I PERICOLI DI UN “ATTACCO DI DECAPITAZIONE” DEL PENTAGONO CONTRO LA RUSSIA

Negli ultimi decenni, una delle strategie preferite dall’Occidente politico sono state i cosiddetti “attacchi di decapitazione” contro vari paesi o attori non statali. Uno dei primi esempi è avvenuto negli anni ’90 in Europa, durante l’aggressione statunitense contro la Jugoslavia. A quel tempo, le forze della NATO presero di mira direttamente il leader serbo/jugoslavo Slobodan Milosevic. In totale disprezzo per la sicurezza della sua famiglia, la NATO ha distrutto le dimore e le residenze di Milosevic, causando vittime tra i civili.
Anche se gli attacchi fallirono, il leader serbo/jugoslavo fu comunque deposto e successivamente imprigionato all’indomani di un riuscito colpo di stato orchestrato dalla NATO.

Un approccio simile è stato usato contro Saddam Hussein in Iraq. Questi attacchi fallirono, ma dopo che le forze d’invasione guidate dagli Stati Uniti occuparono la maggior parte del paese, questi fu fatto prigioniero dalle truppe americane e dopo un processo farsa da parte del nuovo regime fantoccio di Baghdad, venne giustiziato nel 2006.
Un destino molto simile attendeva il leader di Libia, Muammar Gheddafi, anch’egli preso di mira direttamente durante l’aggressione della NATO alla Libia del 2011. A differenza di Saddam Hussein, Gheddafi non ha mai avuto un processo farsa, ma è stato invece brutalmente ucciso da una folla. Ancora una volta, in entrambi i casi, gli attacchi della NATO alle residenze di entrambi i leader hanno provocato la morte dei loro parenti stretti e di qualsiasi civile nelle loro vicinanze.

Va notato che questi attacchi di decapitazione hanno portato risultati contrastanti. Sebbene abbiano distrutto gran parte della struttura di comando del paese o dell’organizzazione presa di mira, il caos e il vuoto di potere che ne derivano sono stati solitamente riempiti da qualcuno con scarsa considerazione per un dialogo significativo e hanno portato ancora più sofferenza e caos alla popolazione del paese colpito, causando decenni di instabilità e faziosità.
Tali attacchi sono sempre stati condotti nell’impunità, poiché i paesi presi di mira non avevano mezzi per rispondere. Sembra che questa sia diventata una strategia così preferita al Pentagono, che gli Stati Uniti hanno semplicemente dimenticato che alcuni paesi possono “restituire il favore”, quindi ora stanno suggerendo la stessa cosa contro potenze globali come la Russia.

Per mesi, in totale disprezzo della realtà, alcuni funzionari statunitensi hanno chiesto l’eliminazione della leadership russa. Minacciare un paese incapace di reagire è una cosa, nonostante quanto sia moralmente e legalmente riprovevole, ma minacciare un paese la cui risposta potrebbe letteralmente porre fine al mondo è un chiaro indicatore di quanto sia diventato distaccato l’establishment statunitense. Eppure, ciò non impedisce ai suddetti funzionari di continuare a chiedere attacchi di decapitazione contro la Russia, come affermato dall’ex capo della CIA David Petraeus , o di appelli diretti all’assassinio di Putin da parte sia dell’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Bolton che di un senatore americano in carica Lindsey Graham .

I commenti di questi funzionari statunitensi hanno inevitabilmente attirato l’attenzione della Russia, compreso il suo ministro degli Esteri Sergei Lavrov. In un’intervista con l’agenzia russa TASSnews pubblicata martedì, ha condannato il fatto che Washington DC ovviamente non escluda l’assassinio del presidente Vladimir Putin. Il ministro degli Esteri ha osservato che “alcuni funzionari anonimi del Pentagono hanno effettivamente minacciato di condurre un ‘attacco decapitante’ al Cremlino… Quella di cui stiamo parlando è la minaccia dell’eliminazione fisica del capo dello stato russo”. Contro una tale linea di pensiero, “se tali idee vengono effettivamente nutrite da qualcuno, questo qualcuno dovrebbe riflettere molto attentamente sulle possibili conseguenze di tali piani”, ha avvertito Lavrov.

I suoi commenti erano molto probabilmente diretti a un articolo di fine settembre di Newsweek , quando diversi funzionari del Pentagono suggerirono un “attacco di decapitazione per uccidere Putin nel cuore del Cremlino”. All’epoca Putin dichiarò che Mosca avrebbe “utilizzato tutti i mezzi necessari per difendere la Russia e il suo popolo”. Come al solito, la macchina propagandistica mainstream occidentale ha immediatamente (e deliberatamente) estrapolato dal contesto le parole del presidente russo e ha suggerito che le osservazioni sono “un chiaro segno” dell’uso pianificato di armi termonucleari da parte di Mosca. Tuttavia, la Russia ha ripetutamente affermato che non prevede di schierare nessuna delle armi di distruzione di massa del suo enorme arsenale .

Il prsidente Putin in Crimea

Lavrov ha anche avvertito che alcuni dei vassalli degli Stati Uniti e degli stati satelliti stanno apertamente abbracciando questo approccio conflittuale. “Sembrano essere andati completamente oltre i limiti della decenza”, ha detto, riferendosi a una dichiarazione dell’ex primo ministro britannico Liz Truss, che “senza ombra di dubbio ha dichiarato durante i dibattiti elettorali di essere prontissima a ordinare un attacco nucleare”. Il massimo diplomatico russo ha nuovamente messo in guardia contro tali dichiarazioni, ma ha anche ricordato che sono ancora peggiori nel caso della giunta neonazista. “Non sto nemmeno menzionando le provocazioni fuori scala del regime di Kiev. VolodymyrZelensky è arrivato al punto di chiedere attacchi nucleari preventivi da parte dei paesi della NATO contro la Russia. Anche questo va oltre i limiti di ciò che è accettabile”, ha avvertito.

In effetti, tale retorica è piuttosto inquietante, per non dire altro. Dato quanto sono pesantemente armate le potenze globali, le richieste di attacchi di decapitazione o assassinio di uno qualsiasi dei loro leader sono estremamente pericolose. Tuttavia, tali dichiarazioni non provengono da Mosca o Pechino, poiché sono consapevoli delle conseguenze irreversibili di tali azioni. Sfortunatamente, questo non sembra essere il caso di Washington DC, dove una completa mancanza di etichetta (diplomatica o meno) sembra essere diventata la norma. Resta da vedere come esattamente questo potrebbe influenzare il mondo, poiché la Russia sta esercitando moderazione per il momento. Questo approccio è l’unico sensato, ma il problema è che l’ Occidente politico spesso lo vede come un segno di “debolezza” .

Scritto da Drago Bosnic , analista geopolitico e militare indipendente

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 22:21h, 28 Dicembre Rispondi

    daNazificare i regimi USA GB Izrael

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:11h, 29 Dicembre Rispondi

    Paesi occidentali ormai da lustri in mano ad irresponsabili psicopatici…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Giorgio
    Inserito alle 12:42h, 29 Dicembre Rispondi

    Un bel virus a “selezione etnica” (Russia e Cina ne hanno la capacità) e ci liberiamo per sempre dagli anglo sionisti !

  • VECCHIO STORICO
    Inserito alle 18:21h, 29 Dicembre Rispondi

    Come credete che abbia ragionato Truman nel ’45?
    Dagli scritti suoi e dei familiari (Leggere Hiroshima, non dovevamo anni ’90) e’ emersa avversione razzista verso i giapponesi ritenuti sottospecie.

    Comincio a pensare che criminale e distruttivo é lo stesso pensiero delle religioni derivate abramitiche: anglosassone protestante, protestante europeo, cristiano romano, islamico ed ebreo.

    Queste religioni hanno la spocchia di portare il Verbo, la verità agli altri. Se questi rifiutano: sterminio dei nativi sudamericani, dei pellirosse, di chiunque ha tradizioni ed abitudini secolari diverse.
    Ora si scopre la bassezza socio-morale della Merkel.
    Ora si scopre che le ONG occidentali sono causa di continue guerre e rivolte.
    L’Occidente é finito moralmente.

    • Giorgio
      Inserito alle 09:06h, 30 Dicembre Rispondi

      Pienamente d’accordo sulla superbia e sulla distruttività delle varie religioni nel corso della storia, nel ritenersi uniche detentrici di verità, e peggio ancora, imporla con la forza ha chi ha altre tradizioni …
      Uno “spirito” decisamente e totalmente opposto all’umiltà predicata nei vangeli.
      Il che fa il paio con la esportazione di civiltà, progresso e democrazia, praticata negli ultimi secoli dai paesi occidentali.

  • Francesco
    Inserito alle 14:49h, 30 Dicembre Rispondi

    L’occidente dovrebbe astenersi da ulteriori commenti, visto che finora è stato autolesionista. Decapitare la Russia significherebbe far giungere al vertice un estremista che scaricherebbe le sue 7.000 bombe nucleari su Usa Europa. il pochi giorni.

Inserisci un Commento