I russi impareranno mai?

Di Paul Craig Roberts

Insulto dopo insulto dopo insulto, e il patetico Ministero degli Esteri russo chiede ancora: “le autorità americane non hanno alcun desiderio di normalizzare il dialogo?”
Certo che no. Di quante prove ha bisogno il ministero degli Esteri russo? Gli americani arrestano il figlio di un legislatore russo all’estero molto al di fuori di qualsiasi giurisdizione legale degli Stati Uniti – lo hanno rapito – e lo hanno portato a Washington per un processo alla corte del canguro. Gli americani hanno arrestato una donna russa negli Stati Uniti, Maria Butina (in basso nella foto), la hanno accusato falsamente di spionaggio e la hanno mandata in prigione. Continua all’infinito.
Ora gli americani sono detenuti per aver interrogato Inga Yumasheva, un membro del parlamento russo, che è stato invitato negli Stati Uniti a partecipare al forum sul dialogo di Fort Ross, un evento annuale in cui americani e russi possono parlare direttamente tra loro.

Il governo russo è in grado di capire che è pericoloso per i russi, anche per i membri del governo russo, venire negli Stati Uniti o andare altrove fuori dalla Russia dove possono essere rapiti dai criminali di Washington?

Dopo che Washington ha violato l’immunità diplomatica e preso il controllo del consolato russo a San Francisco e degli uffici commerciali a New York e Washington, come possono i russi non sapere che gli Stati Uniti sono uno stato di gangster? In che modo la Russia intrattiene relazioni normali con lo stato gangster americano? Il governo russo non è in grado di riconoscere fatti ovvi?

Le grandi umiliazioni che il governo russo accetta così volentieri incoraggiano solo più umiliazioni. Le umiliazioni peggioreranno. I russi si lamenteranno di nuovo docilmente quando Putin stesso sarà detenuto e interrogato al suo ingresso negli Stati Uniti? Anzi, potrebbe essere arrestato per aver interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi. Il governo russo tornerà a strisciare davanti a Washington? Quando si fermerà l’umiliazione? Le umiliazioni peggioreranno fino a quando il governo russo non risponderà in natura con un fattore 5 o 10. L’umiliazione e l’abuso della Russia non si fermeranno fino a quando la Russia non gli darà un calcio in gola. Tempo è dell’essenza.

Maria Butina

Non vi è alcun motivo per cui la Russia abbia così tanta paura degli Stati Uniti, un paese in bancarotta e socialmente degenerante che dopo due decenni si è dimostrato incapace di sconfiggere alcune migliaia di talebani leggermente armati in Afghanistan, proprio come l’esercito codardo israeliano, buono solo per uccidendo donne e bambini, è stato cacciato due volte dal Libano da una piccola milizia di Hezbollah.

Perché il governo russo invita a diffondere apertamente la pubblicità sfavorevole in tutto il mondo consentendo alle province dei vassalli statunitensi in Europa di finanziare le ONG che sono organizzazioni sovversive gestite dalla CIA all’interno della Russia per causare proteste e interruzioni come le recenti proteste di Mosca che hanno minato la performance dei partiti al governo alle elezioni di Mosca? Il calo del voto a sostegno dell’indipendenza russa, piuttosto che di una sistemazione a Washington, non è stato dovuto al successo della propaganda americana. È risultato dal disgusto dei patrioti russi per il fatto che il loro governo non proteggerà la Russia dalle interferenze americane nelle elezioni russe.

Il governo russo non ha notato nella violenza di Hong Kong le conseguenze della nonchalance del governo cinese nei confronti delle attività delle ONG finanziate dagli americani? Perché il governo russo invita la stessa esperienza? Washington ha ricevuto tanti funzionari russi quanti sono stati i funzionari cinesi? Quanto è diffuso il tradimento in Russia e Cina?

Russia, Cina e Iran sembrano incapaci di affrontare il fatto che Washington è un pericoloso avversario che intende esercitare l’egemonia.

Nota: Il dott. Paul Craig Roberts è stato segretario aggiunto del Ministero del tesoro per le politiche economiche ed editore associato del Wall Street Journal. È stato editorialista per Business Week, Scripps Howard News Service e Creators Syndicate. Ha avuto molti incarichi universitari. Le sue colonne su Internet hanno attirato un seguito mondiale. Gli ultimi libri di Roberts sono The Failure of Laissez Faire Capitalism and Economic Dissolution of the West , How America Was Lost e The Neoconservative Threat to World Order . Dona e supporta il dott. Roberts Work.

Fonte: International Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

23 Commenti

  • Alvise
    9 Ottobre 2019

    Perché anche in Russia come in USA, caro Craig, il potere vero è nelle mani delle solite tribu’.e anche Putin oramai è ridotto a un palloncino senza gas, completamente sgonfio.

  • Alvise
    9 Ottobre 2019

    Dopo l’invasione di centomila militari italiani nell’ultima guerra (che poi hanno avuto la peggio, va beh) che non si facevano scrupolo a massacrare poveri contadiini russi e che ora gli stessi russi continuino a propugnare l’amicizia con l’Italia in tutti i campi (nonostante l’invio dei nostri aerei a ridosso dei loro confini) dimostra inequivocalmente la loro stupidità.

    • atlas
      12 Ottobre 2019

      sciocco anche il pensare che chi comanda perchè si è preso potere senza consenso e i popoli che ne subiscono quelle politiche nefaste siano la stessa cosa

  • Mardunolbo
    9 Ottobre 2019

    Paul Craig ha già commentato tutto il possibile ! Fino a quando la Russia intende subire ? Perchè ?

    • atlas
      10 Ottobre 2019

      Paul Craig penso sia un giudeo dei più luridi. Questo non è un art.lo, ma una provocazione a cui solo i superficiali possono indulgere, perchè è la calma la virtù dei forti

      dei grandi giocatori di scacchi

  • amadeus
    10 Ottobre 2019

    I Russi sono coscienti e responsabili e cercano a tutti i costi di evitare guerre, questo e che li fa sembrare deboli, proprio perché si rendono conto della potenza delle loro armi che cercano di evitare conflitti contrariamente agli usraeli che non hanno scrupoli, tanto a morire mandano sempre gli altri.

    • atlas
      10 Ottobre 2019

      scrivilo a mardunolbo che sente le voci. Come Giovanna d’arco

      • Fabio Franceschini
        10 Ottobre 2019

        Davvero? Non è che i russi debbano scatenare l’inferno nucleare ma iniziare a chiudere le varie ong della cia in Russia arrestarne qualche dirigente usa quando va in visita. Fare in modo che qualche soldato americano in Siria torni a casa orizzontale . Iniziare trattative per dare i sistemi bastion e gli zircon all’Iran. Il rischio quando non si reagisce mai è duplice. Il primo ovviamente è che subisci subisci alla fini ti abitui a subire e quindi sei sconfitto la seconda è che quando non ne puoi più reagisci eccessivamente causando più danni che altro. Penso che Craig Roberts abbia ragione e la sua tesi sia più maliziosa di quanto sembra. Lui chiede ma a mosca chi comanda davvero?

        • atlas
          10 Ottobre 2019

          eccolo. E ti pareva. Il Fabio che non t’aspetti. La transiberiana. Si è mobilitato per Paul. Colui che da sputnik faceva sapere che non è contro ‘israele’. Dovrei credervi ? A te e a ‘Paul’ ? Ma nemmeno se mi fai il gioco delle tre carte.

  • atlas
    10 Ottobre 2019

    poi mi piacerebbe sapere la redazione da che parte veramente sta

    io sono un a n t i s f a s c i s t a

    • Pippo
      10 Ottobre 2019

      Ah si? In servizio permanente effettivo? Bravo, 7+

      • atlas
        10 Ottobre 2019

        io con battutine così di pippe mentali non me ne faccio

        se volevo passare in s.p.e. bastava che attaccassi il ciuccio dove voleva il padrone

        solo che a me non piaceva quel padrone e finii nella merda, ma da persona libera però non da liberista

        • Pippo
          10 Ottobre 2019

          Scusa Atlas avevo letto male, sbadatamente avevo letto “antifascista”. Quindi la mia battuta non ha senso.E’ stata una svista. Faccio ammenda.

  • Nexus
    10 Ottobre 2019

    I russi sanno con chi hanno a che fare e sono a conoscenza della doppiezza di molti Stati.
    Inoltre hanno una grande capacità nell’operare sulla scacchiera della geopolitica mondiale.
    Soprattutto sono consapevoli della loro forza diplomatica e (se necessario) militare.
    Proprio per questo evitano, fino a quando c’è ancora un barlume di speranza, di far “parlare” le proprie armi.
    Hanno conosciuto sulla propria pelle (e sul proprio territorio) gli orrori della guerra ed è per questo che fino a quando è possibile evitano di iniziarne una.
    Ma se costretti non hanno timore alcuno a scatenare l’inferno fino alla vittoria (a qualunque costo).
    E’ un grande popolo che merita rispetto perché ha grandi tradizioni e valori umani.

    • atlas
      10 Ottobre 2019

      la Russia non inizia guerre, le finisce

  • Eugenio Orso
    10 Ottobre 2019

    Quando si deve combattere contro un assassino senza scrupoli, non lo si fa secondo le regole, da gentiluomini, come stanno facendo i russi nei confronti della latrina usa!
    I russi sono disposti a combattere contro usa e asse del male con una mano legata dietro la schiena, pur di rispettare le regole, il diritto internazionale, eccetera?
    Speriamo vivamente di no!

    cari saluti

    • atlas
      10 Ottobre 2019

      la Russia è in guerra da tempo, in divisa e non

      alternative ? Una guerra nucleare e questa volta veramente cari saluti

  • Mardunolbo
    11 Ottobre 2019

    Mi pare inutile argomentare che Putin ha le mani legate dalla cricca economica che ha già fatto parecchi danni alla Russia ed ancora può farne !
    Mi pare ovvio ribadire che Putin sta destreggiandosi non poco con un sistema che è persino dentro la Russia e mantiene il controllo del 30% della Banca nazionale.
    Ciononostante risulta pure ovvio che Putin usi una super prudenza che fa detenere il gioco delle “tre carte” proprio dagli Usa….”dove sta la banconota ? Guardare,guardare bene, seguire la carta, seguire la carta….” ed a furia di seguire la carta di incolpano di buttar giù un aereo malese, ti abbattono un aereo russo in Egitto, ti abbattono un caccia tramite i turchi , ti abbattono un Antonov con aerei giudei che si intromettono e via ammazzando…..
    Non si deve pensare che gli Usa si divertono al vedere la “prudenza” russa ?
    Io penso proprio si divertano e giocano sempre più sporco per vedere fino a quando uno resiste.
    Non illudetevi che sia solo un gioco di scacchi in cui Putin sappia sempre come agire !
    Viene spiazzato spesso anche lui dalla sporcizia e scorrettezza inimmaginabile dei Serpenti Uniti.
    Anche la Cina, pur con tutta la sua capacità valutativa secolare, rimane spiazzata dalla disinvoltura Usa a rigirare e nascondere le carte.
    Hanno persino bloccato in aeroporto delegati russi per non farli arrivare all’Onu ! Ma scherziamo ? BISOGNA rispondere allo stesso modo altrimenti significa solo e soltanto mostrare le chiappe a chi te lo chiede !
    Ognuno poi è libero di crearsi la sua figura umana ideale per darsi un po’ di conforto in questo merdoso mondo; ma l’attenzione ed il raziocinio non devono mancare mai, altrochè “sentire le voci ” !

  • Mardunolbo
    11 Ottobre 2019

    Tanto per chiarire agli adoratori del dio Putin e della dea Russia, non c’è alcun bisogno di arrivare alla guerra per sedare i Serpenti Uniti ! E’ sufficiente agire, come stanno agendo, eliminando il dollaro (già ma mica è così semplice….!) e ripagando gli Usa di egual ” moneta” tanto per mostrare i denti . Ottima dimostrazione quando Putin mostro al consesso della Duma le nuove armi ipersoniche e l’effetto su uno stato nemico che guarda caso assomigliava molto agli Usa. Ma queste manifestazioni dovrebbero essere molto più frequenti, non lasciate solo alla buona volontà del Lavrov o di Shoigu… Spero di aver chiarito che tra una dichiarazione di guerra e l’accettazione passiva della presa nel ku, ci stanno tante altre validissime opzioni.

  • Mardunolbo
    11 Ottobre 2019

    L?unione Sovietica vinse la guerra contro la Germania per il ponte aereo che riforniva ogni giorno l’Armata Rossa con aerei degli Usa. Solgenitsyn espose chiaramente che ogni soldato sovietico sperava ,in cuor suo , che la Germania avrebbe schiacciato ilcomunismo giudeo-sovietico.
    Purtroppo ancor oggi in Russia è molto difficile dire queste verità perchè Putin cerca di mantenere unito il popolo con ideali eroici. Il “sacrificio” di 24 milioni di russi ammazzati durante la guerra fu effettuato spingendo al massacro i milioni di soldati sovietici contro una Wermacht ben motivata ad avanzare ed annientare l’impero sovietico omicida.
    Atlas gustati meglio la musica , non quella sentimental-popolare che serve ad annebbiarsi la zucca insieme alle donne !

  • Mardunolbo
    11 Ottobre 2019

    Per chi volesse rendersi conto di come sia stata travisata tutta la Storia recente, sappia che persino le canzoni tedesche sono state copiate e questo è un esempio palese….da questa musica Paul Anka fece la musica del “Giorno più lungo” come fosse musica inglese o americana ! E’ una marcia tipica tedesca, molto triste ma forte di significato e di filosofia !
    Buon ascolto (specialmente per il rammollimento mentale “atlas….ntico” ;-))

  • atlas
    11 Ottobre 2019

    commentatelo voi

    spiegate voi a cotanto volume di fuoco, a cotanto permaloso ardore che ha provocato l’insozzamento sanguinolento di una pagina intera, che gli usa sono da più di 70 anni una belva dalla potenza militare indiscussa e che cmq non è bene sottovalutare il nemico anche se lo si odia a morte; mentre la Russia sono solo poco più di 20 anni che ha trovato un pò di ‘serenità’ politica

    che il prendere tempo e organizzarsi non vuol dire rilasciare l’opzione di ‘muoia Sansone con tutti i filistei’ piuttosto che piegarsi

    a me è venuto sonno

  • eusebio
    12 Ottobre 2019

    I russi hanno la mano leggera ma molte ONG a casa loro le hanno chiuse, quando a Mosca fanno le solite manifestazioni ci vanno i soliti quattro gatti sorvegliati inclusi i reporter dei media occidentali a proprietà giudaica, in Cina invece per ogni arresto di cittadino cinese arrestano un occidentale e lo portano senza clamore davanti al plotone di esecuzione tipo un canadese accusato di traffico di droga.
    Inoltre la destra russa (80% della società) un volta era in buoni rapporti con la destra USA tipo Buchanan, forse sperano di ripristinare le relazioni.
    Comunque Cina e Russia sperano che il gigantesco ma graduale riarmo cinese, il mancato acquisto da parte cinese dei Treasury bonds, la dedollarizzazione dell’economia globale che vede la Cina attore principale, e il graduale fallimento economico e militare dei petromonarchi principali alleati degli USA in medio oriente metta a cuccia i neocons.
    Comunque i cinesi dovrebbero togliere l’acqua al pesce ovvero spingere i paesi del sud est asiatico ad eliminare le minoranze islamiche masse di manovra, del terrorismo e sostituire in Asia centrale i coloni russi tornati nella esausta patria con coloni cinesi.
    Al tempo dell’URSS i non musulmani erano arrivati al 40%, russi, ucraini, tedeschi e coreani, come nello Xinjiang dove ora gli Han sono il 70% rispetto agli islamici, se Astana, Almaty e Dushambe diventano città cinesi i neocons non potranno alimentare terrorismo e rivoluzioni colorate.

Rispondi a Alvise cancella risposta

*

code