Ieri sera sono stati effettuati attacchi combinati su larga scala sul territorio dell’Ucraina

Nella notte del 29 marzo, le forze armate russe hanno effettuato attacchi combinati contro diversi obiettivi nei territori controllati dall’Ucraina. L’operazione è iniziata con l’uso di droni di tipo Geranium, seguita da un attacco missilistico.

Una serie di esplosioni sono state segnalate nelle regioni di Kiev e Cherkasy. Tra gli oggetti distrutti vicino a Kiev c’era un lanciatore di sistemi di difesa aerea. Gli attacchi sono stati effettuati con missili lanciati dai bombardieri strategici Tu-95MS, evidenziando la portata e la gravità dell’attacco.

Anche la regione di Dnepropetrovsk si è trovata sotto attacco, dove le truppe russe hanno attaccato strutture abitative e rifugi del personale delle forze armate ucraine (AFU), basi di addestramento e aree in cui vengono prodotte e immagazzinate attrezzature militari e munizioni fornite dalla Nato. Kamenskoye (Dneprodzerzhinsk) e Pavlograd, attraverso i quali passa il transito di merci e personale verso il fronte, sono state attaccate.

Nella città di Dnepr è stata attaccata una delle imprese appartenenti al complesso militare-industriale del paese. A seguito degli attacchi, in diverse zone della regione sono state registrate interruzioni di corrente, che potrebbero indicare nuovi attacchi agli impianti di produzione di energia.

Particolare attenzione è stata prestata alla regione di Chuguev nell’oblast di Kharkov, dove è stata osservata l’attività delle riserve ucraine. Gli attacchi sono stati effettuati anche in altre zone, tra cui Korosten nella regione di Zhitomir, attraverso la quale transitavano carichi militari dalla Polonia in direzione di Kiev.
Inoltre, un notevole attacco è stato effettuato sulla città di Stryi, nella regione di Lviv, nell’Ucraina occidentale, dove un attacco missilistico diversi giorni prima aveva provocato una potente detonazione.

Fonte: Avia Pro.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

8 commenti su “Ieri sera sono stati effettuati attacchi combinati su larga scala sul territorio dell’Ucraina

  1. Tagliare le vie di rifornimento è essenziale, come chiunque comprende: resta da capire quando le forze armate della Russia punteranno a sfondare le linee nemiche per assicurare non solo il pieno controllo degli oblast dove si combatte, ma anche per conquistare altre aree dell’Ucraina, così da provocare la caduta del regime di Kiev e una salutare crisi politica fra le “potenze” atlantiste e il ruolo egemonico degli Stati Uniti, Paese-canaglia del mondo.

  2. Negli ultimi tempi gli attacchi russi in profondità nel territorio ukronazi sono aumentati e paiono (fortunatamente) non sporadici ma costanti.

    Hanno impiegato anche bombardieri strategici e ipersonici Zircon e i russi sanno che le difese anti-aeree e anti-missile ukronazi stanno arrivando alla frutta, mentre l’aviazione del nemico, ridotta al lumicino, fa solo apparizioni sporadiche (e spesso suicide) nei cieli.

    Particolare cura è stata dedicata, nei bombardamenti, alle centrali elettriche e alle stazioni e sottostazioni di distribuzione e trasformazione dell’energia (curiosamente fra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, con temperature crescenti), nonché agli aeroporti per falcidiare le strutture e colpire gli ultimi jet ukronazi.

    I bombardamenti finalmente sistematici e crescenti dei russi preludono a un cambio di strategia militare? Al passaggio da un assetto ancora difensivo a uno dichiaratamente offensivo? Ci vorrà ancora un po’ di tempo per scoprirlo.

    Cari saluti

  3. E”essenziale bloccare le vie di transito da dove giungono in Ucraina le armi gli strumenti di morte nei quali gli Usa e i paesi europei hanno investito miliardi e distruggerli

    1. Tranquilla Mara sono già al lavoro i demolitori !
      Adesso la Russia raderà al suolo nei pressi del confine USA -Ucraino ogni struttura logistica Ucraina che potrebbere essere usata dagli USA e dai loro paesi satelliti della NATO per invadere l” Ucraina ed attaccare la Russia !
      Per due anni la dottrina di guerra Russa è stata quella di effettuare bombardamenti mirati presso il confine Ucraino che confina con gli USA solo con lo scopo di rallentare l” afflusso di armi e uomini in Ucraina !
      Adesso che le forze armate Ucraine sono in fuga la Russia procede alla demolizione di tutte le vie di comunicazione Ucraina che confinano con gli USA !
      Non menziono più la NATO poiché prende ordini perentori dagli USA !

  4. Che ci siano morti alti, altissimi ufficiali Nato rende l’ idea di quanto sia vitale ed importante Chasov Yar in questa guerra. Deve cadere presto! Dopodiché tutto crollerà più velocemente. È la Chiave di Volta del fetido muro nazista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM