I nuovi fatti emersi cambiano tutto, la verità scomoda sul perché l’Iran ha dato un avvertimento agli USA

placeholder

di Gordon Duff (*)

Sono emerse informazioni che indicano che gli Stati Uniti non sono solo responsabili per l’uccisione di Soleimani ma anche per le oltre 300 uccisioni durante le proteste irachene alla fine del 2019.

In effetti, si può dimostrare che gli Stati Uniti non solo hanno organizzato le proteste, ma sono anche responsabili dell’uccisione di manifestanti, centinaia di loro, qualcosa che abbiamo visto prima, Maidan nel 2014, Libia nel 2011 e Cairo nel 2009.

In ogni caso, le uccisioni di manifestanti portano a un cambio di regime favorevole agli Stati Uniti. Sebbene le prove di cecchini falsi a Maidan siano schiaccianti, questa è la prima vera “pistola fumante” che stabilisce chiaramente l’esercito americano come un’organizzazione terroristica.

Iniziamo la nostra storia

L’omicidio di Soleimani, per mano di Pompeo, Esper e Trump, èstato molto più di quanto la semplice arroganza e l’ignoranza presumano la maggior parte dei commentatori.

Si presume anche, a torto, che l’occupazione americana delle terre asiatiche irachene ricche di petrolio e oppio sia guidata dall’interesse nazionale, almeno in una parte, forse anche in una piccola parte. Anche questo è falso, palesemente falso.

Il retroscena dietro l’uccisione di Soleimani è radicato nelle rivolte esplosive e nei misteriosi omicidi che hanno spinto il Primo Ministro iracheno Mahdi a dimettersi il 30 novembre 2019.

Mahdi era in carica da un anno e per la prima volta aveva affrontato la massiccia corruzione irachena, un problema endemico con qualsiasi nazione che ha la sfortuna di essere occupata dagli Stati Uniti.

L’Iraq ha una maggioranza di popolazione sciita che ha lentamente assunto il dominio politico dopo anni di repressione sotto Saddam Hussein.

In effetti, era stato il generale iraniano Soleimani che vennne in Iraq nel 2003 per organizzare le milizie sciite, l’attuale PMU, ora parte dell’esercito iracheno, per combattere al fianco delle forze americane che stavano rovesciando il dominio baathista sunnita.

Trump afferma di aver ucciso Suleimani per la sua parte nell’uccisione di americani durante questo periodo, quando in realtà Suleimani fu strettamente alleato con gli Stati Uniti, almeno fino a quando gli Stati Uniti decisero di iniziare una guerra con l’Iran nel 2007. Tuttavia, questa è un’altra storia per un’altra volta, si è anche lavorato con l’inganno e il doppio scambio.

Fondamentale per comprendere gli eventi è capire il vero ruolo dell’America in Iraq. Per fare ciò, è necessario capire perché il parlamento iracheno ha votato all’unanimità per estromettere le truppe americane.

La storia dietro questo è molto più della morte di Solimani, molto di più, ed è stata soppressa. Quella storia coinvolge una narrazione geopolitica più ampia che è emersa quando l’Iraq sotto Mahdi ha cercato di rimuovere il tallone americano dal collo del paese.

Il giornalista italiano Federico Pieraccini ha indagato sulla storia dietro il discorso di Mahdi al parlamento, la cui parte registrata non ha risposto in alcun modo a domande reali sul perché l’Iraq avrebbe fatto una mossa così drastica da espellere le truppe americane, ponendo fine al sistema di payoff da miliardi di dollari all’anno che alimentava così tanti politici sunniti.

Pieraccini ci dice questo:

“[Presidente del Consiglio dei rappresentanti dell’Iraq] Halbousi ha partecipato alla sessione parlamentare, mentre quasi nessuno dei membri sunniti lo ha fatto. Questo perché gli americani avevano appreso che Abdul-Mehdi stava pianificando di rivelare segreti sensibili nella sessione e avevano inviato Halbousi per impedirlo.

Halbousi aveva interrotto Abdul-Mehdi all’inizio del suo discorso e poi ha chiesto parlamentare. Dopo questo, Halbousi insieme ad altri membri, si era seduto accanto ad Abdul-Mehdi, parlando apertamente con lui ma senza che fosse registrato. Questo è ciò che è stato discusso in quella sessione che non è stata trasmessa:

Abdul-Mehdi ha parlato con rabbia di come gli americani avevano rovinato il paese e ora si sono rifiutati di completare i progetti di infrastrutture e reti elettriche a meno che non gli fosse stato promesso il 50% delle entrate petrolifere, che Abdul-Mehdi ha rifiutato. “

Premier Iracheno

Quell’accordo con la Cina fu il risultato dell’abbandono di Mahdi da parte di qualsiasi tentativo di lavorare con gli Stati Uniti dopo anni passati a vedere la sua nazione prosciugata delle sue risorse.

Non è un segreto che gli Stati Uniti abbiano avuto poco o nessun ruolo nella lotta contro l’ISIS e, se uno chiedesse alla maggioranza sciita di cittadini iracheni, la maggior parte di questi insisterebbe sul fatto che gli Stati Uniti sono stati loro a portare l’ISIS in Iraq con l’aiuto saudita.

Negli incontri con i leader sunniti, svoltisi a Baghdad nel gennaio 2014, mi è stato spiegato esattamente come l’ISIS avrebbe compensato l’influenza sciita e garantito che l’Iraq sarebbe rimasto sotto il controllo saudita e degli degli Stati Uniti.

I leader sunniti, che controllavano i comandi militari chiave e i governatorati provinciali, progettarono di trasferire semplicemente la gestione degli affari all’ISIS e, in effetti, lo fecero nonostante gli avvertimenti.

Mesi dopo, diversi che avevo incontrato erano stati decapitati dall’ISIS. “Quello che va, poi ti torna.”

Per quanto riguarda l’accordo di Mahdi con la Cina, che come vedremo, aveva scatenato il colpo di scena americano, viene descritto nel modo seguente da parte del Middle East Institute:

“All’arrivo a Pechino il 19 settembre a capo di una delegazione composta da 55 membri, il Primo Ministro iracheno Adel Abdul-Mahdi ha descritto la visita in Cina come un” salto di qualità “nelle relazioni bilaterali. La visita di cinque giorni è culminata nella firma di otto memorandum d’intesa (MoU) di ampia portata, un accordo quadro di credito e l’annuncio di piani per l’Iraq di aderire alla Belt and Road Initiative (BRI) della Cina. Da allora, tuttavia, un’ondata di rabbiose proteste anti-governative ha spazzato via in gran parte dell’Iraq, lasciando oltre 100 morti e migliaia di feriti – un vivido promemoria della lotta in corso per la stabilità del Paese e degli ostacoli all’ulteriore consolidamento delle relazioni Cina-Iraq “.

Queste proteste antigovernative sono attribuite alle minacce di Donald Trump, come vedremo nel testo completo del discorso di Mahdi al parlamento, di seguito. La logica è semplice, l’accordo con la Cina è stato il miglior sforzo dell’Iraq per affrontare la disoccupazione e la disuguaglianza economica, perché qualcuno dovrebbe volerlo sabotare?

Maggiori informazioni sulla leadership di Mahdi di seguito, sempre dal Middle East Institute:

“Dall’inizio del 2018, il governo centrale dell’Iraq ha lavorato assiduamente per capitalizzare sulla sconfitta territoriale del Daesh, che tre anni prima aveva invaso e controllato quasi un terzo del paese. È stato ristabilito un rapporto di lavoro tra il governo iracheno e il governo semi-autonomo del Kurdistan (KRG). Dopo ripetuti ritardi dovuti a una serie di incidenti di sicurezza, è stato riaperto il valico di frontiera Qaim di recente costruzione con la Siria. È in corso la pianificazione per la costruzione di un nuovo oleodotto da Kirkuk alla Turchia.

Tuttavia, sebbene l’Iraq sia entrato in un periodo di relativa calma, il Paese deve affrontare una moltitudine di sfide. La situazione della sicurezza nel Paese è fragile. Secondo un recente rapporto del Pentagono, Daesh ha “consolidato le sue capacità dei ribelli in Iraq”. Nel frattempo, il governo iracheno sta lottando per mantenere un delicato equilibrio nelle sue relazioni con i principali alleati USA / Arabia Saudita e Iran, oltre a evitare di diventare un altro fronte in una crescente guerra per procura Iran-Israele. Il 1 ° luglio, il Primo Ministro Adel Abdul-Mahdi ha emesso un decreto che ordinava l’integrazione di tutte le milizie irachene, comprese le Unità di mobilitazione popolare (PMU) “.

Solo con un contesto più ampio di eventi, con una cronologia comprensibile, possiamo valutare adeguatamente l’errore di Trump in questo caso.

Inoltre, possiamo solo valutare la natura dei metodi di Trump attraverso una traduzione inedita della natura dello scambio critico tra Trump e Mahdi che ha portato all’assassinio di Soleimani.

Infine, è stato reso disponibile l’indirizzo completo di Abdul Mahdi, che ora colma le lacune che l’Occidente ha permesso di sostenere la narrativa limitata fornita al congresso.

“Questo è il motivo per cui ho visitato la Cina e ho firmato un importante accordo con loro per intraprendere la costruzione. Al mio ritorno, Trump mi ha chiamato per chiedermi di rifiutare questo accordo. Quando mi sono rifiutato, ha minacciato di scatenare enormi dimostrazioni contro di me che avrebbero posto fine alla mia premiership.

Enormi manifestazioni contro di me si materializzarono debitamente e Trump chiamò di nuovo per minacciare che se non avessi ottemperato alle sue richieste, avrebbe fatto in modo che i cecchini dei Marine su alti edifici prendessero di mira manifestanti e personale di sicurezza allo scopo di farmi pressione.

Ho rifiutato di nuovo e consegnato le mie dimissioni. Fino ad oggi gli americani insistono ancora nel far ritirare il nostro accordo con i cinesi.

Dopo questo, quando il nostro Ministro della Difesa dichiarò pubblicamente che un terzo stava prendendo di mira sia i manifestanti che il personale di sicurezza (proprio come Trump aveva minacciato, avrebbe fatto), ho ricevuto una nuova chiamata da Trump che minacciava di uccidere sia me che il Ministro di Difesa se avessimo continuato a parlare di questa “terza parte”.

Avrei dovuto incontrarlo [Soleimani] più tardi la mattina quando èstato ucciso. È venuto per consegnare un messaggio dall’Iran in risposta al messaggio che avevamo consegnato agli iraniani dai sauditi.

La dichiarazione del Regno relativa agli eventi in Iraq sottolinea l’opinione del Regno sull’importanza della riduzione della popolazione per salvare i paesi della regione e la loro popolazione dai rischi di qualsiasi escalation.

Il regno dell’Arabia Saudita non è stato consultato in merito all’attacco degli Stati Uniti. Alla luce dei rapidi sviluppi, il Regno sottolinea l’importanza di esercitare moderazione per evitare qualsiasi atto che possa portare a un’escalation, con gravi conseguenze.

L’Arabia Saudita sta inviando una delegazione a Washington per sollecitare la moderazione con l’Iran a nome degli stati del Golfo [persiano]. Il messaggio sarà: “Per favore, risparmiaci il dolore di attraversare un’altra guerra”. “

È anche chiaro che l’atteggiamento di Trump nelle sue selvagge minacce contro l’Iraq e la sua volontà di uccidere il principale leader militare nella guerra al terrorismo si basa su ciò che l’autore americano ed ex ufficiale della CIA Robert David Steele chiama il “Culto della classe West Point del 1986 “E Politico chiama la” mafia del West Point “.

Steele postula che questa singola classe, una raccolta di “mele cattive” per così dire, ha spinto Trump verso uno sforzo fallito dopo l’altro. Da Stratfor:

“Dopo la laurea presso l’Accademia militare degli Stati Uniti a West Point nel 1986, le carriere di Mike Pompeo, Ulrich Brechbuhl, Brian Bulatao, Mark Esper, David Urban e Mark Green si sono periodicamente incrociate. Ora sono confluiti nell’amministrazione Trump. “

Questi sono i geni che hanno detto a Trump che l’Iran aveva solo vecchi missili sovietici di tipo “scud”, con carburante liquido, nessuna guida e scarsa affidabilità. Naturalmente, nessuno ha una vera esperienza militare se non quella di “segnaposto” e “scaldapiedi”.

Poi è arrivata la sorpresa, i missili iraniani sono piovuti sulla base aerea di Al Asad, spingendo facilmente oltre il sistema di difesa missilistico Patriot americano, “0” intercettato. Peggio ancora, i missili a combustibile solido altamente avanzati provenienti dall’Iraq colpiscono non meno di un metro ma entro 10 piedi dagli obiettivi, in realtà molto più vicini di così.

Allo stesso modo, quando i missili sono stati lanciati nelle strutture “consolari”, in realtà magazzini di armi, all’aeroporto internazionale di Erbil, nella regione curda del nord dell’Iraq, gli Stati Uniti hanno negato qualsiasi colpo affermando di aver abbattuto due dei tre missili e l’altro una “grande perdita” “.

Quindi, come spesso accade, il personale militare americano ricavato dagli edifici a sud della struttura ha caricato il suo video su YouTube.

Missili Iraniani

Tre missili, colpi diretti, esplosioni drammatiche, di cui gli americani sembravano godere immensamente.

Ora , con questo evento, entriamo in un nuovo mondo, non solo uno con l’America “istruita” ma con il ruolo attuale dell’America esposto, come paese occupante, terrorista e saccheggiatore di risorse.

*Gordon Duff è un veterano dei combattimenti marini della guerra del Vietnam che ha lavorato per decenni sui veterani e sulle questioni relative ai prigionieri di guerra e si è consultato con i governi sfidati da problemi di sicurezza. È redattore senior e presidente del consiglio di amministrazione di Veterans Today , in particolare per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM