I NAZIONALISTI UCRAINI HANNO FATTO ESPLODERE UN EDIFICIO A PIÙ PIANI A MARIUPOL. 200 CIVILI INTRAPPOLATI NEL SEMINTERRATO

Il 5 marzo si sono verificate diverse esplosioni a Mariupol. Nonostante il regime di cessate il fuoco proclamato dal ministero della Difesa russo dalle 9 del mattino ora locale, in modo che i civili potessero lasciare le città di Mariupol e Volnovakha, in base all’accordo raggiunto durante il secondo round di negoziati tra Mosca e Kiev.

Le esplosioni sono avvenute intorno a mezzogiorno, ora locale. Colonne di fumo nero sono state viste nel centro della città, sulla riva sinistra del fiume Kalmius.


Poco dopo, il capo del DPR Denis Pushilin ha riferito che i militanti del battaglione Azov hanno fatto saltare in aria una casa civile a Mariupol al 15/20 di Meotidi Boulevard. L’edificio si trova nella parte orientale della città.
Fino a 200 persone sono rimaste intrappolate sotto le macerie, la maggior parte donne e bambini.

Secondo i dati aggiornati, il crimine sarebbe stato commesso non dai combattenti del battaglione nazionalista Azov, ma da volontari dei reparti cosiddetti di ‘difesa territoriale’ giunti a Mariupol dalle regioni occidentali del Paese. Questi hanno recentemente effettuato una massiccia effrazione di ingressi nelle case dei civili.
Il comitato investigativo della Russia, secondo le istruzioni del capo del dipartimento, ha aperto un procedimento penale per il fatto di aver fatto saltare in aria un edificio residenziale a Mariupol (con civili al suo interno).

Per diversi giorni, il distretto della sponda sinistra della città rimane la principale roccaforte dei battaglioni nazionalisti ucraini. Le forze congiunte di Russia e DPR non sono ancora entrate in questa regione. Pertanto, non potevano eseguire l’evacuazione degli edifici civili a più piani. I combattimenti di strada non sono ancora iniziati a Mariupol, i russi restano alla periferia della città.

Poiché il regime di cessate il fuoco è ora rotto, è probabile che il rastrellamento della città inizi nei prossimi giorni o ore.

I civili stanno persuadendo i nazionalisti ucraini a non schierare le loro posizioni di artiglieria vicino alle loro case e all’ospedale:
Allo stesso tempo, i battaglioni nazionalisti prendono in ostaggio i civili locali. Mentre il comando centrale dell’UAF ha perso il controllo delle forze nella città bloccata, i nazionalisti stanno usando membri della cosiddetta difesa territoriale per commettere sanguinosi crimini di guerra.

Civili presi in ostaggio dagli estremisti ucraini


Le forze russe hanno messo in sicurezza qualche giorno fa il corridoio umanitario per i civili a Mariupol, ma per raggiungerlo devono prima lasciare la città. Miliziani armati ucraini stanno sparando contro di loro e i soldati delle forze armate ucraine hanno bloccato l’uscita ai civili, poiché hanno fatto saltare in aria i ponti mentre stavano lasciando la città.

“Nessuno ci ha detto niente, i soldati ucraini hanno fatto saltare in aria i ponti dopo aver lasciato la città e basta – siamo rimasti isolati” – hanno riferito i civili di Mariupol.

Le famiglie che sono riuscite a lasciare Mariupol hanno detto di non aver nemmeno sentito parlare del corridoio umanitario. Stavano partendo sotto i bombardamenti delle forze armate ucraine per quasi una settimana.

Postazione di accoglienza della DPR


Dei 200mila civili dichiarati di Mariupol e dei 15mila di Volnovakha nessuno è arrivato finora ai corridoi umanitari aperti. In totale, solo tre famiglie sono uscite dalla città, secondo le fonti legate al DPR.

I funzionari della DPR hanno recentemente avvertito delle imminenti provocazioni con uccisioni di massa di civili a Mariupol. Kiev fa del suo meglio per incolpare la Russia di tutti i crimini durante il conflitto, ma una semplice analisi della situazione sul campo rivela che la maggior parte di tali affermazioni sono bugie e provocazioni sanguinarie commesse dal regime di Kiev.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM