Il bilancio delle vittime in Yemen è cinque volte superiore alla stima precedente, dicono i ricercatori

Almeno 56.000 persone sono state uccise in violenze armate nello Yemen da gennaio 2016, rileva un gruppo di ricerca indipendente

Almeno 56.000 persone sono state uccise in violenze armate nello Yemen da gennaio 2016, secondo i dati raccolti da un gruppo di ricerca indipendente, un riscontro che è più di cinque volte superiore rispetto al numero di vittime riportato in precedenza.

La nuova stima comprende la morte di combattenti e civili nello Yemen tra gennaio 2016 e il 20 ottobre 2018, ha spiegato Andrea Carboni, analista di ricerca presso il sito di analisi dei conflitti regionali ed eventi (ACLED).

Il bilancio ufficiale non teneva conto degli yemeniti che sono morti a causa della crisi umanitaria che ha travolto il paese e dei suoi problemi correlati, come le malattie e la malnutrizione.

“I numeri della mortalità si riferiscono al numero di persone uccise come conseguenza diretta della violenza armata”, ha detto Carboni al Middle East Eye.

Quella violenza include attacchi aerei e fuoco di artiglieria da parte delle forze della coalizione guidate dai sauditi che attualmente combattono nello Yemen, così come scontri armati tra varie fazioni che combattono all’interno del paese, come gli Houthi.

Middle East Eye non ha potuto verificare in modo indipendente il numero di 56.000.

L’Arabia Saudita ha lanciato una campagna militare nello Yemen all’inizio del 2015 per sradicare i ribelli Houthi, che avevano preso in consegna la capitale, Sanaa, e ha deposto l’allora presidente, Abd Rabbuh Mansour Hadi.

La coalizione a guida saudita è stata accusata di aver commesso crimini di guerra nello Yemen, come il deliberato bombardamento di ospedali, scuole, autobus e altre infrastrutture civili. Gli Houthi sono anche stati accusati di aver preso ostaggi e detenuto arbitrariamente e torturato gli oppositori – tutti i potenziali crimini di guerra.

Bimbo yemenita alla fame

Tuttavia, poiché lo Yemen è diventato sempre più zona chiusa fuori da osservatori e giornalisti esterni nel mezzo di un conflitto devastante, è stato difficile ottenere informazioni affidabili sul numero di morti.

Giornalisti e operatori umanitari hanno spesso citato una cifra di 10.000 morti, ma il totale è rimasto statico dal 2016 nonostante la guerra in corso.

Il numero era anche sottostimato quando è stato rilasciato, ha detto Carboni, dato che si basava sui decessi riportati nelle strutture mediche del paese.

“La maggior parte delle persone, le vittime, non arrivano ai centri medici. A quel numero mancavano in realtà molte delle violenze e delle vittime correlate “, ha detto.

Sulla base di una stima di circa 2.000 morti ogni mese nello Yemen, il totale dei decessi tra l’inizio del conflitto nel 2015 e la fine di quest’anno è previsto tra 70.000 e 80.000, ha detto Carboni.

I numeri sono raccolti da fonti secondarie, ha detto, come agenzie di stampa internazionali, agenzie di stampa locali affidabili e rapporti di ONG.

Ha detto che avere una figura precisa è importante perché “il numero delle vittime sono la singola informazione più difficile che si possa ottenere in un contesto di conflitto”.

Tuttavia, Carboni ha detto che il numero di 56.000 è probabilmente anche una sottostima.

“Queste sono stime basate sulla metodologia che abbiamo applicato altrove. Probabilmente saranno anch’essi una sottostima “, ha detto.

Vittime civili nello Yemen

Ha aggiunto che tre quarti di tutte le morti civili nello Yemen sono attribuibili alla coalizione guidata dai sauditi.

“Se si confronta la portata della violenza e della distruzione che si riflette anche nella crisi umanitaria e in tutte le altre forme di devastazione che lo Yemen ha sofferto, avendo un numero di fatalità che riflette [questo] nel modo più corretto possibile, penso che sia importante, ” Egli ha detto.

La scorsa settimana, la Oxfam ha riferito che, dal mese di agosto, almeno un civile è stato ucciso ogni tre ore nei combattimenti nello Yemen.

Inoltre, più di 1,1 milioni di casi di colera sono stati segnalati negli ultimi 18 mesi, inclusi 2.000 che si sono dimostrati fatali, ha detto l’organizzazione benefica.

“Ogni singola vita persa in questo vergognoso conflitto, sia attraverso attacchi armati, sia attraverso la fame e le malattie, dovrebbe essere un oltraggio internazionale”, una enrome lista di crimini di guerra, ha detto Muhsin Siddiquey, direttore nazionale di Oxfam nello Yemen, in una dichiarazione.

“I sostenitori di tutte le parti in conflitto dovrebbero rendersi conto di essere complici di questa crisi provocata dall’uomo”.

Fonti:  Veterans Today   Middle east eye

Traduzione: Alejandro Sanchez

Inserisci un Commento

*

code