I MILITARI UCRAINI DETENUTI CONFERMANO DI AVER PROVOCATO UN INCIDENTE NEL MAR NERO CON LA RUSSIA SU ORDINE DEL LORO COMANDO

Il servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha dichiarato il 26 novembre di aver interrogato i militari ucraini che sono stati detenuti in seguito all’incidente marittimo nello stretto di Kerch.

L’FSB ha pubblicato un video della sessione con le seguenti domande :

il capitano di 3 ° grado Vladimir Lesovoy, comandante di una divisione di navi ausiliarie della base navale sud ucraina (unità dell’esercito A-1728);
Andrei Drach, secondo i funzionari russi, ufficiale della settima direzione dell’intelligence militare del servizio di sicurezza ucraino che si trovava a bordo della nave Nikolpol;
Sergei Tsybizov, un marinaio del Nikopol .


I militari ucraini hanno confermato di essere stati sottoposti a un ordine diretto dai loro comandi e che l’incidente marittimo del 25 novembre è stata una provocazione pre-programmata.

” Le richieste di radio [dalle guardie di frontiera russe] sono state deliberatamente ignorate. C’erano armi da fuoco e mitragliatrici con munizioni a bordo. Ero consapevole che si trattava di azioni provocatorie “, ha affermato Lesovoy aggiungendo che l’obiettivo formale era raggiungere Mariupol [il Mar d’Azov] da Odessa [il Mar Nero] attraverso lo stretto di Kerch.

L’ufficiale dei servizi segreti ucraini, Drach, ha confermato che la parte russa stava lavorando per prevenire uno scontro armato nella zona.

” Siamo entrati nelle acque territoriali della Russia dove le guardie costiere russe ci hanno avvertito che stavamo violando le leggi della Russia. Ci hanno avvisato di lasciare le acque territoriali russe “, ha detto.

Tuttavia, il gruppo navale ucraino stava ignorando gli avvertimenti.

“Abbiamo continuato a muoverci. Siamo stati contattati da navi russe che ci hanno avvertito che avrebbero aperto il fuoco se non ci fossimo fermati, il comandante ha fermato la barca e siamo stati arrestati. Questo è tutto “, ha detto Tsybizov.
L’FSB ha inoltre rivelato che c’erano due agenti dei servizi segreti ucraini che stavano coordinando la provocazione a bordo delle navi.

“Le navi da guerra ucraine sono entrate nelle acque territoriali della Russia su ordine diretto delle autorità di Kiev. Le navi da guerra hanno invaso l’acqua territoriale russa che aveva goduto di questo status anche prima della riunificazione della Crimea con la Russia. La provocazione è stata coordinata da due funzionari ucraini del servizio di sicurezza che erano a bordo delle navi ucraine “, ha detto il FSB in una dichiarazione.

Nota: Nonostante questa confessione e le registrazioni video dell’incidente, il governi di Kiev continua a sostenere che le sue unità navali sono state aggredite dalle forze navali russe. La NATO e la Ue naturalmente sostengono la versione ucraina dei fatti e invitano la Russia a desistere dalla provocazionie rilasciare le navi ucraine sequestrate.

Tuttavia il ministro degli esteri russo, Serguei Lavrov, ha ribadito che il Governo di Kiev ha condotto una azione provocatoria e ha ricordato che pochi giorni prima esponenti del governo ucraino avevano manifestato l’intenzione di far saltare il ponte della Crimea (il ponte realizzato dai russi) con l’esplosivo. Queste dichiarazioni hanno allarmato le forze di sicurezza russe che hanno bloccato le navi da guerra ucraina prima che queste entrassero nelle acque territoriali della Crimea, regione che è parte integrante della Federazione russa.
Questi antefatti non sono stati neppure considerati dalle autorità della UE che si sono limitate ad sostenere la versione ucraina dei fatti. Per le autorità della UE la Russia è sempre colpevole.

Fonte: South Front

Traduzione: Sergei Leonov

8 Commenti

  • bruno gregorace
    27 Nov 2018

    I neocon americani non hanno perso la loro tracotanza, vogliono a tutti i costi costringere a reagire per poterla attaccare;meno male che c’è Putin!

  • sidelait
    27 Nov 2018

    Gli americani intesi come governo attualmente al potere non c’entrano una mazza.
    Semmai i servizi segreti con la collaborazione dell’UE… sì

  • Rabdomante
    27 Nov 2018

    Ha stato Putin!!!

  • fede
    27 Nov 2018

    dimostrazione di dichiarazione estorta (anche prché se per ipotesi fosse vero, mica lo andrebbero a dire). Come quelle rilasciate dai prigioneri dell’Isis davanti alle telecamere. Anche perché anche il più stupido ed ignorante sa la differenza tra “mare interno” e “mare territoriale”, e qui si parla di mare territoriale, Il mare territoriale può essere attraversato da chiunque, da qualsiasi nave di qualsiasi nazione, comprese le navi miitari straniere. (è fatto solo divieto di attraccare, ovvero di arrivare nel mare interno che è la battigia, oltre fiiumi e laghi interni). Lo stabilisce l’art 9 della Convenzione internazionale delle Nazioni Unite sul diritto del mare, cd convenzione di Montego Bay. Questo Putin non ve lo dice.

  • atlas
    28 Nov 2018

    ha ragione FEDE ! Putin deve stare zitto. Quanto ai servizi ukraini hanno dimostrato MOLTA intelligenza. Quando vuoi attaccare il nemico non lo devi dire a nessuno. Infatti l’Ukraina che oggi è niente presto sarà ‘il nulla’.

  • Monk
    30 Nov 2018

    Putin, prima o poi, si romperà gli zebedei e sculaccerà tutti, compresi i zerbini italiani.

  • Rob Gallandt
    1 Dic 2018

    SPECULAZIONI BEN INFORMATE. C’è dietro lo zampino Americano. Il Presidente eletto Ukraino, Parashenko è alla fine del suo mandato. Fra poco sono elezioni di nuovo in Ukraina, la Chevron americana ha ancora tutti gli interessi possibili nel Donbas. per l’estrazione dello shale gas, Se cambia governo tutto il lavoro fatto dai servizi segreti americani via squadracce neo naziste e cecchini assoldati fin ora se ne andrebbe in malora e allora eccoci di nuovo a favoreggiare il governo attuale. Queste operazioni fomentatrici hanno la stessa identica impronta digitale delle squadracce neo naziste che hanno provocato la rivoluzione a piazza Maidan, che hanno provocato tanti altri atti di terrore compreso quello del volo malesiano che è stato distrutto da un missile. La scatola nera dell’aereo di linea è stata recuperata ma il contenuto non sarà mai rilasciato perché rivelerebbe chi in effetti è stato a sparare.

Inserisci un Commento

*

code