I sionisti israeliani in Sospensione: “tra l’incudine e il martello”

di Amar Djerrad (*)

Il pretenzioso, con i suoi eccessi, fa sempre sfoggio dei suoi pettorali contro il più debole, ma cambia idea quando sente che l’avversario è abbastanza forte da infliggergli un danno insopportabile. La sorprendente risposta di ritorsione dell’Iran, seppure “limitata” dalla saggezza, contro Israele, che ha distrutto importanti infrastrutture militari, è un avvertimento. Un esercito sionista ridicolizzato di fronte a “Hamas”; chi cerca di sfidare militarmente l’Iran? “La saggezza non è adatta ad ogni occasione; A volte devi essere un po’ pazzo con i pazzi”.

Obama una volta ha anche affermato che “la Russia è una potenza regionale”. Due paesi hanno subito un oltraggio a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro; La Russia con l’attentato terroristico, poi il consolato iraniano in Siria. Sembra che ci sia una collusione da qualche parte!

Il coinvolgimento diretto dell’Iran potrebbe incendiare il Medio Oriente e oltre. Tutti i siti di difesa israeliani e americani sono ora vulnerabili. In questo caso le conseguenze saranno disastrose, ma con la certezza che gli Stati Uniti e Israele scompariranno dalla regione.

Oltre a questi pochi attacchi di ritorsione, l’Iran può aumentare gli aiuti ai suoi alleati con armi avanzate, prendere di mira le infrastrutture militari ed economiche al fine di destabilizzare economicamente e politicamente, senza la necessità di intervenire direttamente. Il disordine che potrebbe generarsi costringerà gli Stati Uniti a ritirarsi o a impegnarsi in una guerra impossibile da vincere con una reputazione già danneggiata. Non potranno sostenere la resilienza dei popoli della regione, spesso sottovalutata (gli esempi non mancano). In questa eventualità, l’entità occupante andrà incontro al suo destino che è la scomparsa per esodo della sua popolazione.

Con queste ritorsioni da parte dell’Iran, il Medio Oriente si trova nella fase critica del conflitto. I sionisti si trovano infatti di fronte ad un crudele dilemma, come descritto a Sputnik dall’esperto iraniano Muhammad Gharavi: “Il consiglio militare israeliano ha solo due opzioni; o lanciare una guerra aperta, che finirà con la distruzione di Israele, oppure inghiottire l’attacco iraniano, ritirarsi e cessare il fuoco nella Striscia di Gaza.

Scott Ritter ha dichiarato a Sputnik (1) che “Israele credeva di poter lanciare un attacco contro l’Iran senza subire conseguenze… L’Iran ha scelto deliberatamente di non infliggere azioni estremamente letali… Questa è deterrenza. Ciò significa che in futuro, se Israele o gli Stati Uniti prenderanno in considerazione di agire contro l’Iran, dovranno soppesarne le conseguenze… conoscendo la sua capacità di colpire qualsiasi obiettivo… Le azioni iraniane hanno dissuaso Israele dal lanciare questa risposta …Tel Aviv comprende che qualsiasi escalation potrebbe significare la distruzione di Israele… Il fatto che l’Iran abbia stabilito una posizione credibile di deterrenza senza interrompere obiettivi e scopi politici chiave è la definizione stessa di vittoria.” .

L’operazione di ritorsione è stata dichiarata conclusa, ma se Israele inizierà la battaglia, “avremo l’ultima parola”, dice un ufficiale militare iraniano.

Logicamente, perché preoccuparsi e lamentarsi di questa risposta che non avrebbe minato la loro presunta superiorità (poiché, come affermano i loro leader, il 99% dei missili è stato distrutto) ed evocare una “risposta” che riceverà immediatamente una risposta “dieci volte più forte” secondo un generale iraniano? Demoni quali sono, prenderanno di mira ancora una volta i civili palestinesi vulnerabili e li presenteranno, questa volta, come “terroristi al soldo dell’Iran”.

Gli anglo-sionisti americani sanno bene, alla luce del loro deplorevole fallimento in Ucraina, che un secondo fronte nel MO è pericoloso. Gli stati interessati di questa regione sono in grado di sconfiggerli, senza contare coloro che aspettano solo il momento per fornire i loro molteplici aiuti. Possono essere catturati e molestati su almeno sei fronti, da gruppi/commando iper-armati, senza dichiarazioni di guerra. Il Washington Post ha citato un portavoce della Resistenza Irachena che ha affermato: “Se i crimini del regime sionista non finiranno, tutte le posizioni americane nella regione diventeranno per noi un obiettivo legittimo e la guerra si intensificherà”.

Alcuni commenti e opinioni di analisti ebrei
C’è un esecrabile inganno nel sionismo che consiste nel giustificare un diritto su una terra che non gli appartiene, facendo riferimento ad un ipotetico insegnamento ebraico. A questo proposito e in occasione del conflitto del 7 ottobre, Yisroel Dovid Weiss (attivista e portavoce del gruppo religioso globale Neturei Karta, gruppo haredi antisionista) fornisce questi dettagli mentre denuncia le atrocità di Israele in questo video del 12 dicembre (2 ):

“Il conflitto a Gaza non ha nulla a che fare con il giudaismo e l’Islam. Viviamo insieme da centinaia di anni… Questa è solo una rappresentazione di un movimento politico chiamato sionismo che usa il “giudaismo” per dichiarare guerra al popolo palestinese… Come ebrei dobbiamo alzarci e dire che non è così vero, che non è in nostro nome. Siamo totalmente contrari a ciò… Israele non è uno stato ebraico. Usano il nome Israele attaccandovi la Stella di David. È un’entità criminale”. Per ulteriori informazioni sugli ultraortodossi, vedere anche questi video (3)(4)

Sul bombardamento del consolato, sul sionismo, sulle dimissioni di Netanyahu e sull’opposizione, Jacob Cohen (5) (un ebreo antisionista come tanti altri, a differenza di tanti arabi) ha detto in sostanza questo: “Si tratta di un atto deliberato di pirateria. Al regime sionista non importa! Il sionismo non è un progetto religioso. Inizialmente era antireligioso… non ha nulla a che fare con la tradizione biblica. È un progetto politico che è opera di una ultra-minoranza. Tutte le istituzioni religiose ebraiche si opposero a questo progetto. L’idea folle è riscrivere la storia del popolo ebraico… liberandolo da ogni tradizione… C’è una fazione che vuole mostrare Netanyahu come il diavolo che presenta la cattiva immagine del sionismo… vogliono ottenere sbarazzarsi di lui per creare un sionismo “buono”. Anche gli americani stanno spingendo per le dimissioni di Netanyahu solo per presentare un’immagine migliore del regime sionista… non per la Palestina… Dal 1948, i sionisti di sinistra e di destra sono esattamente gli stessi… Anche se Netanyahu devono farlo andare via, non cambierà molto, o qualcosa nella tragedia dei palestinesi…”.

Il giornalista Chaim Levinson di Haaretz dice (6) “quello che non si può dire” che “Israele è stato sconfitto… Noi abbiamo perso… L’incapacità di ammetterlo riassume tutto quello che c’è da sapere sulla psicologia individuale e di massa di Israele. Esiste una realtà chiara… che dovremmo cominciare a comprendere… e trarre conclusioni per il futuro. “Non è divertente ammettere che abbiamo perso…”.

È interessante segnalare questo video (7) che descrive proprio il percorso di B. Netanyahu che incarna l’estrema destra in una società israeliana “sclerotica”. Fornisce un ritratto dell’uomo dalla sua infanzia negli Stati Uniti, cresciuto da un padre che ammirava Mussolini, alla sua offensiva distruttiva su Gaza. Le sue idee si basano su bugie storiche, apartheid e genocidio dei palestinesi.
Alcune reazioni di personalità.
Poiché i sionisti non hanno dignità, l’ambasciatore israeliano in Russia ha detto che Tel Aviv si aspetta che Mosca condanni l’attacco iraniano. Risposta immediata da Maria Zakharova:

“Ricordatemi quando Israele ha condannato almeno un attacco del regime di Kiev contro le regioni russe? Non ricordi? E ricordo regolari dichiarazioni di sostegno alle azioni di Zelenskyj da parte di funzionari israeliani.

Con queste parole, e a titolo di esempio, ricordiamo una fragorosa dichiarazione minacciosa verso la Russia, in un’intervista a Russia Today (8), da parte del capo del gruppo parlamentare, un certo Amir Weitmann, in occasione dell’attentato del 7 ottobre. .

Questo degenerato ha accusato la Russia di essere “corresponsabile del massacro” del 7 ottobre perché non ha preso posizione con Israele, lanciando questa spavalderia: “La Russia sostiene i nemici di Israele, la Russia sostiene i nazisti che vogliono commettere un genocidio contro di noi …non dimentichiamo quello che state facendo… faremo in modo che l’Ucraina vinca… credetemi, la Russia ne pagherà il prezzo..

Ci aspettavamo che la Russia venisse sconfitta, ma gli eventi hanno preso un’altra piega! Questo tipo di commenti assurdi provenienti da funzionari israeliani, di tutte le convinzioni, tradiscono un panico che si riferisce al fallimento degli atlantisti in Ucraina e anche alle parole del presidente russo che ha avvertito che “l’assedio di Gaza ricorda l’assedio di Leningrado”!

Questo ambasciatore in Russia è riferito da Gilad Erdan, l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite, che ha coraggiosamente sfidato il Segretario generale delle Nazioni Unite, come segue: “L’Iran ha violato la Carta delle Nazioni Unite e ha dimostrato di rappresentare una minaccia per la pace e la sicurezza globali…Dove è la tua voce? Dov’è la tua convinzione? Svegliati!” Questi non vide nulla del rifiuto da parte dei suoi sionisti delle risoluzioni delle Nazioni Unite e del giorno in cui lo definirono un “pericolo per la pace”. Dal 1948 “Israele” è stato oggetto di più di 100 risoluzioni che non sono state rispettate! Ascoltiamo in risposta questo potente messaggio di Craig Murray (9), ex ambasciatore britannico, che spiega il genocidio commesso da Israele e le violazioni del diritto internazionale!

L’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vassili Nebenzia, ha dichiarato a proposito dell’attacco del 7 ottobre: ​​“I nostri colleghi occidentali trovano difficile far credere alla gente che l’attuale escalation sia arrivata dal nulla. È come se una banda di feroci terroristi avesse improvvisamente attaccato i civili israeliani. Se così fosse, non avremmo visto proteste in Cisgiordania contro le pratiche israeliane, e la Palestina non avrebbe avuto lo stesso sostegno tra i musulmani di tutto il mondo.

Non possiamo ignorare il fatto che l’attuale scoppio di violenza si è verificato nel contesto della sistematica violazione da parte di Israele delle norme del Consiglio di Sicurezza e dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, compresa l’espansione illegale degli insediamenti. I palestinesi vengono espulsi dalle loro terre e le loro case vengono distrutte. Qualsiasi tentativo di ignorare questo contesto è una manipolazione che non possiamo supportare”.

Francesca Albanese, relatrice speciale delle Nazioni Unite, è molto attiva sulla questione palestinese. Oltre a chiarire che “Gaza sotto occupazione, Israele non può quindi rivendicare il diritto all’autodifesa” (10), risponde in questo video (11) alla stupida domanda di fondo di questo giornalista tedesco, spiegando a illustrare in modo chiaro ed educativo il vero problema dei palestinesi con i sionisti d’Israele, che lui finge di non sapere (o non vuole sapere). Le ha chiesto se ha un documento scritto dal governo israeliano che dimostra la chiara intenzione di commettere un genocidio.

Vittime ebree salvate dagli “arabi” durante la seconda guerra mondiale

Gli ebrei israeliani vivono in un culto della vittima, lamentandosi costantemente, nutrendo un desiderio di vendetta. È questa mentalità che ha plasmato il loro comportamento suprematista e disumano nei confronti degli altri popoli, paradossalmente nei confronti di coloro che non hanno causato loro alcun danno, accettando l’appoggio delle stesse persone responsabili della loro persecuzione.

In realtà, solo i deboli e i codardi manifestano una devianza così mostruosa, come ammette l’influente rabbino Eliyahu Mali, direttore della scuola Yeshiva di Tel Aviv, che esorta i suoi studenti in servizio nell’esercito israeliano nella Striscia di Gaza ad uccidere tutti a Gaza, compresi bambini (12) “Oggi è un bambino, domani è un combattente.” (Un popolo sicuro di sé e dominante (?) (Dalla Gallia).

Dobbiamo ricordare a molte persone lobotomizzate una realtà storica tra gli ebrei e un segmento dei popoli occidentali. Dobbiamo distinguere chiaramente tra gli “ebrei” che seguono l’ebraismo con i suoi veri precetti e gli “ebrei” che seguono l’ideologia sionista, basata sul razzismo e sulla colonizzazione. Il giudaismo è antitetico al sionismo! Molti ebrei rifiutano fermamente il sionismo. Va anche ricordato che musulmani ed ebrei hanno sempre convissuto in buoni rapporti. È quindi paradossale constatare che molti di coloro che, condividendo l’ideologia sionista, attaccano gli arabi – che non li hanno mai perseguitati – accettando l’appoggio di proprio coloro che sono all’origine dei loro tormenti!

Molti inoltre non sanno che gli algerini hanno fornito aiuti molto rischiosi in un momento drammatico della loro storia. Il rettore della Grande Moschea di Parigi, l’algerino Abdelkader Benghabrit detto Kaddour, (con Abdelkader Mesli), ad esempio, aiutò centinaia di ebrei travestendoli da musulmani. (Vedi: QUI (13) QUI (14) e QUI (15) per sfuggire alla deportazione. Durante la colonizzazione francese, gli algerini si rifiutarono di impossessarsi delle proprietà ebraiche confiscate dal regime di Vichy. I dignitari religiosi algerini rifiutarono formalmente l’offerta di spoliazione totale delle proprietà ebraiche contraddizione con l’Islam! L’altro esempio è che gli ebrei hanno sempre installato i loro cimiteri adiacenti a quelli dei musulmani. Tutto questo è scomparso con l’arrivo conquistatore dei sionisti che hanno modificato il loro comportamento per renderli spregevoli e disumani!

Algeria contro Israele

Conclusione

È tempo che gli ebrei sionisti israeliani si sveglino e smettano di fare i faraoni, di porre fine alla loro arroganza e alle provocazioni, soprattutto quando la loro sicurezza dipende dalla protezione e dai favori degli altri, perché senza il sostegno dell’Occidente, Israele è nudo , un guscio vuoto. La sua caduta non può che essere vertiginosa ed esistenziale! “Più alto è il favore, più rapida sarà la caduta” (Philippe Néricault Destouches/The Ambitious). Stiamo giocando con loro! È l’ipocrita Occidente dominato dalla classe finanziaria oligarchica composta principalmente da ebrei laici che fondarono Israele per avidi interessi. I sionisti religiosi revisionisti avevano il compito di agire sul campo usando come pretesto il richiamo della sicurezza della comunità ebraica, partecipando al tempo stesso all’insicurezza dei non ebrei e degli ebrei per dominare meglio.
È imperativo porre fine definitivamente al loro antiquato colonialismo, contrario alla moralità e agli insegnamenti delle religioni, fermando la diffusione di questa ideologia perniciosa e distruttiva.

È anche tempo di liberare le persone dall’influenza del neocolonialismo occidentale che impedisce il loro sviluppo e la loro libertà di vivere sovranamente e con dignità.

Terminiamo, ad esempio, con questa citazione che fornisce alcune ragioni (sfiducia) che fanno sentire gli ebrei stigmatizzati, addirittura ostracizzati dalla società. È quello del premio Nobel Alexander Solzhenitsyn (analisi scritta nel 1966) (16), ma pubblicata contro la sua volontà nel 2001:

“Gli ufficiali giustiziati (durante la Rivoluzione) erano russi, così come lo erano i nobili, i preti, i monaci, i deputati

Negli anni ’20, ingegneri e scienziati pre-rivoluzionari furono esiliati o uccisi. Erano russi: gli ebrei presero il loro posto. Nel migliore istituto psichiatrico di Mosca i membri più importanti furono esiliati o arrestati e il loro posto fu preso da ebrei. Influenti medici ebrei bloccarono l’avanzamento delle carriere dei ricercatori medici russi. I migliori elementi delle élite intellettuali e artistiche del popolo russo furono assassinati, mentre gli ebrei crescevano e diventavano più belli, in questi anni terribili (per i russi…)”

A.D. *Amar Djerrad Giornalista, algerino, analista di geopolitica, esperto di scienze politiche e sociali.

Notes :

(1) https://sputnikglobe.com/20240414/scott-ritter-irans-retaliatory-attack-reestablished-deterrence-to-hold-israel-us-in-check-1117924882.html

(2) https://www.youtube.com/watch?v=uOvP3J3QBtU

(3) https://www.facebook.com/reel/675144634731537

(4) https://www.youtube.com/watch?v=qZyDIRDM8BI

(5) https://www.youtube.com/watch?v=9ImFJqLJ7Lc

(6) https://www.haaretz.com/israel-news/2024-04-11/ty-article-magazine/.premium/saying-what-cant-be-said-israel-has-been-defeated-a-total-defeat/0000018e-cdab-dba9-a78e-efef6ba10000

(7) https://www.youtube.com/watch?v=B4rnWE0C3ns

(8) https://twitter.com/eha_news/status/1715046871129841881

(9) https://www.youtube.com/watch?v=AymxH27fDlA

(10) https://www.youtube.com/watch?v=2izg5dE-fEk

(11) https://x.com/caissesdegreve/status/1773304449315803275?s=46

(12) https://twitter.com/rifain_nouvelle/status/1766247416682987754?s=46.

(13) https://fr.wikipedia.org/wiki/Kaddour_Benghabrit

(14) https://fr.wikipedia.org/wiki/Sauvetage_de_Juifs_par_des_musulmans_pendant_la_Shoah

(15) https://fr.timesofisrael.com/abdelkader-mesli-limam-parisien-qui-a-sauve-des-juifs-pendant-la-shoah/

(16) http://valentin.beziau-ump77.over-blog.com/2015/08/quand-alexandre-soljenitsyne-publiait-une-analyse-des-protocoles-des-sages-de-sion.html

Traduzione: Gerard Trousson

4 commenti su “I sionisti israeliani in Sospensione: “tra l’incudine e il martello”

  1. Va bene far adottare, imporre, una religione estranea al proprio popolo, ma fargli credere che esso è lo stesso popolo di un’altra regione ed epoca non è stato corretto e lungimirante. Cosa c’entra la Palestina con un popolo – i khazari – originari dell’Asia centrale, convertiti al giudaismo ? Nada !
    E poi i sionisti hanno elemosinato alla Gran Bretagna la concessione di quella terra che non centra con essi neanche un po’ !
    Gli errori si pagano, e qui proseguono con altri errori. Se erano svegli, al posto della Palestina, chiedevano alla GB una regione dell’Australia o del Canadà. Invece no ! A tutti i costi la Palestina ! E’ una terra molto povera e piccola con tutte le implicazioni che comporta. “Chi comanda Gerusalemme comanda il Mondo” (dagli antichi libri dei veri Giudei). Ma il solo fatto che la “terra promessa” ai Giudei era poverissima, vuol dire che questi libri non sono stati né ispirati né scritti da Dio. Perseverare diabolicum est.

  2. Ottima analisi che spiega con chiarezza la situazione dei palestinesi e i gravi pericoli in cui versa il Medio Oriente.
    Tutto questo deve finire! Qualcuno li ha messi al muro!
    I sionisti d’Israël si considerano l’ombelico del mondo, gli intoccabili.
    Grazie per questo articolo.

  3. Israele ha compreso? Non facciamoci illusioni. Come gl’ ucro questa guerra di sterminio dei guerriglieri d’ Hamas era invincibile nei fatti. Non ci sarà pace finché non si ritireranno dai territori occupati e non accetteranno la soluzione a due stati. E non credo lo faranno. I tumori maligni non diventano benigni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM