I vaccini di Cina e Russia sconfiggono il virus della guerra fredda

di Finian Cunningham (*)
Un amico bisognoso è davvero un amico, e diversi paesi che potrebbero aver annusato in precedenza i vaccini prodotti da Cina e Russia stanno trovando la verità nel vecchio adagio.
La Cina sta aumentando le forniture del suo CoronaVac al Brasile e ad altri paesi dell’America Latina in cui le infezioni da Covid-19 minacciano di sopraffare i servizi sanitari pubblici. Il Brasile è diventato un nuovo hotspot globale per varianti mortali del coronavirus. Con quasi 280.000 morti, il paese più popoloso dell’America Latina ha il secondo bilancio mondiale più alto dopo gli Stati Uniti (533.000).
Nel frattempo, secondo quanto riferito, diverse nazioni europee stanno discutendo per produrre il vaccino Sputnik V della Russia dopo un accordo rivoluzionario la scorsa settimana con l’Italia – il primo membro dell’Unione europea – per avviare la produzione locale del jab russo. Germania, Francia e Spagna sono tra gli altri stati dell’UE che stanno prendendo in considerazione accordi di produzione locale simili per Sputnik V.
Il bisogno europeo è reso ancora più acuto a causa della lenta introduzione dei vaccini approvati e recentemente della sospensione del jab AstraZeneca da parte di diverse nazioni a causa delle preoccupazioni sugli effetti collaterali potenzialmente fatali della coagulazione del sangue.

Ecco il punto. I vaccini di Cina e Russia hanno dimostrato di essere efficaci contro i sintomi del Covid-19 e sicuri. I vaccini di questi due paesi sono facilmente prodotti in serie a un costo accessibile rispetto alle controparti occidentali, e sia la Cina che la Russia si sono dichiarate disponibili a fornire accordi di licenza per la produzione locale che accelererebbero la logistica di approvvigionamento .

Secondo quanto riferito, la Cina ha altri 17 vaccini in fase di sperimentazione. Finora, non sembrano esserci effetti negativi dalla somministrazione agli esseri umani.

I risultati globali parlano da soli. Decine di paesi hanno preso ordini per i colpi cinesi e russi. Pechino ha donato vaccini a oltre 50 nazioni a basso reddito.

Come sono cambiati gli atteggiamenti. A dicembre, un titolo di Bloomberg affermava: “La Cina sta lottando per convincere il mondo a fidarsi dei suoi vaccini Covid”.

Tra coloro che hanno espresso disprezzo in precedenza c’era il presidente brasiliano di destra Jair Bolsonaro che ha detto che gli esseri umani sottoposti a prove per il vaccino cinese erano “cavie” che deducono rischi pericolosi.

Data la crisi in cui si trova il Brasile con le crescenti infezioni da Covid-19, che i critici attribuiscono a negligenti politiche sanitarie del governo federale, Bolsonaro e il suo governo sono stati fin troppo contenti di avvalersi di milioni di dosi di vaccino dalla Cina. Tanto che il presidente brasiliano ha cancellato la precedente retorica antagonista nei confronti del gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei che aveva adottato in ossequio alla politica ostile della Cina di Washington. Infatti, Huawei è ora all’esame del governo brasiliano per la modernizzazione 5G della sua rete di telecomunicazioni. Senza dubbio, un segno di gratitudine per il fatto che la Cina sia venuta in soccorso del paese con il suo vaccino anti Covid.

Arriva il vaccino russo nei paesi in via di sviluppo

Allo stesso modo, l’Europa era piuttosto nervosa nel suo atteggiamento nei confronti dello Sputnik V. Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il capo del Consiglio europeo Charles Michel hanno insinuato che la Cina e la Russia sono motivate da “obiettivi di propaganda” al di sopra degli interessi medici e di salute pubblica.

