I Paesi emergenti si rifiutano di intervenire nell’impasse tra Stati Uniti/Russia/Cina


Documenti classificati del Pentagono trapelati a seguito di un’apparente grave violazione della sicurezza rivelano la raccolta di intelligence statunitense su partner e concorrenti chiave, inclusa la Cina.

La nuova strategia di difesa nazionale di Washington vede la Cina come il più importante concorrente strategico dell’America, mentre la Russia è descritta come una “minaccia acuta” capace di attacchi informatici e attacchi missilistici contro gli Stati Uniti.

Una serie di importanti nazioni in via di sviluppo sta cercando di astenersi dall’escalation dello scontro tra Stati Uniti, Russia e Cina, ha riferito il Washington Post citando fughe di notizie dal Pentagono.

Le fughe di notizie includono valutazioni classificate dell’intelligence statunitense che mostrano che paesi come India, Brasile, Pakistan ed Egitto stanno cercando di ” sovrapporre le alleanze in un momento in cui l’America non è più la superpotenza indiscussa nel mondo” . »

Secondo i documenti, l’agenda globale del presidente Joe Biden deve affrontare sfide significative poiché le suddette influenti potenze regionali ” cercano di rimanere ai margini ” dei conflitti di Washington con Mosca e Pechino, a volte capitalizzando questa rivalità per il proprio tornaconto.

Per quanto riguarda il Pakistan, uno dei documenti trapelati citava il ministro di Stato per gli affari esteri del paese, Hina Rabbani Khar, che a marzo aveva affermato che Islamabad “non poteva più cercare di mantenere un terreno comune tra Cina e Stati Uniti . »

Rabbani Khar ha espresso preoccupazione in una nota interna che la ” tendenza ” a preservare la partnership del Pakistan con l’America potrebbe danneggiare la ” vera collaborazione strategica ” di Islamabad con Pechino.

Per quanto riguarda l’India, un altro documento trapelato afferma che il consigliere per la sicurezza nazionale del Paese, Ajit Kumar Doval, aveva precedentemente assicurato al suo omologo russo Nikolai Patrushev che New Delhi avrebbe sostenuto Mosca nei forum multilaterali, sottolineando anche la riluttanza dell’India a sostenere la risoluzione Onu proposta dall’occidente sull’Ucraina.

Premier indiano Modi con Putin

Né la Casa Bianca né il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti hanno commentato la questione.

Matias Spektor, uno studioso del Carnegie Endowment for International Peace, ha dichiarato al Washington Post che le potenze emergenti si stanno “ricalibrando ” mentre la Cina estende “ un nuovo potere economico e militare” e la Russia “dimostra la sua capacità di deviare la pressione occidentale. . »

” Non sappiamo chi sarà in pole position tra 10 anni, quindi devono diversificare i loro rischi e coprire le loro scommesse “, ha aggiunto il ricercatore.

Nella nuova strategia di difesa nazionale degli Stati Uniti pubblicata alla fine di ottobre 2022 insieme alla Nuclear Posture Review e alla Missile Defense Review del paese, l’amministrazione Biden ha definito la Cina un “concorrente strategico significativo per decenni ” . »

” [Cina] e Russia ora pongono sfide più pericolose per la sicurezza e la sicurezza interna, anche se le minacce terroristiche persistono “, afferma il documento, aggiungendo che entrambi i paesi hanno dispiegato capacità spaziali che presumibilmente potrebbero prendere di mira il GPS americano e altre capacità spaziali che supportano i militari potere e la vita civile di tutti i giorni.

Parlando ai giornalisti dopo che la strategia è stata rilasciata all’epoca, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha sostenuto che mentre la Russia “non può costantemente sfidare gli Stati Uniti a lungo termine “, a differenza della Cina, ” questa rappresenta una minaccia immediata e acuta per il nostro mondo [americano di interessi e valori]. »

Per quanto riguarda i documenti riservati dell’intelligence, nelle ultime settimane sono trapelati sui social media, fornendo in particolare intelligence su una serie di questioni di sicurezza sensibili legate al conflitto in Ucraina, tra cui le difese aeree ucraine, le attività militari russe e le valutazioni statunitensi dello stallo.

Il Pentagono ha confermato che i documenti ” sembrano contenere materiale sensibile e altamente classificato “, ma ha insistito sul fatto che almeno alcuni sono stati manomessi.

Il ministero degli Esteri russo, a sua volta, ha suggerito che le fughe di notizie potrebbero essere false e riflettere un tentativo deliberato di fuorviare Mosca.

Fonte: Pars Today

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM