la libertà personale.
Tuttavia, se la limitazione del potere pubblico finisce per provocare una crescita illimitata dei poteri privati (delle grandi corporations) ​​che nessuno può controllare e che annienta le libertà personali, allora è chiaro che tale modello ha fallito. Lo stesso vale per le libertà politiche e per il concetto stesso di democrazia. La democrazia si basa sull’esistenza di un demos, ovvero in altre parole, di una comunità politica che è in grado di eleggere e controllare il potere. Ma se il potere trascende i confini nazionali, diventa globale, sfugge al controllo di qualsiasi comunità politica e impone la sua volontà ai demos senza alcuna restrizione, allora la democrazia è morta. Ed è esattamente quello che ci troviamo oggi.

È chiaro che la resistenza a questo processo può passare solo attraverso il rafforzamento della sfera pubblica, cioè quella politica, contro i poteri privati, e il rafforzamento della sovranità della comunità politica nazionale, concreta, a garanzia della sopravvivenza della democrazia.


Ora, anche i nuovi signori del mondo hanno il loro progetto: un mondo senza nazioni, una democrazia senza demos, un’ideologia di trasformazione del sistema economico con la scusa di esaltare l’emancipazione degli individui dalle loro comunità di origine. Quelli sono gli altri fili della matassa. Li vedremo in azione presto nella prossima occasione.

Fonte: El Manifiesto

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus