I paradigmi sono fratturati oltre ogni immaginazione, forse in modo irreparabile

di Alastair Crooke

Cosa potrebbe ora persuadere gli israeliani spaventati ad accettare uno stato palestinese sovrano? Che cosa, se non un’umiliante sconfitta per l’intero “fronte” della resistenza, potrebbe convincerlo ad accettare un Grande Israele?

Il paradigma dell’“invincibilità” dell’Occidente ha subito un duro colpo: prima in Afghanistan, poi più sostanzialmente in Ucraina – dove i “piedi d’argilla” della NATO sono stati esposti al mondo.

Con il soffio della “Fine della storia” di Fukuyama, l’autorità delle élite occidentali si è basata su una superiorità morale globale del benpensante: l’anticomunismo, poi il “terrorismo” islamico dopo l’11 settembre, sono diventati un’importante risorsa politica su cui gli strati dominanti potevano contare. L’anticomunismo, poi il “terrorismo” islamico dopo l’11 settembre, sono diventati importanti risorse politiche su cui gli strati dominanti hanno potuto fare affidamento.

Ma soprattutto questi hanno dato loro legittimità morale.

Oggi, le élite occidentali si trovano continuamente di fronte alla perdita della loro autorità (cioè l’avvento del multipolarismo) e sono alla ricerca di una nuova “legittimità”, mentre il mondo volta le spalle all’eccezionalismo e al suo substrato binario “con noi, o contro di noi”. ”.Poi è arrivato il 7 ottobre.

Il paradigma israeliano è crollato – sia nelle sue manifestazioni esterne che interne di “deterrenza”.
L’Israele di Jabotinsky doveva essere uno “stato-nazione” con tutta la potenza del modello del XIX secolo (Jabotinsky si ispirò, per il suo “Muro di ferro” (1923), ai “Giovani turchi” che erano entusiasti dello stato-nazione occidentale a causa del suo zeitgeist).

Quindi, anche se l’attuale trauma dell’Occidente per la sconfitta in Ucraina è profondo, ho paura di aggiungere che non ne avete ancora visto la metà.

Gli eventi del 7 ottobre hanno mandato in frantumi il “mito della deterrenza”, mettendo in subbuglio l’Occidente.

Questo è il punto più importante: la nostra deterrenza ”, ha detto un alto funzionario del gabinetto di guerra israeliano:
“ La regione deve capire rapidamente che chiunque danneggi Israele come ha fatto Hamas pagherà un prezzo sproporzionato. Non c’è altro modo per sopravvivere nel nostro quartiere che chiedere questo prezzo adesso, perché molti occhi sono puntati su di noi e la maggior parte di loro non ha a cuore i nostri migliori interessi ” .

Rivolta del mondo arabo per la Palestina

Il “paradigma” israeliano si basa quindi sulla dimostrazione da parte dello Stato di una forza schiacciante, diretta verso qualsiasi sfida emergente. Gli Stati Uniti e l’Europa, dopo aver creato uno Stato (Risoluzione 181 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite), hanno poi insistito affinché Israele avesse sia il vantaggio politico (negli accordi di Oslo, tutte le decisioni strategiche spettano esclusivamente a Israele) sia, allo stesso modo, il vantaggio militare su tutti i suoi vicini.

In altre parole, Oslo si basava sulla costruzione di un forte Stato-nazione in stile XIX secolo, dotato di un deterrente invincibile.

Anche se presentata come tale, questa formula non consente di raggiungere un accordo di pace duraturo che preveda la divisione della Palestina mandataria in due Stati. La parità tra i due partiti era per definizione esclusa: uno avrebbe avuto una forza schiacciante, l’altro sarebbe stato disarmato. E Israele continuava a chiedere di più.

Inoltre, sotto il governo di Netanyahu, Israele si è avvicinato sempre di più a una fondazione escatologica di Israele nella (biblica) “Terra di Israele” una mossa che cancella la Palestina. Non è un caso che Netanyahu abbia presentato una mappa di Israele durante il suo recente discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, in cui Israele dominava dal fiume al mare – e la Palestina o il territorio palestinese non esistevano.

Oslo, per così dire, divenne uno strumento invisibile, una Nakba politica silenziosa, gli insediamenti si espansero e la presunta Palestina diventò sempre più piccola.

Per comprendere l’ansia occidentale – e il sentimento di crisi esistenziale – bisogna sapere che Israele era considerato a Londra e Washington come il microcosmo del macrocosmo egemonico occidentale. Fondamentalmente, la deterrenza di Israele era ben poca cosa rispetto alla deterrenza dell’invincibilità della NATO.

E poi Hamas ha mandato in frantumi questo paradigma. Il paradigma della deterrenza ha fallito.

Il rischio qui è chiaramente che una Casa Bianca indebolita reagisca in modo eccessivo per dimostrare (contro ogni evidenza) che non è debole, ma è ancora la potenza egemone, gettando tutto il suo peso sulla bilancia, possibilmente contro l’Iran. Gli Stati Uniti inviano portaerei e navi al seguito, nonché enormi convogli (centinaia) di aerei cargo carichi di bombe, missili e sistemi di difesa aerea (THAAD e Patriot) non solo in Israele, ma anche nel Golfo, in Giordania e Cipro. Vengono schierate anche forze speciali e marines. Questa è una provocazione. Gli Stati Uniti stanno infatti inviando una vera e propria armata bellica su larga scala.

D’altro canto, la rabbia nella regione è reale e minaccia i leader arabi “moderati”, il cui margine di manovra è ormai limitato. Sembrerebbe che l’atmosfera nella sfera araba sia diversa e assomigli più da vicino alla rivolta araba del 1916 che rovesciò l’Impero Ottomano. La situazione prende una svolta diversa quando le autorità religiose sciite e sunnite dichiarano che i musulmani hanno il dovere di stare dalla parte dei palestinesi. Gli ebrei di tutto il mondo occidentale sono inorriditi dalle uccisioni del 7 ottobre, ma sono ancora più inorriditi dalle sue implicazioni per la deterrenza israeliana.

La Russia alleata con mondo Islamico (Iran e Turchia)

In altre parole, mentre Israele diventa decisamente apocalittico (nel suo discorso, Netanyahu ha parlato di “sradicare il male” dal mondo), anche l’atmosfera islamica sta diventando escatologica. Ricordiamo che il presidente Erdogan ha messo in guardia contro l’evoluzione del conflitto verso la “Mezzaluna contro la Croce”.

Si prevede che la dicotomia e la passione polare si intensificheranno (o addirittura esploderanno) con il crescendo dell’incursione a Gaza. Una regione, ardente di rabbia, si sta mobilitando contro Israele. E il mondo occidentale minaccia vendetta su ogni nuovo fronte che potrebbe aprirsi.
Cosa fare ?
Il riflesso è quello di invocare una soluzione a due Stati. Gli Stati devono, ovviamente, avere una posizione diplomatica pubblica.

Va bene, a patto che si comprenda che questo può servire solo, più probabilmente, come “meccanismo di scarica emotiva”. La formula dei due Stati semplicemente non è fattibile nell’attuale contesto di passioni elevate (se mai lo è stata). La questione più fondamentale è se la soluzione a due Stati sia davvero una soluzione. Negli ultimi dieci anni, l’elettorato israeliano si è spostato significativamente a destra. I ministri del governo ora cercano di fondare Israele nella “Terra d’Israele”.

Che cosa, a parte un’umiliante sconfitta, potrebbe convincere gli israeliani spaventati ad accettare uno Stato palestinese sovrano? Cosa, se non un’umiliante sconfitta per l’intero “fronte” della resistenza (ora chiamato “asse del male” da alcuni occidentali), potrebbe convincerli ad accettare un Israele più grande dopo aver assistito alla distruzione di Gaza? Gli Stati Uniti non possono permettersi di stravolgere Israele in questo modo – sarebbe del tutto estraneo alla cultura politica americana.
NO. Il compito che ci attende è cercare di contenere il conflitto in modo che non si estenda in determinati canali ben definiti.

Alastair Crooke

Fonte: Al-Mayadeen

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “I paradigmi sono fratturati oltre ogni immaginazione, forse in modo irreparabile

  1. la Grande Offesa arrecata da Hamas, secondo Israele, può essere cancellata solo dalla completa distruzione della Palestina e dei Palestinesi. Ma se verrà cancellata la Palestina verrà cancellato anche Israele. E se Israele userà l’atomica, verrà esso stesso cancellato con l’atomica. Stupidi: Israeliani e l’Americani. Sono inorridito del loro comportamento: Satana non è il loro papà, è il figlio primogenito nato dal loro matrimonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM