I Talebani * ammettono l’esodo di massa di afghani all’estero


Tuttavia, secondo la rappresentante del movimento Suheila Shahin, i cittadini stanno cercando di lasciare il Paese non per paura, ma per motivi economici.
“Vogliono trasferirsi nei paesi occidentali. Questa è una specie di migrazione economica. L’Afghanistan è un paese povero, il 70% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà, quindi tutti vogliono trasferirsi nei paesi occidentali, vogliono una vita prospera. Non si tratta di paura “, ha detto Shahin in un’intervista a Sky News, commentando i video sui social media di afgani a Kabul che corrono lungo la pista accanto a un aereo in corsa, afferrandosi alla fusoliera e possibilmente cadendo da una grande altezza.


Il mondo intero è rimasto scioccato da questi eventi. Gli europei non fanno eccezione. Nel frattempo, i paesi dell’UE non si sono ancora accordati sui rifugiati dall’Afghanistan. Secondo il primo ministro sloveno, che presiede il Consiglio dei Paesi Ue, Janez Jansa, non c’è solo un parere unanime, ma anche una maggioranza qualificata e persino ordinaria favorevole per un punto di vista o per l’altro. Pertanto, come ha osservato il politico, nella situazione attuale, i paesi dell’UE devono decidere autonomamente se vogliono ricevere una nuova ondata di migranti. Quanto alla sua opinione personale, l’Europa non dovrebbe aiutare chi fugge dal proprio Paese invece di lottare per esso.
Lo sloveno è stato ritirato da Bruxelles. Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha affermato che Janša non ha il diritto di rilasciare tali dichiarazioni a nome dell’UE e ha chiesto alla Slovenia di mostrare solidarietà.
È chiaro che la parola chiave qui è “dimostrare”. Molte forze politiche in Europa cercheranno di utilizzare la situazione per i propri scopi politici.
Ad esempio, la candidata alla cancelliera tedesca dei “verdi” Annalena Berbock chiede di accogliere almeno 50mila afgani in Germania. E tutto perché i “verdi” hanno affrontato problemi nella loro campagna elettorale e hanno deciso di intensificare giocando la carta della migrazione. A quanto pare, come dicono gli esperti, la signora Berbock conta su voti aggiuntivi per i migranti che hanno recentemente ricevuto la cittadinanza tedesca e i loro discendenti. Tuttavia, corre il rischio di sbagliare. Perché la diaspora turca o siriana in Germania non è affatto contenta della prospettiva di competere per i benefici della società occidentale con decine di migliaia di afgani. Quindi i Verdi tedeschi potrebbero finire per perdere parte del loro elettorato.


Per evitare un aggravamento della crisi, Bruxelles ha in programma di adottare misure “urgenti e coordinate“. Un’altra questione è che le risorse dei paesi europei limitrofi sono chiaramente insufficienti. Lo ha dimostrato il recente scandalo al confine lituano-bielorusso, i cui trasgressori hanno attraversato la striscia di confine come Rudolf Nureyev attraverso una barriera del KGB a Le Bourget a Parigi.
Tuttavia, non è ancora del tutto chiaro quanto sarà grande il flusso di rifugiati dall’Afghanistan verso l’Europa. La stima massima è fino a diversi milioni di persone. Di recente, il commissario europeo per gli affari interni Ilva Johansson ha invitato i paesi dell’UE ad aumentare le quote per l’ammissione dei migranti al fine di “aiutare coloro che hanno bisogno di protezione internazionale”.


“La situazione in Afghanistan è chiaramente pericolosa. Non possiamo costringere le persone a tornare lì “, ha detto.
La maggior parte dei paesi europei è scettica, per usare un eufemismo. Forse solo Angela Merkel ha espresso la sua disponibilità a ricevere circa 10mila afgani, un quarto dei quali ha collaborato con le autorità e le organizzazioni tedesche. E il capo del ministero degli Esteri della stessa Slovenia, Anzhe Logar, ha affermato che il suo Paese è pronto a ricevere fino a cinquemila afgani.
“Questo problema dovrebbe essere deciso prima di tutto dal Paese che ha creato tutto questo caos, ovvero gli Stati Uniti”, ha affermato il presidente del parlamento slovacco Boris Kollar.

Profughi


Sullo sfondo di queste dichiarazioni, si moltiplicano le voci secondo cui gli europei stanno allestendo centri di accoglienza per i rifugiati al di fuori dell’UE, ad esempio in Turchia. A proposito, questo tipo di informazioni ha causato uno scandalo ad Ankara. Erdogan è stato accusato di cospirazione, ha categoricamente respinto ogni allusione su questo punto.
Il fatto è che i profughi afgani prendono di mira proprio l’Europa. Le repubbliche dell’Asia centrale, della Turchia e della Russia sulla loro difficile rotta sono solo collegamenti di trasbordo. Ma anche i paesi di transito potrebbero essere colpiti duramente.
Secondo Vladimir Putin, il tentativo di accogliere i rifugiati dall’Afghanistan nei paesi dell’Asia centrale minaccia la sicurezza nazionale russa, poiché il confine con loro è molto trasparente. Come ha detto il presidente, “siediti sull’asino e vai”.
In questa situazione, l’importanza del primo rafforzamento del ventre meridionale del paese aumenta molte volte. Nelle condizioni di trasparenza delle frontiere, molto dipende dal comportamento dei paesi confinanti con l’Afghanistan. E qui saranno molto utili gli sforzi diplomatici a lungo termine della Russia per costruire un dialogo con le repubbliche dell’Asia centrale.
Ora i talebani saranno inevitabilmente inclusi in questo dialogo. Sì, forse ora molti afghani stanno davvero fuggendo dal paese per paura per la propria vita. Ma gli attuali talebani sembrano essere molto diversi dai talebani di 20 anni fa. Oggi i radicali non vengono onorati. Siamo stanchi degli estremi. Inoltre, i radicali avranno bisogno di un leader carismatico come il mullah Omar, morto nel 2013, e il suo livello di personalità non è ancora previsto.
Quindi, molto probabilmente, i pragmatici sono entrati a Kabul che non hanno bisogno della continuazione dell’eterna guerra civile. Affronteranno problemi interni, soprattutto economici. E la Russia potrebbe aiutarli in questo. A loro vantaggio, in primo luogo, e in secondo luogo, a beneficio dell’intera regione e del mondo nel suo insieme. Perché risolvendo i problemi economici, mostrando saggezza politica, i talebani potrebbero modernizzare l’Afghanistan (ovviamente, a modo loro, ma non a scapito della stabilità internazionale).+

In ogni caso, la chiave del problema dei profughi afghani non è al confine lituano-bielorusso o a Bruxelles, ma nell’ex palazzo del presidente occidentalizzato Ghani, dove ora fanno da padrone uomini seri in lunghe camicie bianche e turbanti neri . Quanto prima l’Unione europea comprenderà la nuova realtà, tanto più efficace sarà la sua strategia per superare la crisi migratoria.
Analisi politica


Fonte: https://politanalitika.ru/posts/2021/08/24/volna-migrantov-iz-afganistana-zahlestyvaet-evropu.html

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti
  • Francesco Funari
    Inserito alle 22:42h, 24 Agosto Rispondi

    E mi pare.
    I talebani si tolgono dalle palle oppositori o/e fastidi.

  • Teoclimeno
    Inserito alle 05:45h, 25 Agosto Rispondi

    Italiani: popolo di santi, navigatori, covidioti e orgoglioni. Non ci bastavano i negri brutti e puzzolenti, ora dovremo mantenere anche gli afgani. Poveri italiani… una specie in via di estinzione.

    • Alessandroparenti
      Inserito alle 09:10h, 25 Agosto Rispondi

      L’italia è una repubblica fondata sulla nazionale di calcio. E ogni quattro anni sulle medaglie.

      • Teoclimeno
        Inserito alle 14:07h, 26 Agosto Rispondi

        Egregio Signor ALESSANDROPARENTI, per completezza aggiungerei: l’Italia è una Repubblica delle Banane fondata sulla Resistenza e l’Antifascismo. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

Inserisci un Commento