I palestinesi celebrano la vittoria, gli israeliani piangono un cessate il fuoco “imbarazzante”

La gente di Palestina scende in piazza per festeggiare a seguito di un cessate il fuoco dichiarato unilateralmente da Israele e accettato dai gruppi palestinesi nella Striscia di Gaza, a Gaza City all’inizio del 21 maggio 2021. (Foto di AFP)
I palestinesi a Gerusalemme est al-Quds, la Cisgiordania e la Striscia di Gaza hanno celebrato la vittoria contro Israele, poiché venerdì è entrato in vigore un cessate il fuoco unilateralmente dichiarato da Tel Aviv e accettato dai gruppi di resistenza palestinesi.

A Gaza, che era stata sottoposta a pesanti bombardamenti israeliani per 11 giorni, la gente è scesa in strada e ha cantato Allahu Akbar, mentre a Gerusalemme est al-Quds e nelle città della Cisgiordania, la gente ha fatto esplodere fuochi d’artificio.

Le moschee a Gaza trasmettono canti celebrativi attraverso i loro altoparlanti per celebrare la fine degli atti di aggressione israeliani.

Giovedì Israele ha dichiarato un cessate il fuoco unilaterale a partire dalle 2 del mattino di venerdì ei gruppi di resistenza palestinesi a Gaza lo hanno accettato.

L’alto funzionario di Hamas Osama Hamdan ha affermato che i gruppi di resistenza hanno ottenuto garanzie dai mediatori egiziani che gli attacchi israeliani a Gaza e al quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme al-Quds e alla moschea al-Aqsa – le aggressioni che hanno innescato i combattimenti – si sarebbero fermate.

In precedenza, il gabinetto di sicurezza israeliano si era riunito per discutere un cessate il fuoco unilaterale che entrasse in vigore venerdì, ha detto l’emittente pubblica israeliana Kan.

Israele ha iniziato il bombardamento aereo della Striscia di Gaza il 10 maggio, dopo settimane di violenze contro i palestinesi nel complesso della moschea di al-Aqsa, dove le forze israeliane e i coloni hanno attaccato i fedeli palestinesi, e nel quartiere di Sheikh Jarrah, dove il regime ha cercato di espellere le famiglie palestinesi dalle loro case per costruire più insediamenti illegali.

Il regime israeliano ha ucciso almeno 243 palestinesi, tra cui 66 bambini e 39 donne, attraverso i suoi bombardamenti aerei su Gaza. I gruppi di resistenza palestinesi hanno risposto con migliaia di razzi notevolmente migliorati, che hanno colto Israele alla sprovvista e ucciso 12 persone.

In un commento, venerdì il Times of Israel ha scritto che la resistenza palestinese a Gaza si è trasformata in “un mostro militare che ora aspira a competere con Hezbollah e riesce a mettere in imbarazzo Israele di volta in volta”.

Un politico israeliano denuncia un cessate il fuoco “imbarazzante

Gideon Sa’ar, un politico israeliano e leader del partito Nuova Speranza, ha denunciato la dichiarazione unilaterale di cessate il fuoco di Netanyahu con Hamas come “imbarazzante”.

“Con la migliore intelligenza e forza aerea del mondo, Netanyahu è riuscito a strappare ad Hamas un ‘cessate il fuoco incondizionato’ – imbarazzante”, ha twittato Sa’ar.

In precedenza, aveva messo in guardia contro un cessate il fuoco, dicendo che una tale mossa “avrebbe seriamente danneggiato la deterrenza israeliana” contro Hamas e altri gruppi di resistenza.

Giovedì notte ai coloni israeliani vicino a Gaza è stato detto che potevano lasciare i loro rifugi antiaerei, poche ore dopo essere stati istruiti a entrare in essi con i razzi lanciati dai gruppi di resistenza a Gaza.

L’esercito israeliano, tuttavia, ha invitato i coloni delle comunità entro quattro chilometri dal confine di Gaza a rimanere nelle immediate vicinanze di un rifugio antiaereo.

Bambini di Gaza, sopravvissuti ai bombardamenti festeggiano

‘La lotta palestinese si rafforza’

L’analista politico Khalil Shaheen ha detto che la lotta palestinese contro Israele è stata rafforzata come risultato della loro resistenza contro i crimini del regime.

Parlando con il Middle East Eye, Shaheen ha detto che la lotta contro l’occupazione ha preso una nuova svolta dal 2014.

Dopo l’annuncio del cessate il fuoco, un alto personaggio di Hamas ha detto in un discorso a migliaia di persone che hanno celebrato a Gaza che il cessate il fuoco è stata una vittoria contro il regime israeliano.

“Questa è l’euforia della vittoria”, ha detto Khalil al-Hayya, il secondo membro più anziano dell’ufficio politico di Hamas nella Striscia di Gaza.

Hayya ha anche promesso di ricostruire le case distrutte dai raid aerei israeliani.

Un altro funzionario di Hamas ha detto alla rete televisiva libanese al-Mayadeen che la resistenza ha ricevuto assicurazioni sulla politica israeliana nei confronti del Nobile Santuario (Haram al-Sharif) nel complesso della Moschea di al-Aqsa, così come di Sheikh Jarrah.

La resistenza ha forgiato una nuova equazione e una nuova vittoria”, ha detto Osama Hamdan.

Un altro funzionario di Hamas ha detto a Reuters che Israele deve risarcire i danni causati dai suoi bombardamenti su Gaza e porre fine alle sue violazioni a Gerusalemme al-Quds.

“È vero che la battaglia finisce oggi, ma [il primo ministro israeliano Benjamin] Netanyahu e il mondo intero dovrebbero sapere che le nostre mani sono sul grilletto e continueremo a far crescere le capacità di questa resistenza”, ha detto Ezzat El-Reshiq, un membro dell’ufficio politico di Hamas.

Ha detto che le richieste dei palestinesi includono anche la protezione della moschea di al-Aqsa e la fine dello sfollamento dei palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah, avvertendo che i gruppi di resistenza hanno “le mani sul grilletto”.

Biden giura il futuro supporto di Iron Dome

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto giovedì di aver parlato con Netanyahu dopo l’annuncio del cessate il fuoco, rassicurando il premier israeliano che gli Stati Uniti sostengono pienamente Israele contro i gruppi di resistenza palestinesi a Gaza.

Il presidente degli Stati Uniti ha detto di aver assicurato a Netanyahu che gli Stati Uniti ricostituiranno la loro fornitura di missili Iron Dome in futuro.

Nonostante gli sforzi di Israele per descrivere l’Iron Dome come efficace, il sistema non è riuscito a intercettare centinaia di razzi migliorati lanciati da Hamas e dalla Jihad islamica da Gaza, con l’Associated Press che ha riferito che il suo tasso di intercettazione era apparentemente diminuito.

Durante gli 11 giorni di bombardamento israeliano su Gaza, gli Stati Uniti hanno ripetutamente sostenuto il “diritto del regime di difendersi” e hanno respinto gli sforzi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per rilasciare una dichiarazione che chiedesse la fine della crisi.

Biden ha anche detto che gli Stati Uniti lavoreranno con l’Autorità Palestinese, che gestisce la Cisgiordania, invece di Hamas che amministra Gaza, sugli affari dell’enclave assediata.

“Lo faremo in piena collaborazione con l’Autorità Palestinese, non Hamas, l’Autorità, in un modo che non consente ad Hamas di rifornire semplicemente il suo arsenale militare”, ha detto.

Nota: Che gli piaccia o no, USA e Israele dovranno trattare con le organizzazioni della resistenza palestinese e non con i loro amici collaborazionisti arabi.

www.presstv.ir https://www.presstv.com/Detail/2021/05/21/657132/Palestinians-celebrate-victory-against-Israel

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus