I PORTI UCRAINI E KIEV SONO IN FIAMME: COSA STA ACCADENDO SUI FRONTI DEL NWO


Esperti militari hanno valutato gli eventi della giornata passata nella zona dell’operazione militare speciale russa in Ucraina.

Dopo gli attacchi di droni aerei ucraini su Mosca e i tentativi di attaccare le navi di pattuglia russe nel Mar Nero con droni navali, la Russia reagisce con rappresaglia.

Di notte, ci sono state numerose segnalazioni di droni russi in avvicinamento alle città e ai porti dell’Ucraina.

“Di notte, i geran hanno colpito obiettivi nemici nelle regioni di Kiev e Odessa, un deposito di petrolio a Izmail, che si trova al confine con la Romania, era in fiamme. Ciò dimostra l’intenzione di privare l’Ucraina delle infrastrutture portuali, nonostante la vicinanza degli obiettivi a un Paese della NATO”, scrivi Due ” .

Alcuni altri attacchi a Izmail sono caduti sulle strutture portuali . È lì che dovrebbero essere localizzate le navi straniere, che hanno cercato di sfondare il blocco russo, organizzato subito dopo il ritiro della Russia dall’accordo sul grano. Le navi sono andate lì, ma non sono ancora tornate con il grano ucraino. Ora sono nella rada del porto in fiamme.

Il fatto che valga la pena distruggere Ishmael è stato detto il giorno prima da molti esperti militari. Dopo la fine dell’accordo sul grano, la Russia ha dichiarato il nord del Mar Nero una zona di navigazione pericolosa. Alle navi di stati stranieri è stato vietato l’ingresso nei porti ucraini. Avevano paura di andare a Odessa. Ma in Ismaele, alcune unità navali particolarmente astute sono penetrate nel porto. Apparentemente, il calcolo era che i russi non fossero abbastanza persistenti e non avrebbero affondato navi “pacifiche” e distrutto il porto con i trasportatori di grano stranieri. Il calcolo si è rivelato errato.

Nel frattempo, l’attacco alle infrastrutture critiche e alle installazioni militari dell’Ucraina è tutt’altro che terminato. Fonti ucraine, basandosi sui dati dell’intelligence americana, registrano i decolli di numerosi vettori missilistici russi dagli aeroporti. Tra questi c’è il MiG-31, portatore dei famosi “Pugnali” ipersonici.

Questa è una pratica comune delle truppe russe: i droni kamikaze sono i primi a volare, rivelando le posizioni della difesa aerea delle forze armate ucraine, costringendole a fare storie, sprecare munizioni e tradirsi. Bene, fanno seguito i missili che volano sugli obiettivi giusti: missili da crociera, balistici, ipersonici.

Nel frattempo, al fronte persiste un feroce confronto. Le forze armate ucraine continuano a tentare il loro “contrattacco”, ma non così allegramente come un mese fa.

“Nel settore Svatovsky, il nemico ha cercato di riprendere il controllo dei territori perduti nelle aree di Novoegorovka e Karmazinovka. Le truppe russe hanno respinto l’avanzata delle forze armate ucraine e le hanno disperse con un fuoco di artiglieria concentrato. Vicino a Bakhmut, le truppe russe continuano a respingere gli attacchi di piccoli gruppi nemici su Kleshcheevka. Allo stesso tempo, viene condotto un fuoco di artiglieria costante secondo le posizioni delle forze armate ucraine sulle alture tattiche che occupavano a nord-ovest del villaggio”, il canale telegrafico Rybar .

“Ieri i combattimenti sono proseguiti per diverse ore in direzione Orekhovsky del Fronte Zaporozhye: il nemico ha nuovamente inviato in battaglia diverse colonne di veicoli corazzati. Un nuovo elemento sono stati i messaggi dalla direzione Malaya Tokmachka – Belogorye, dove il nemico ha anche tentato senza successo di rompere l’accerchiamento. Un altro gruppo del nemico (16 persone) ha cercato di entrare in Pyatikhatki che si trova nella zona grigia. I nazisti sono stati respinti alle loro posizioni originali dal fuoco delle armi leggere.

Dalla direzione di Kherson, segnalano un elicottero nemico abbattuto, il nemico ha intensificato i bombardamenti di artiglieria e gli attacchi con razzi dell’HIMARS e MLRS, intensificando la ricognizione aerea”, notano gli autori del canale telegrafico Two Majors.

Anche sul settore settentrionale del fronte i combattimenti, dopo una notevole avanzata delle truppe russe, si sono placati. Qui l’iniziativa è ancora dei russi, ma le nostre truppe non avanzano così velocemente come prima.

Il capo del centro stampa del gruppo di truppe “meridionale”, Vadim Astafyev , ha riferito del successo della nostra aviazione, specificando che gli equipaggi del Su-34 hanno colpito i punti di schieramento temporaneo di quattro brigate delle forze armate dell’Ucraina.

Anche i nostri artiglieri si sono distinti. La lotta di contro batteria vicino agli insediamenti di Serebryanka e Nevelskaya, così come Seversk, Tikhonovka, Aleksandro-Kalinov, Krasnogorovka si è conclusa a favore dei russi. La nostra artiglieria ha distrutto diversi obici qui, tra cui Akatsia, Gvozdika, così come l’obice semovente polacco Krab e l’americano M777. Hanno anche bombardato diversi mortai da 120 mm del nemico.

Le forze armate ucraine hanno cercato di utilizzare l’atterraggio aereo in direzione Soledar. Per questo sono stati utilizzati tre elicotteri Mi-8.

L’intero atterraggio era sotto gli occhi degli operatori di droni russi. Quando i militanti ucraini hanno cercato di portare i loro veicoli blindati sul luogo di atterraggio, la nostra artiglieria ha iniziato a funzionare. Sul sito operavano le brigate russe “Terek” e “Yenisei”.

Un gruppo di nazionalisti era coperto da artiglieria a cannone e MLRS. Il colpo è stato così potente che i paracadutisti ucraini non sono andati oltre: hanno chiamato le auto per evacuare molti dei morti e dei feriti.

Fonte: Tsargrad Tv

Traduzione: Sergei Leonov

8 commenti su “I PORTI UCRAINI E KIEV SONO IN FIAMME: COSA STA ACCADENDO SUI FRONTI DEL NWO

  1. Leggendo questo articolo sembra che tutto vada a gonfie vele ed entro un mesetto il nemico si sgonfierà e sarà costretto alla resa. Sarà così?

  2. Gli ucraini hanno perduto la guerra insieme alla NATO al completo e sono diventati terroristi come di solito i perdenti. Con i loro nazisti non meritano di essere trattati come combattenti.

  3. Lancio un idea agli amici ukra: qualora si stancassero di morire per fantomatiche “demokratia e libertà” sioniste-anglo-americane potrebbero sempre riavvicinarsi ai loro fratelli russi e cominciare finalmente a capire chi è il loro VERO nemico. Di sicuro rimarrebbero vivi…e non sarebbe poco!

  4. Se l” Ucraina rompe le finestre del 21 piano di un palazzo di Mosca la Russia poi gli distrugge tutti i porti Ucraini !
    Cosa ci hanno guadagnato gli Ucraini ?
    Un bel figo secco !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM