I poveri, soprattutto quelli di colore, non contano. Possono cadere come mosche. La carestia a Gaza non è un disastro naturale. Questo è il lavoro di Israele.

di Chris Hedges

La fase finale del genocidio israeliano a Gaza, una carestia di massa orchestrata, è iniziata. E la comunità internazionale non ha alcuna intenzione di fermarla.

Il governo israeliano non potrà mai accettare la tregua nei combattimenti proposta dal segretario di Stato Antony Blinken, tanto meno un cessate il fuoco. Israele è sul punto di sferrare il colpo finale alla sua guerra contro i palestinesi di Gaza, attraverso una carestia di massa. Quando i leader israeliani usano l’espressione “ vittoria assoluta ”, parlano di decimazione totale, di distruzione totale. Nel 1942 i nazisti affamarono sistematicamente i 500.000 uomini, donne e bambini del ghetto di Varsavia. Questa è una cifra che Israele intende superare.

Tentando di chiudere l’ Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente ( UNRWA ), che fornisce cibo e aiuti a Gaza, Israele e il suo principale protettore, gli Stati Uniti, stanno commettendo non solo un crimine di guerra, ma violano inoltre palesemente le decisioni della Corte penale internazionale (CPI). La Corte ha ritenuto plausibili le accuse di genocidio del Sud Africa, che includevano dichiarazioni e fatti raccolti dall’UNWRA. Ha ordinato a Israele di rispettare sei misure provvisorie volte a prevenire il genocidio e mitigare la catastrofe umanitaria. La quarta misura provvisoria invita Israele ad adottare misure immediate ed efficaci per fornire assistenza umanitaria e servizi essenziali a Gaza.

I rapporti dell’UNRWA sulle difficoltà incontrate a Gaza, dove ho svolto indagini come giornalista per sette anni, e la documentazione degli attacchi israeliani indiscriminati illustrano che, come ha detto l’UNRWA,
le “ zone sicure” dichiarate unilateralmente sono tutt’altro che sicure. Nessuna zona di Gaza è sicura ”.

Il ruolo dell’UNRWA nel documentare il genocidio, così come la sua missione di fornire cibo e aiuti ai palestinesi, fanno infuriare il governo israeliano. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha accusato l’UNRWA , dopo la decisione della Corte, di fornire informazioni false. Già presa di mira da Israele per decenni, l’UNRWA, che aiuta 5,9 milioni di rifugiati palestinesi in tutto il Medio Oriente fornendo loro cliniche, scuole e cibo, doveva essere eliminata. La distruzione dell’UNRWA da parte di Israele risponde ad un obiettivo politico e materiale.

Le accuse israeliane senza prove contro l’UNRWA, secondo cui una dozzina dei suoi 13.000 dipendenti avrebbero legami con gli autori degli attacchi perpetrati in Israele il 7 ottobre, hanno colto nel segno . Sedici grandi donatori, tra cui Stati Uniti, Regno Unito , Germania, Italia, Paesi Bassi, Austria, Svizzera, Finlandia, Australia, Canada, Svezia, Estonia e Giappone, hanno sospeso il loro sostegno finanziario all’organizzazione umanitaria di cui fanno parte quasi tutti i palestinesi in Gaza dipende dal cibo. Israele ha ucciso 152 dipendenti dell’UNRWA e danneggiato 147 strutture dell’agenzia dopo l’attacco all’interno di Israele da parte di Hamas e altri gruppi di resistenza il 7 ottobre, che ha ucciso circa 1.200 israeliani. Israele ha anche bombardato i camion umanitari dell’UNRWA.

Più di 27.708 palestinesi sono stati uccisi a Gaza, circa 67.000 feriti e almeno 7.000 risultano dispersi, probabilmente sepolti sotto le macerie.

Bambini affamati, Gaza

Secondo le Nazioni Unite, più di mezzo milione di palestinesi – uno su quattro – stanno morendo di fame a Gaza. I palestinesi di Gaza, 1,7 milioni dei quali sono sfollati interni, sono privati ​​non solo di cibo, ma anche di acqua pulita, riparo e medicine. Frutta e verdura sono rare. Lo è anche la farina necessaria per fare il pane . Pasta, carne, formaggi e uova non ci sono più. Sul mercato nero, il prezzo dei legumi come lenticchie e fagioli è aumentato di 25 volte rispetto ai prezzi prebellici. Al mercato nero un sacco di farina costava dagli 8 ai 200 dollari. Il sistema sanitario di Gaza, di cui solo tre dei 36 ospedali di Gaza sono ancora parzialmente funzionanti, è letteralmente crollato. Circa 1,3 milioni di sfollati palestinesi vivono per le strade della città meridionale di Rafah, che Israele ha designato come “ zona sicura ” ma che sta bombardando da settimane. Le famiglie tremano sotto la pioggia invernale, protette da sottili teloni, in mezzo a pozze di liquami contaminati. Si stima che circa il 90% dei 2,3 milioni di residenti di Gaza siano stati costretti ad abbandonare le proprie case.

Non era dai tempi della seconda guerra mondiale che un’intera popolazione veniva ridotta in condizioni di estrema carestia e miseria a un ritmo così rapido ”, scrive Alex de Waal, direttore esecutivo della World Peace Foundation presso la Tufts University e autore di “ Mass Starvation: The History and Future”. della carestia ” , sul Guardian . “ E l’obbligo internazionale di porre fine a tutto ciò non è mai stato così chiaro .”

Gli Stati Uniti, un tempo il maggiore contribuente dell’UNRWA, hanno pagato all’agenzia 422 milioni di dollari nel 2023. La rimozione dei fondi significa che le consegne di cibo dell’UNRWA, già in calo a causa dei blocchi imposti da Israele, cesseranno in gran parte entro la fine di febbraio o l’inizio di marzo.

Israele lascia ai palestinesi di Gaza due opzioni: andarsene o morire.

Nel 1988 ho seguito la carestia in Sudan che costò la vita a 250.000 persone. Ho cicatrici sui polmoni perché sono stato tra centinaia di sudanesi che muoiono di tubercolosi. Ero forte e sano e sono riuscito a combattere il contagio. Loro, deboli ed emaciati, non resistettero. La comunità internazionale, come a Gaza, ha fatto poco per intervenire.

Il precursore della carestia – la sottoalimentazione – sta già colpendo la maggior parte dei palestinesi di Gaza. Coloro che muoiono di fame non hanno le calorie per sopravvivere. In preda alla disperazione, le persone cominciano a mangiare fieno, erba, foglie, insetti, roditori e persino terra. Soffrono di diarrea e infezioni respiratorie. Tagliano minuscoli pezzi di cibo, spesso avariati, e li razionano.

Bambini affamati. Gaza

Ben presto, mancando il ferro per produrre l’emoglobina, una proteina presente nei globuli rossi che trasporta l’ossigeno dai polmoni al corpo, e la mioglobina, una proteina che fornisce ossigeno ai muscoli, e, soffrendo di una carenza di vitamina B1, le popolazioni sviluppano anemia . Il corpo non si nutre. I tessuti e i muscoli si deteriorano. La temperatura corporea non è più regolata. I reni smettono di funzionare. Il sistema immunitario crolla. Organi vitali – cervello, cuore, polmoni, ovaie e testicoli – atrofia. La circolazione sanguigna rallenta. Il volume del sangue è ridotto. Malattie infettive come il tifo, la tubercolosi e il colera diventano epidemie, uccidendo migliaia di persone.

Diventa impossibile concentrarsi. Le vittime emaciate soccombono al ritiro mentale ed emotivo e all’apatia. Non sopportano più di essere toccati o spostati. Il muscolo cardiaco è indebolito. Le vittime, anche a riposo, versano in uno stato di insufficienza cardiaca quasi totale. Le ferite non si rimarginano più. La vista è compromessa dalla cataratta, anche nei più piccoli. Alla fine, provando convulsioni e allucinazioni, le vittime soccombono per arresto cardiaco. Questo processo può durare fino a 40 giorni per un adulto. I bambini, gli anziani e i malati muoiono più velocemente.

Ho visto centinaia di figure scheletriche, fantasmi di esseri umani, muoversi a un ritmo agghiacciante attraverso l’arido paesaggio del Sudan. Le iene, abituate a mangiare carne umana, si nutrono regolarmente di bambini piccoli. Ho visto mucchi di ossa sbiancate alla periferia dei villaggi dove decine di persone, troppo deboli per camminare, si erano adagiate in gruppi per non rialzarsi mai più. Queste erano spesso le ossa di intere famiglie.

Nella città abbandonata di Maya Abun, i pipistrelli pendevano dalle travi della chiesa della missione italiana sventrata. Le strade erano ricoperte di erba alta. La pista di atterraggio sterrata era disseminata di centinaia di ossa umane, teschi e resti di braccialetti, perline colorate, cestini e vestiti laceri. Le palme furono tagliate in due. La gente aveva mangiato sia le foglie che la polpa all’interno. Era circolata la voce che il cibo sarebbe stato consegnato in aereo. La gente camminava per giorni fino alla pista di atterraggio. Aspettarono, aspettarono e aspettarono. Nessun aereo è arrivato. Nessuno ha seppellito i morti.

Oggi, guardando indietro, osservo cosa sta succedendo in un altro Paese, in un altro tempo. Conosco l’indifferenza che ha condannato i sudanesi, soprattutto i Dinka, e che oggi condanna i palestinesi. I poveri, soprattutto quelli di colore, non contano. Possono cadere come mosche. La carestia a Gaza non è un disastro naturale. Questo è il lavoro di Israele.

Studiosi e storici scriveranno di questo genocidio, credendo erroneamente che possiamo imparare dal passato, che siamo diversi, che la storia, ancora una volta, può salvarci dalla barbarie. Terranno conferenze accademiche. Diranno “ Mai più!” “. Si congratuleranno con se stessi per essere più umani e più civili. Ma quando arriva il momento di esprimersi, ad ogni nuovo genocidio, temendo di perdere il proprio status o la propria posizione universitaria, si rifugiano come topi nella loro tana. La storia dell’umanità è un’atrocità senza fine per i poveri e i vulnerabili del mondo. Gaza è un episodio nuovo.

Fonte: The Chris Hedges Report

Traduzione: Gerard Trousson

11 commenti su “I poveri, soprattutto quelli di colore, non contano. Possono cadere come mosche. La carestia a Gaza non è un disastro naturale. Questo è il lavoro di Israele.

  1. La storia umana è una indicibile vergogna che si perpetua nei millenni. L’ umanità è sempre la stessa, non cambia.

  2. Gli assassini ebrei stanno superando i maestri nazisti, sia pure in uno spazio limitato, come quello di Gaza che corre per meno di 50 chilometri, ma poi toccherà al boccone più grosso, cioè la Cisgiordania.

    Il grande reich degli ebrei in Palestina è l’obbiettivo di tutti i nasi adunchi (direi “nazi adunchi”, a questo punto) e quelli sparsi nel mondo, incistati in diversi paesi – particolarmente i nasi adunchi che controllano e governano gli usa – lo condividono, non abbiate dubbi in proposito.

    Cari saluti

  3. Ci sarà un risveglio generale (forse) quando conti correnti e frigo saranno vuoti, e allora sarà l’ultima chance per reagire prima che le forze fisiche ci abbandonino del tutto, come accaduto con la carestia in Sudan e ora a Gaza !
    Prima che questo accada, almeno alcuni dei responsabili del disastro dell’occidente e del nostro paese, saranno sicuramente giustiziati ! Questa è la mia ipotesi più pessimistica. Quella ottimistica è che i paesi “guida”, come USA-UK, UE e l’entità sionista, implodano da soli grazie anche alla resistenza dei paesi che non si piegano, e possibilmente alla nascita nel nostro paese di una forza di liberazione nazionale che agisca sul campo, non certo in parlamento !

    1. In Italia, regno dei collaborazionisti dell’impero del male, credo che 2.000.000 di esecuzioni non basterebbero a mettere l’immondizia fuori dalla porta della storia … Mia opinione, ovviamente, ma forse sono troppo buono e limito il numero.

      1. Caro EUGENIO, sei troppo buono, credo che pecchi per difetto, 2 milioni di esecuzioni mi sembrano poche ! Gli irrecuperabili sono ancora più numerosi … e non per mettere in piedi una società modello (che nella realtà non esiste) ma solo per riprendere a galleggiare !
        Saluti

    2. Fra l’altro ci sono vari elementi, ma non da ieri, da alcuni anni, che giocano per l’implosione degli usa – l’evento più importante e più positivo per tutto il pianeta! – ultimo ma non ultimo per importanza e potenzialità distruttive, la situazione psichiatrica di biden-bidet, altrimenti detto joe pannolone, che parla abitualmente per sua stessa ammissione con Mitterrand e Kohl (il primo defunto nel lontano 1996 e il secondo nel 2017!), confonde l’ukraina con l’Egitto (sic!) e dice ormai stramberie che escludono qualsiasi traccia di lucidità residua … Però la mummia è ufficialmente candidato per le presidenziali e quindi saranno cazzi acidi per i demokrat, ciò vorrà dire che i brogli elettorali probabilmente si moltiplicheranno e scateneranno reazioni, sperabilmente anche violente e destabilizzanti.

      Cari saluti

  4. Glii ebrei, voglio dire l’elite ebraica, non si fanno alcuno scrupolo della miseria, della fame, della morte di altri popoli che non siano quelli ebrei. Poi controllando la narrativa mondiale con uomini giusti al posto giusto, si fanno passare per vittime e perseguitati. Purtroppo c’è poco da fare.

    1. Questa situazione abnorme può essere letta come la vendetta dei potentissimi ebrei, privi di etica e di scrupoli, ai ppsti di comando in usa, ma “popolo eletto” da una loro divinità sanguinaria, contro i goyim, cioè tutti i “non ebrei” noi compresi, ossia, volendo esser più precisi, contro la specie umana … di cui non fanno parte.

      Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus