I ratti iniziano a fuggire dalla nave

di Jacques Henry

È facile vedere che diversi paesi europei cominciano a porsi seri interrogativi sul loro futuro dopo la fine del conflitto ucraino, perché questo conflitto avrà fine. È difficile immaginare che semplici truppe belghe o spagnole vengano ridotte in carne da cannone dall’artiglieria russa generosamente fornita anche dalle immense riserve della RPDC, in cambio del grano russo gratuito. La NATO non vorrà mai riconoscere la propria sconfitta, quindi l’unica soluzione sarà proprio quella coreana.
I russi esigeranno la smilitarizzazione totale di ciò che resterà dell’Ucraina quando la Polonia avrà utilizzato sé stessa, così come la Slovacchia, l’Ungheria e la Romania, vale a dire poco più che una sorta di museo in memoria di Bandera e dei cimiteri che avranno preso il posto dei campi di grano.

A tutti i paesi europei sarà vietato soggiornare in Russia. L’energia e le risorse russe andranno in Asia, i gasdotti Nord Stream non verranno mai riparati ed Engie avrà perso un miliardo di dollari.

L’euro perde la sua piccola partecipazione al mercato valutario, la Germania sprofonda in una recessione così grave che nessuno osa parlarne e tutti gli altri paesi dell’Unione seguiranno. L’inflazione persisterà, soprattutto perché il prezzo degli idrocarburi, compreso il metano, continuerà ad aumentare. Spiegherò in un prossimo articolo su questo blog il motivo di questo aumento dei prezzi degli idrocarburi. Insomma, Polonia e Ungheria hanno fatto uscire dal sonno altri paesi europei, Slovacchia in primis, e questo movimento accelererà grazie alle varie elezioni che si svolgeranno in Europa nei prossimi mesi. Per la Spagna, la costituzione di un nuovo governo è attesa da tempo… Dimentichiamoci delle elezioni europee poiché il Parlamento europeo non ha potere. Quindi, per mascherare il declino dell’Europa, non si è trovato niente di meglio per tenere occupati i cittadini: una nuova epidemia di coronavirus! I media mainstream venduti al capitale apolide hanno diffuso una notizia sensazionale: un “cluster” di casi in una casa di riposo.
La parola ammasso è usata dagli astrofisici per denominare un ammasso di stelle. Si tratta quindi di un mucchio di casi, una dozzina al massimo, di cui tutti si prendono gioco perché sono anziani che costano troppo alla società, una iniezione di rivotril e basta.

E se questa epidemia fosse un’esca per ingannare la gente? La triste realtà sarà sempre lì, l’inflazione, il crollo del settore immobiliare, la disoccupazione, l’afflusso di migranti che dormono per strada tra topi e cimici, e il futuro riconoscimento della sconfitta della NATO, 160 miliardi di euro gettati nella pattumiera della storia e arsenali completamente vuoti.

Come avrebbe scritto H16, questa Unione Europea è in rovina… Per quanto riguarda la Francia, questa illustrazione sopra, trovata sul web, descrive bene ciò che l’attende.

Fonte: jacqueshenry.

Traduzione: Gerard Trousson

4 commenti su “I ratti iniziano a fuggire dalla nave

  1. Non possono pagare i popoli le scelleratezze e il servilismo della politica, questa sarà la volta che dovranno pagare loro, certe decisioni le hanno prese loro, noi non siamo mai stati interpellati, ne li abbiamo votato,pertanto il conto salato dovranno pagarlo loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM