I politici russi affermano che gli Stati Uniti hanno importato dall’estero la destabilizzazione che promuovono negli altri paesi

Nessuno avrebbe potuto importare guerre extraterritoriali americane sul suolo americano, ma Trump l’ha fatto. Gli americani non possono più imporre i loro “standard democratici” ad altri paesi “, hanno affermato i presidenti delle commissioni per gli affari esteri della Duma e del Senato russi, riferendosi alla crescente divisione nella società americana.

Leonid Slutski, presidente della commissione per gli affari esteri della Duma russa, citato da Tass, ha sottolineato che le rivolte di mercoledì a Washington sono state il risultato di una divisione nella società americana, che priva gli Stati Uniti di imporre i propri standard democratici ad altri paesi.
Il funzionario parlamentare russo ha detto ai giornalisti: “Quello che è successo a Washington è il risultato di una divisione che ha spaccato la società americana in due poli. L’attacco al Congresso americano, che ha confermato ufficialmente il risultato delle elezioni presidenziali, ha messo in ombra l’intero processo di trasferimento del potere in questo Paese. Certamente, gli Stati Uniti non possono più imporre i propri standard democratici ad altri paesi e fingere di essere il faro della democrazia nel mondo “.

E il funzionario russo ha proseguito: “Il boomerang delle rivoluzioni colorate, come si vede, sta ritornando negli stessi Stati Uniti e tutto questo indica che nel nuovo secolo la potenza americana dovrà affrontare una grave crisi”.
Da parte sua, Konstantin Kosachev, presidente della Commissione Affari Esteri del Consiglio della Federazione Russa (Senato), ritiene che seri confronti si ripeteranno anche alle prossime elezioni americane, visto che il governo Usa esiste da molto tempo. separato dalla società.
Il senatore russo ha aggiunto: “Se guardi alle piattaforme elettorali di repubblicani e democratici, ci sono sottili differenze per specialisti ed esperti, ma per il popolo americano c’è una grande differenza. È una differenza nel tenore di vita “.
Kosachev ha anche osservato che il sistema democratico nella società americana è un sistema arcaico che si è gravemente deteriorato e potrebbe crollare.

Assalto al Campidoglio

Il funzionario russo ha anche detto ieri: “L’American Democracy Day è terminato e gli Stati Uniti non possono più imporre le loro politiche democratiche ad altri paesi perché hanno perso tutti i loro diritti al riguardo”. Secondo lui, il narcisismo di Donald Trump e l’esistenza di dubbi nel conteggio dei voti nelle ultime elezioni americane sono state le ragioni principali della rivolta a Washington.

Secondo il filosofo Alexander Dugin, i fatti di Washington con l’assalto al Capitolo Hill hanno dimostrato che l’America è spaccata fra globalisti e primatisti, dove questi ultimi hanno subito le politiche dell’establishment con tutte le coseguenze negative.

Alexander Dugin

“La metà della popolazione statunitense è sotto il giogo totalitario dell’altra metà. Una vera dittatura liberale di sinistra è arrivata al potere nel paese nordamericano. E, di fronte a una situazione del genere, (noi russi) siamo costretti a dare il nostro sostegno alla metà della popolazione americana che viene oppressa. Quello che è avvenuto negli Stati Uniti è un colpo di stato sponsorizzato grazie a un complotto compiuto da élite illegittime”, ha proseguito Dugin. “La presidenza degli Stati Uniti è stata dirottata. In questo momento, gli Stati Uniti sono sotto il controllo di una giunta estremista. Adesso anche loro sperimentano cos’è il Maidan o il Terzo Mondo”.

Fonti: Geopolitica.ru – Al Manar

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento