I militari russi confermano che la Siria ha sventato l’attacco israeliano


Una fonte militare ha indicato che i sistemi di difesa aerea nel sud del paese hanno respinto con successo un attacco aereo israeliano, impedendo agli attaccanti di raggiungere uno qualsiasi dei loro obiettivi.

“I nostri sistemi di difesa aerea hanno respinto l’attacco aereo israeliano in una regione meridionale. Tutti i missili sono stati intercettati, nessuno di loro ha colpito i loro obiettivi “, ha detto una fonte militare siriana a Sputnik domenica.

Più tardi nel corso della giornata, l’esercito russo ha confermato che l’aviazione militare israeliana aveva effettuato un attacco contro la Siria, affermando che gli attacchi consistevano in missili guidati lanciati dal Mar Mediterraneo da quattro caccia F-16 dell’ILAF alle 13:32 ora di Mosca.

Parlando ai giornalisti del Centro nazionale di difesa della difesa a Mosca, un portavoce militare russo ha confermato che le difese aeree siriane hanno respinto l’attacco israeliano, che era diretto all’aeroporto internazionale di Damasco, a sud-ovest della capitale siriana.

Secondo i militari russi, i sistemi di difesa aerea Pantsir e Buk gestiti dalla Siria hanno distrutto sette missili israeliani. “L’infrastruttura dell’aeroporto non è stata danneggiata. Non ci sono vittime e nessun danno “, ha detto un portavoce.

Più tardi, commentando l’attacco missilistico di domenica, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che contrastare la presunta “presenza iraniana in Siria” è stata la politica israeliana.

“La nostra politica permanente è quella di opporsi ai tentativi dell’Iran di prendere piede in Siria e di colpire coloro che stanno tentando di farci del male”, ha detto Netanyahu dal suo ufficio stampa.

Difesa aerea sriana

Domenica mattina, l’agenzia di stampa araba siriana ha riferito che si è verificata un’esplosione su un’autostrada in un sobborgo di Damasco, con rapporti iniziali che suggeriscono che potrebbe essere stato un “atto terroristico”. Non è chiaro se i due incidenti siano collegati.

Questo è stato il secondo attacco segnalato all’aeroporto in una settimana. Nella notte tra l’11 e il 12 gennaio, aerei da guerra israeliani hanno lanciato missili contro obiettivi all’aeroporto, con la maggior parte dei proiettili in arrivo distrutti.

Successivamente il Ministero dei Trasporti siriano ha riferito che l’attacco aveva colpito l’aeroporto, danneggiando diversi edifici, incluso un hangar per la riparazione di aerei, e colpendo diversi aerei parcheggiati.

Netanyahu aveva poi confermato che i jet israeliani hanno attaccato obiettivi in ​​Siria la scorsa settimana, sostenendo che gli attacchi miravano a “depositi iraniani pieni di armi iraniane” dentro e intorno all’aeroporto nella capitale siriana.

La Siria ha inviato lettere all’ONU chiedendo un’azione immediata per prevenire nuovi attacchi israeliani, affermando che gli attacchiu erano un tentativo di “prolungare la crisi e la guerra contro i terroristi in Siria” e che questi erano possibili solo grazie al “potere militare, politico e copertura mediatica “Tel Aviv gode dagli Stati Uniti.
Israele ha ripreso gli attacchi aerei contro la Siria il 25 dicembre dopo una pausa di quasi tre mesi. Israele ha interrotto le operazioni dopo che i sistemi di difesa aerea siriani che hanno risposto a un attacco israeliano avevano abbattuto accidentalmente un aereo russo da ricognizione con 15 militari russi a bordo, spingendo Mosca a schierare batterie di difesa aerea S-300 in Siria.
I militari russi avevano condannato l’attacco del giorno di Natale, accusando l’aviazione israeliana di minacciare sfacciatamente due aerei passeggeri durante lo sciopero, che è stato lanciato dallo spazio aereo libanese per proteggere gli aerei IAF da una risposta efficace.

Fonte: Al Masdar News

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Ruteo
    20 Gennaio 2019

    Cari israeliani tra non molto non sarete in grado di bombardare neppure una baby gang di impasticcati e con cavallo calzoni al ginocchio .

Inserisci un Commento

*

code