I TRAFFICANTI DI PETROLIO NELLA SIRIA SETTENTRIONALE HANNO SUBITO PERDITE CATASTROFICHE NEL RECENTE ATTACCO MISSILISTICO (FOTO, VIDEO)

I trafficanti di petrolio nelle aree occupate dalla Turchia nel nord della Siria hanno subito perdite catastrofiche nel recente attacco missilistico su Tarhin e al-Himran ad Aleppo.

Fonte dell’opposizione siriana ha affermato che l’attacco, avvenuto alla fine del 5 marzo, ha distrutto oltre 200 autocisterne, raffinerie e serbatoi di stoccaggio improvvisati.

Secondo i White Helmets, quattro persone sono state uccise nell’attacco. Almeno altri 42 sono rimasti feriti, alcuni di loro sarebbero in condizioni critiche.

I filmati dalle aree mirate, una rotta di contrabbando e un mercato del carburante ad al-Himran e un hub per la raffinazione del petrolio di contrabbando a Tarhin, hanno mostrato la completa distruzione.

I trafficanti di petrolio nel nord di Aleppo trattano petrolio prodotto illegalmente dalle forze democratiche siriane (curdi delle SDF), da diversi giacimenti nella regione nord-orientale. Questo commercio illegale aiuta a finanziare i miliziani sostenuti dalla Turchia e le SDF.

L’attacco a Tarhin e al-Himran è stato chiaramente condotto dall’esercito arabo siriano e dalle forze russe. Nell’attacco sono stati utilizzati missili balistici tattici OTR-21 Tochka . Secondo una serie di fonti, sono stati impiegati anche missili balistici tattici Iskander e missili pesanti BM-30 Smerch.

Missili Tochka utilizzati in Siria

Le operazioni di traffico di petrolio nella Siria settentrionale e nord-orientale probabilmente rallenteranno per settimane, se non mesi, a seguito del successo dell’attacco.
Il saccheggio delle risorse petrolifere siriane, protetto dalle forze di occupazione USA, ad opera dei miliziani subisce un duro colpo.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Farouq
    6 Marzo 2021

    Avevo conosciuto tempo fa un turco in Italia, si vantava dicendo che lavorava solo per passione e non per soldi perché la sua famiglia in Turchia aveva un azienda di trasporto di petrolio (rubato) dalla Siria, sono rimasto muto

    Oggi dovrà lavorare per mangiare e non per passione

  • Riccardo
    7 Marzo 2021

    Yankee bastardi e criminali, la politica criminale degli USA e la sporca CIA continua a mietere vittime e portare sofferenza al popolo siriano. l’Europa sempre più sporca, indifferente e ipocrita ancora peggio, assiste al massacro di un popolo, quello siriano, innocente e di un paese che era culla di civiltà e storia. Americani ignoranti non amano la cultura solo le loro sporche guerre. Lo Yemen dimenticato e mai nominato da nessuna sporca testata giornalistica. Che vergogna, che schifo. Solo questo Papà potrà cercare di portare pace visto il sudiciume della politica ipocrita e ignorante al servizio di gruppi di potere di criminali e banditi. Solidarietà al popolo siriano e yemenita che non meritavano queste specie guerre. Italia merdosa serva degli USA

  • Giuseppe Grande
    7 Marzo 2021

    E’ uno sfascio generale. Dall’UE al PD ed ai 5S. I POLITICI NON HANNO PIU’ VALORI GRANDI E CONCRETI. Si parla di ius soli, parità di genere ed altre cose. Ma della burocrazia italiana ed europea che sta distruggendo l’economia nessuno parla.
    Del rischio quotidiano di guerra nucleare nessuno si rende conto.
    SOLO LA SAGGEZZA RUSSA FINORA LA HA EVITATA.
    La stampa é complice di questo neofascismo attuato in silenzio.

Inserisci un Commento