Il business dei vaccini Covid-19. La dimostrazione più disumana del capitalismo liberista

di Pasqualina Curcio

Il vaccino contro il covid-19 è un giro d’affari, a quanto pare è il migliore di questi tempi: l’investimento per la ricerca è stato assunto dai governi che hanno dato le risorse alle aziende farmaceutiche private.

Come se la desolazione per la reclusione, il disagio per le nuove infezioni e il lutto per chi è volato su un altra dimensione a causa della pandemia non bastassero, proviamo anche una profonda indignazione quando uno dei più disumani anti-valori di il mondo è messo in evidenza capitalismo: fare della vita e della salute un business.

Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e il Regno Unito si oppongono alla proposta di esenzione dei diritti di proprietà intellettuale e dei brevetti per il vaccino contro covid-19. Questa proposta è stata presentata all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) nell’ottobre 2020 da Sud Africa e India, a cui hanno già aderito più di 100 paesi. Consiste nell’eliminazione delle barriere di proprietà intellettuale in modo che le aziende trasferiscano la loro tecnologia e conoscenza ad altri impianti di produzione per produrre in modo massiccio tutte le dosi necessarie e quindi immunizzare la popolazione mondiale il più rapidamente possibile. Capacità di produzione disponibile secondo Tedros Adhanom, direttore dell’OMS.

L’accordo sul commercio e sui diritti di proprietà intellettuale (TRIPS) firmato dai paesi membri dell’OMC non è altro che la creazione legale di monopoli nella misura in cui concedono alle multinazionali della Big Pharma l’esclusività, per anni, della produzione e commercializzazione di un bene. L’argomento che sostengono è che i brevetti sono l’unica garanzia per incoraggiare gli investimenti in ricerca e sviluppo.

Con il ricatto dell’incentivo, quello che danno veramente alle case farmaceutiche è il potere di decidere chi vive e chi muore, oltre a decidere di cosa vivremo e di cosa moriremo. Sono loro, le Big Pharma, che redigono l’agenda della ricerca secondo i criteri di ciò che per loro è più redditizio, non a caso cronicizzano le malattie.

È vero comunque che i finanziamenti per la ricerca non provengono nemmeno dalla stessa industria farmaceutica privata. Sono i governi che storicamente hanno fornito risorse finanziarie ed è nelle università e principalmente nelle istituzioni pubbliche che si è sviluppata la ricerca di cui si sono poi appropriate le case farmaceutiche.

Dei 13,9 miliardi di dollari stanziati per la ricerca sul vaccino Covid-19, i governi hanno fornito 8,6 miliardi di dollari, le organizzazioni no profit 1,9 miliardi di dollari, mentre solo 3,4 miliardi di dollari sono stati dichiarati . Aziende farmaceutiche private, appena il 25% (Airfinity) . A questo bisogna aggiungere il mercato sicuro che il vaccino possiede, infatti, già entro dicembre 2020 i governi dei cosiddetti paesi sviluppati avevano preordinato 10.380 milioni di dosi.

L’azienda farmaceutica americana Moderna ha sviluppato il vaccino contro il covid-19 con il 100% di finanziamento pubblico, ha ricevuto 562 milioni di dollari. Sono state preordinate 780 milioni di dosi ad un prezzo che si aggira in media intorno ai 31 dollari USA / dose, che genera ricavi dell’ordine di 24.000 milioni di dollari. Tu puoi fare i conti del profitto di questa azienda.

Pfizer / BioNtech, anch’essa americana, ha ricevuto 268 milioni di dollari dal governo, circa il 66% di quanto stanziato per la ricerca. Sono state preordinate 1.280 milioni di dosi, che a un prezzo medio di 18,5 dollari USA / dose equivalgono a ricavi dell’ordine di 23.680 milioni di dollari. Astrazeneca / Oxford, con capitale inglese, è stata preordinata 3.290 milioni di dosi, che vende al prezzo di US $ 6 / dose, otterrà 19.740 milioni di dollari di entrate, ma il 67% dei 2.200 milioni di dollari che ha dedicato all’indagine erano pubbliche. Jhonson & Jhonson hanno ordinato 1.270 milioni di vaccini che vendono a US $ 10 / dose, generando un reddito di US $ 12.700 milioni, avendo effettuato un investimento di US $ 819 milioni con il 100% di finanziamento pubblico.

I prezzi dei vaccini vanno da US $ 4 a US $ 37 / dose: Sputnik-V US $ 10 / dose; Sanofi / GSK tra 10 e 21; Novavax 16; Moderni tra i 25 ei 37 anni; Sinovac tra 13 e 29 US $ / dose, oltre a quelli già citati.

Il vaccino contro il covid-19 è un business tondo, a quanto pare è il migliore di questi tempi: l’investimento per la ricerca è stato assunto dai governi che hanno dato le risorse alle aziende farmaceutiche private; hanno un mercato garantito perché gli stessi governi hanno preordinato i vaccini alle aziende da loro finanziate; tutto il profitto va alle aziende farmaceutiche, per lo più private, che sono anche quelle che, grazie al monopolio concesso dagli stessi governi tramite TRIPS, hanno da anni l’esclusiva di produzione e commercializzazione.

Questa restrizione all’accesso al vaccino, conseguenza dei brevetti, si verifica mentre 500mila persone vengono infettate e 8.000 muoiono ogni giorno a causa di questa malattia. È questo, o no, l’esempio più disumano di capitalismo liberista?

Oggi, mentre i paesi a reddito più alto vaccinano una persona al secondo, la maggior parte dei paesi non ha ancora somministrato una singola dose (Oxfam). Dei 128 milioni di dosi di vaccini somministrate fino ad oggi, più di tre quarti sono state applicate in soli 10 paesi che rappresentano il 60% del PIL mondiale. Quasi 130 paesi, con 2.500 milioni di abitanti, non hanno ancora avviato la vaccinazione (OMS). Si stima che, entro la metà dell’anno, solo il 3% della popolazione nei paesi più poveri sarà stato vaccinato e, nel migliore dei casi, un quinto, entro la fine del 2021 (Oxfam) che, allo stesso tempo, ritarderebbe non solo la ripresa economica in quei paesi, ma anche le condizioni di vita della loro popolazione. Gli Stati Uniti hanno ricevuto il 25% di tutti i vaccini disponibili nel mondo e l’Unione Europea il 12,6%. Questo schema si ripete, oltre che per il Covid, anche per le altre malattie endemiche che affliggono l’umanità.

L’audacia degli Stati Uniti, dell’Unione Europea e del Regno Unito è così grande che per privilegiare le loro capitali farmaceutiche si rifiutano di esentare dai brevetti nonostante il fatto che, nel cuore stesso dell’OMC, nel 2001 abbiano accettato di rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale nelle emergenze di salute pubblica: “Siamo d’accordo che l’accordo TRIPS non impedisce e non deve impedire ai membri di adottare misure per proteggere la salute pubblica. Di conseguenza, pur ribadendo il nostro impegno per l’Accordo TRIPS, affermiamo che l’Accordo può e deve essere interpretato e applicato in un modo che sostiene il diritto dei membri dell’OMC a proteggere la salute pubblica e, in particolare, a promuovere l’accesso ai farmaci per tutti. “

Quale maggiore emergenza sanitaria pubblica di una pandemia, che è globale e scusa il licenziamento, causato da un virus altamente contagioso e mortale?

Come se tutto quanto sopra non bastasse, è irritante sapere che, ad un prezzo medio di US $ 15 / dose e supponendo che 2 dosi di vaccino vengano applicate ai 7,7 miliardi di abitanti, ci vorrebbero 231 miliardi di US $ per immunizzare a tutta la popolazione mondiale, una cifra che non rappresenta nemmeno il 5% di tutto ciò che i 2.000 miliardari del pianeta hanno guadagnato in una pandemia grazie ai soldi che i governi hanno iniettato in borsa mentre 500 milioni di persone si sono iscritte alla lista dei poveri che va già dai 4.000 milioni.

Ali First (Muhammad Ali’) aveva detto: “Aiutala, aiuta l’umanità ad essere umana “. Ma lui era soltanto un pugile.

Fonte: Alainet.org

Traduzione: Lisandro Alvarado

4 Commenti

  • Giorgio
    25 Marzo 2021

    Ali First (Muhammad Ali’) ???? Pugile???? La frase è di Alí Primera un famoso cantante venezuelano

  • Mardunobo
    26 Marzo 2021

    Poverini, quelli esclusi dal vaccino ! Poveriniiiii !
    Beati loro, anche se non lo sanno ! Ma chi è Pasqualina Curcio ? Ha un nome sinistro….infatti sembra aver capito una mazza della situazione mondiale.

    • atlas
      27 Marzo 2021

      non ho commentato quest’articolo sino adesso; proprio per non sembrare quello che mette sempre i puntini sulle i

      tutti la redazione li trova…Merlo…Curcio. Che poi è stato pure tradotto (male). E che CAZZO ti devo dire…passiamoci questa pasqua in Famiglia e abbuffiamoci come porci. Tra un massaggio cinese alla pancia e l’altro (ho scovato pure chi di contrabbando è aperto in zona rossa, diavolo di un ex cc. Altro che merli e curci

  • Claudio
    27 Marzo 2021

    A me pare che la dittatura sanitaria impera nei paesi NATO. In russia al contrario, forse perché la CRICCA GLOBALISTA li non comanda non c’è né dittatura né censura sanitaria. Suggerisco al governo russo di giocare questa carta a livello mediatico: noi RUSSIA PAESE LIBERO, OCCIDENTE, IN PARTICOLARE AREA NATO, SOTTO DITTATURA SANITARIA… e che dio vi benedica!

Inserisci un Commento