Lo Sputnik V è stato il primo vaccino registrato dal governo al mondo fino allo scorso agosto. Eppure è ancora in attesa di approvazione formale da parte dell’Agenzia europea per i medicinali, anche se è stato dimostrato in studi su larga scala di essere altamente efficace e sicuro da somministrare a tutte le fasce d’età.

In ogni caso, a prescindere dall’approvazione ufficiale a Bruxelles, diversi paesi europei sono andati avanti con accordi bilaterali per ordinare vaccini russi e cinesi. Includono l’Ungheria, la Slovacchia e la Repubblica ceca, nonché la Serbia, uno stato non UE, e altre nazioni balcaniche.

Grazie alla sua rapida e rigorosa gestione precoce della pandemia, attraverso la quarantena e il tracciamento dei contatti, la Cina è riuscita a debellare la malattia. La vita tra i suoi 1,4 miliardi di abitanti è tornata alla normalità pre-pandemica. Il bilancio delle vittime della Cina è di circa 4.600, meno di quello degli Stati Uniti o dell’Europa di oltre 100 volte.

Pechino afferma di voler ricostruire l’economia globale dalla rinnovata enfasi sul commercio, sugli investimenti e sui partenariati di cooperazione come parte della sua “Belt and Road Initiative” per le nuove rotte della seta. Una parte essenziale per rendersi conto che la visione richiede la sconfitta collettiva della pandemia Covid-19 in ogni regione del mondo.

Le prospettive di Cina e Russia contrastano con il ” nazionalismo vaccinale ” degli Stati Uniti e dell’Europa, che ha visto queste regioni accumulare milioni di dosi in eccesso o inutilizzate. Sia la Cina che la Russia sanno che l’unico modo per il pianeta di riprendersi da questa pandemia che si verifica una volta in un secolo è che tutte le nazioni si uniscano in solidarietà e condividano i risultati scientifici. La salute pubblica prima del profitto privato è la parola d’ordine.

Vaccino russo considerato il più sicuro

In questa situazione, una mentalità da guerra fredda di vedere gli altri come nemici è un odioso ostacolo al progresso . È un vile e futile giocattolo delle élite ideologiche. Sta diventando chiaro che le nazioni, i media e i politici che sono stati infettati da un tale virus politico sono un anacronismo. Il bisogno umano comune sta guidando le relazioni internazionali di solidarietà. I cinici in Occidente potrebbero lamentarsi di Cina e Russia che raccolgono il successo della ” diplomazia dei vaccini “.
Altri lo vedranno più generosamente come quelle due nazioni che mostrano una leadership responsabile ed etica per tirare fuori l’umanità da una crisi globale per un bene superiore.

*Finian Cunningham ha scritto molto su affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Ha conseguito un Master in Chimica Agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere una carriera nel giornalismo giornalistico. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni ha lavorato come redattore e scrittore in importanti organizzazioni di mezzi di informazione, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent.


Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • Eugenio Orso
    18 Marzo 2021

    I vaccini dell’Asse della Resistenza (o del Bene) sono vaccini veri, fatti per salvare la vita, mentre quelli occidentaloidi-usa sono veleni, cioè armi biologiche, che possono uccidere per diminuire la popolazione.
    Non c’era un vecchio piano elitista per diminuire la popolazione mondiale, diventata per loro in gran parte inutlile?
    I diffusori del covid sono anche diffusori di vaccini-veleni, ma per fortuna c’è Sputnik V, ammesso che la bestia biden, tentuta al guinzaglio dagli elitisti, permetta agli europei occidentaloidi di comprarlo!

    Cari saluti

  • mario
    18 Marzo 2021

    W RUSSIA W CINA ULTIMO BALURDO CONTRO L “IMPERO DEL MALE ( EBREO ANGLO AMERICANO
    VATICANISTA;:)::::::…………………………….TANTISSIME NAZIONI NEL MONDO SI STANNO AFFIANCANDO A CINA E RUSSIA ANCHE L “ITALIA. PER DIFENDERE LA PROPRIA LIBERTA” , I PROPRI VALORI LA PRPRIA DIGNITA! W RUSSIA W CINA

  • silvia
    19 Marzo 2021

    Amch’io sarei piu’ favorevole al vaccino russo, ma siamo sicuri che almeno lui sia proprio sicuro?

    • Eugenio Orso
      19 Marzo 2021

      Credo che la disponibilità del vaccino russo nell’Europa occupata dagli elitisti e soggetta al controllo nato (ue-uem, in particolare) sia semplicemente una questione politica, o meglio, di geopolitica.
      Non credo che la bestia rabbiosa biden, all’attacco in tutto il mondo per conto elitista, sarà contento di un’apertura “europea” (nei territori occupati e ferreamente controllati, intendo) al vaccino Sputnik, perché vorrebbe dire un’apertura alla Santa Russia, come nel caso, ancor più importante, della guerra degli oleodotti e gasdotti (penso al North Stream, partecipato al 51% dalla Gazprom russa di San Pietroburgo).
      Anche il vaccino, che dovrebbe salvare la vita, diventerà un aquestione di scontro geopolitico, non per responsabilità russa, naturalmente, ma per l’aggressività guerrafondaia usa-nato-elitista.

      Cari saluti

  • Vindelp
    19 Marzo 2021

    È strano che si siano persi di vista elementi importanti di questa “pandemia”, per quanto mi riguarda dedotti dall’ascolto di virologi importanti:
    1) Fino a 2 anni fa per la famiglia dei Coronavirus non era possibile fare i vaccini perché sono virus che mutano facilmente e lo vediamo con le varianti. Evidentemente i vari DPCM hanno avuto il potere di rendere i virus disponibili ad essere debellati
    2) Non si distingue tra morti di Coronavirus e morti con il Coronavirus, ormai ci sono solo morti di coronavirus
    3) Si evita di dire che il 99% dei morti di Coronavirus è stato causato dai protocollo dell’AIFA: “stai a casa e prendi solo Tachipirina”, mentre si dovevano curare immediatamente le persone con farmaci appropriati

    • Sandro
      19 Marzo 2021

      “Si evita di dire che il 99% dei morti di Coronavirus è stato causato dai protocollo dell’AIFA:”
      Ma certo che si evita, non sai che vige la legge sulla riservatezza?

      Se si vuol produrre il 99% (sicuro?) dei decessi per “corona”, occorre attrezzarsi. Come? 1) Ritardando di oltre un mese le misure necessarie per combattere il contagio. 2) Non responsabilizzando i medici di base che si rifiutano di curare il paziente a domicilio (ai primi sintomi, solo contatti telefonici – quando si riesce ad averli – ) .2) Invitando i malati ad attendere le complicanze assumendo un medicinale che ne facilita l’aggravamento. – la magistratura tace – 3) Dando fuoco ad una delle più grandi industrie farmaceutiche produttrici di idrossiclorochina. 4) Osteggiando quei pochi medici veri, minacciandoli di provvedimenti giudiziari, che salvano da morte certa i pazienti affetti da covid con un protocollo dimostrato efficace che prevede tra l’altro l’uso di idrossiclorochina, E, dulcis in fundo, facendo sparire dal mercato farmaceutico, in piena pandemia, sia medicinali antivirali come il lisozima, che presidi medici come mascherine e disinfettanti economicistici come alcool etilico. E il gioco è fatto. Si, ma….. rimedieranno a tale mancanze con i, impropriamente detti, vaccini, che tali non sono. Ah , stavo per dimenticare: Il “vaccino” – dicono gli esperti – talvolta anticipa, ma di poco, decessi di persone apparentemente sane già segnate da malattie letali.

  • atlas
    19 Marzo 2021

    il museo del ristorante (vorrebbe strapparci un sorriso …)

    https://www.youtube.com/watch?v=KaYrt_Y6e6I

Inserisci un Commento