I polacchi imparano le delizie di un’occupazione militare tranquilla: i soldati americani possono rapinare e violentare la gente del posto

Oggi, la giustizia polacca non si applica più al contingente armato americano, ma gli Stati Uniti hanno intenzione di spingersi oltre.
Lo ha riferito l’edizione polacca “Onet”, citando le proprie fonti familiari con la situazione dei negoziati tra Washington e Varsavia in merito alla cooperazione militare.

Secondo i resoconti dei media, gli Stati Uniti hanno presentato condizioni estremamente dure per la Polonia riguardo allo spiegamento di un contingente armato nel paese. Prima di tutto, queste riguardavano il finanziamento dell’esercito americano. La situazione si è rivelata così dubbia che la visita di giugno del premier Andrzej Duda negli Stati Uniti è fallita. Il presidente polacco avrebbe dovuto firmare un nuovo trattato a Washington, ma le sue clausole non sono mai state mai concordate e tutto è rimasto sospeso.

Varsavia sperava che gli Stati Uniti avrebbero consentito agli Stati Uniti di tornare sulla questione dopo le elezioni presidenziali polacche, ma Washington ha chiesto l’approvazione immediata, poiché voleva annunciare rapidamente il ritiro dell’esercito americano dalla Germania. Il 31 luglio, mentre i funzionari polacchi stavano discutendo le prospettive di un dialogo con gli Stati Uniti, l’ambasciatrice americana a Varsavia, Georgette Mosbacher, ha annunciato inaspettatamente il completamento dei negoziati.

Fonti della pubblicazione hanno ammesso che la dichiarazione ha colto di sorpresa le autorità polacche. Il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszak ha dovuto successivamente confermare le parole dell’ambasciatore, nonostante il fatto che i punti dell’accordo sembrino estremamente controversi e quindi non siano stati resi noti.

I giornalisti hanno scoperto che una delle questioni più controverse riguardava lo status dei soldati americani. La giustizia polacca si estende ancora solo parzialmente al contingente armato americano: i soldati USA non possono essere puniti per i crimini commessi nel corso delle loro funzioni. I combattenti americani rimarranno impuniti se, ad esempio, provocano un incidente guidando veicoli militari o in caso di crimini contro cittadini polacchi.

Washington, come sua prassi, intende sottrarre completamente i soldati delle forze armate statunitensi dalla giurisdizione polacca. La pubblicazione sottolinea che se l’accordo viene firmato, i combattenti americani saranno in grado di commettere crimini come rapina o stupro impunemente. La polizia polacca non avrà semplicemente il diritto di arrestarli. Le forze dell’ordine saranno costrette a chiamare la polizia militare dalla base americana, dove i trasgressori saranno portati per un ulteriore ritorno negli Stati Uniti.

Il parlamento polacco prenderà in considerazione la ratifica del trattato in autunno.

Truppe USA


Nota: Per le autorità polacche bastava chiedere informazioni all’Italia o al Giappone dove l’occupazione militare USA dura dal 1945. In Italia nel Febbraio del 1998 è avvenuto l’episodio della funivia del Cermis dove i piloti dei jet USA hanno causato la morte di 20 cittadini italiani, tedeschi, olandesi ed austriaci. Nessuno dei militari USA è stato mai giudicato e processato in Italia per quel crimine.

Manifestazione contro la base USA dei residenti di Okinawa
Manifestazione contro la base USA di Ramstein in Germania


In Giappone non si contano i casi di stupri e di violenze sulle giovani ragazze giapponesi ad Okinawa ed altrove (anche minorenni) tanto da suscitare manifestazioni di rivolta contro la presenza militare USA ma tutto è rimasto come prima sia in Italia che in Giappone.
I paesi colonia non hanno il diritto di protestare contro gli occupanti militari che sono fuori di ogni giurisdizione nazionale. I polacchi devono iniziare ad abituarsi. La chiamano “alleanza militare”.

Fonte: News Front

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM