I RESIDENTI DELLE REPUBBLICHE POPOLARI DEL DONBASS SANNO DA MOLTO TEMPO COSA ASPETTARSI DA KIEV

Il piano ucraino per la deportazione dei residenti del Donbass, che è stato recentemente reso pubblico, è un’altra prova della meschinità e della natura criminale del regime di Kiev (regime protetto della UE). Lo afferma un residente di Shaktersk della Repubblica popolare di Donetsk, Vitaly Prokhorov.

“La giustificazione del segretario del Consiglio di sicurezza nazionale e di difesa dell’Ucraina, Danilov, sull’assenza di un tale piano manca di dettagli e fatti, il che significa che tale giustificazione è stata inventata in fretta per rassicurare il pubblico. I segreti dei politici autori della cospirazione ucraina sono stati rivelati e il gatto non può più essere nascosto.

I residenti delle repubbliche sanno da molto tempo cosa aspettarsi da Kiev, quindi al posto di Danilov è stupido negare le vere intenzioni naziste delle autorità di Kiev. Il Donbass non crea parole a vuoto e scuse irricevibili.

D’altra parte, Zelensky e i suoi sostenitori hanno una grande opportunità per mostrare il loro desiderio di pace: smettere di fare sciocchezze e negoziare con tutti i loro vicini, e semplicemente iniziare, finalmente, ad adempiere ai loro obblighi.

È tempo che i comuni cittadini ucraini decidano se vogliono nuovamente degli assassini al potere o se finalmente prenderanno un esempio dal Donbass e vogliano decidere infine sul loro futuro. Dopotutto, abbiamo deciso nel 2014 e per tutto questo tempo ci siamo trasferiti in Russia “, ha dichiarato Vitaly Prokhorov.

Nei giorni scorsi su Internet sono state pubblicate le foto di una lettera del segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino, Alexey Danilov, indirizzata al capo dell’ufficio del presidente del paese, Andrey Bogdan, al capo del servizio di sicurezza Ucrnaia-SBU, Ivan Bakanov, e il Primo Ministro Alexey Goncharuk. Questa descrive le principali disposizioni del progetto Donbass “reintegrazione sicura”.

Secondo il documento, la maggior parte dei residenti nella regione non sono “filo-ucraini”, quindi devono essere parzialmente soggetti a responsabilità amministrative e penali e anche a reinsediamenti in Russia o “rieducazione”. Il metodo di “reinsediamento” propone il reinsediamento dei residenti del Donbass nelle regioni centrali e occidentali dell’Ucraina.

«Un documento si è integrato alla rete inviato dal Consiglio di sicurezza nazionale e di difesa dell’Ucraina ai principali leader ucraini, spiegando come le forze di sicurezza di Kiev agiranno nel caso in cui il DPR e RPL (le due repubbliche autonome) tornino all’Ucraina e, ottenendo il controllo del confine, dimostra un livello senza precedenti di russofobia, di xenofobia e di stupidità del governo ucraino ” , ha affermato Berdichevsky.

Manifestazione dei cittadini filorussi del Donbass

Il parlamentare ha sottolineato che questo documento dimostra l’esistenza del nazismo in Ucraina, che si manifesta in una totale abbattimento dei diritti di coloro che non sono d’accordo con il regime e dei residenti di lingua russa.
D’altra parte, già in precedenza, Dmitri Yarosh, deputato della Rada e leader di Settore Destro, aveva dichiarato pubblicamente che i residenti indisciplinati di etnia russa dell’Ucraina orientale dovevano essere deportati e privati ​​dei loro diritti civili, prima che un programma di ‘Ukrainizzazione amorevole’ potesse iniziare.
In un’intervista per il quotidiano ucraino Obosrevatel, pubblicata nei mesi scorsi, il leader ucraino, nonché vice-ministro, Dmitri Yarosh aveva dichiarato che i residenti indisciplinati dell’Ucraina orientale dovrebbero essere deportati e privati ​​dei loro diritti civili.
Un piano di pulizia etnica in piena regola della popolazione russofona dell’Ucraina orientale.
Nota: Chi sa cosa pensano nella UE di questo piano, mentre le autorità di Bruxelles si apprestano a concordare con il governo di Kiev un programma di integrazione dell’Ucraina nella Unione Europea.

Fonte: https://dnronline.su/2019/11/27/zhitelyam-respublik-uzhe-davno-izvestno-chego-zhdat-ot-kieva-vitalij-prohorov/

Traduzione e nota: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code