I Media Occidentali sbiancano il Golpe in Bolivia come “democratico”

Con l’ex presidente della Bolivia Evo Morales in fuga per la sua vita in Messico, il paese andino è sull’orlo del crescente conflitto civile e di un potenziale controllo da parte della giunta militare. Le notizie di parlamentari appartenenti al partito socialista di Morales che sono stati attaccati dalla polizia antisommossa e chiusi dal parlamento, dove detengono ancora la maggioranza dei seggi, fa temere che la Bolivia stia scendendo nell’anarchia e nell’oscuro passato delle ex dittature militari.

Sembra una smentita stupenda chiamare gli eventi tumultuosi in Bolivia della scorsa settimana come qualcosa di diverso da un colpo di stato contro la democrazia. Ma è esattamente quello che stanno facendo i governi e i media occidentali. Negare la realtà scioccante.

Con le proteste di strada da parte di gruppi di destra e neonazisti che si sono radunati nelle ultime tre settimane da quando Morales ha vinto la rielezione il 20 ottobre, i militari e la polizia hanno infine avvertito il presidente di dimettersi. Morales lo ha fatto il 10 novembre. Ha detto che voleva “fermare lo spargimento di sangue”. Se questo non è un colpo di stato, allora cos’è?

Con un’incredibile ripensamento, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha salutato la notizia delle dimissioni forzate di Morales come un “grande momento per la democrazia”. Le osservazioni celebrative di Trump sono state riprese da altri leader di destra in tutta l’America Latina, tra cui il brasiliano Jair Bolsonaro e il colombiano Ivan Duque, entrambi stretti alleati di Washington e la sua politica di ostilità nei confronti dei governi socialisti nella regione – una regione che Washington considera il suo “cortile” “Si tratta di una prerogativa degli USA di intervenire di propria volontà sotto l’egida della dottrina Monroe del XIX secolo.

In un messaggio minaccioso svelato ad altri governi dell’America Latina che Whashington disapprova, Trump ha dichiarato: “Questi eventi mandano un forte segnale ai regimi illegittimi in Venezuela e Nicaragua che prevarranno sempre la democrazia e la volontà della gente. Siamo ora un passo avanti verso un emisfero occidentale completamente democratico, prospero e libero. “

All’elenco dei “regimi illegittimi” di Trump, possiamo aggiungere Cuba e l’amministrazione di sinistra peronista, recentemente eletta in Argentina, dove l’alleato filo-imprenditoriale di Washington Mauricio Macri è stato bocciato nelle elezioni il mese scorso.

In molti modi ciò che è accaduto in Bolivia è stata una ripetizione del tentativo di Washington di effettuare un cambio di regime in Venezuela all’inizio di quest’anno. Un leader eletto è imbrattato da un’intensa campagna mediatica come “illegittimo”, “autoritario” e “non democratico”. Segue quindi una campagna di violenze di strada orchestrate per destabilizzare il paese preso di mira.
Come al solito, le persone che tirano le corde sono collegate ai finanziamenti del governo americano, come USAID, e ai cosiddetti “think tank” di Washington. Nel caso del Venezuela, i militari sono rimasti fedeli alla costituzione e al presidente in carica Nicolas Maduro. Quindi, la sovversione americana del paese ricco di petrolio sembra aver fallito. Non così in Bolivia. I suoi militari e gli agenti di Washington sembrano aver operato con successo per servire gli interessi degli Stati Uniti.

Sono in gioco le prodigiose risorse naturali della Bolivia per l’energia del gas e i minerali, in particolare il litio. Il presidente Morales ha trasformato l’economia durante 14 anni di successive amministrazioni per ridurre drasticamente la povertà e aumentare gli standard di vita, in particolare per la maggioranza indigena che era stata precedentemente emarginata da una classe dirigente discendente dai colonialisti spagnoli.

Morales era divenuta una figura di odio per gli oligarchi e i loro mecenati d’affari a Washington. La sua nazionalizzazione del settore energetico e i suoi crescenti legami commerciali e di investimento con la Cina e la Russia lo hanno reso un bersaglio per il cambio di regime per Washington e per i multimilionari in Bolivia che disprezzavano le sue politiche socialiste e il rafforzamento dei diritti delle popolazioni indigene.

Certo, Morales ha causato polemiche quando ha cercato un quarto mandato come presidente, violando così i limiti costituzionali. Ma nonostante le affermazioni dei media occidentali e quella dell’Organizzazione degli Stati americani (OAS), finanziata da Washington, sembra che Morales abbia decisamente vinto un’elezione libera ed equa svoltasi il mese scorso. Ha vinto con un margine del 10% davanti al suo rivale più vicino.

Possiamo discutere la probabilità dell’estensione del quarto mandato di Morales, ma ciò che sembra abbastanza chiaro e inaccettabile è la sistematica campagna fomentata dagli Stati Uniti per gettare la Bolivia nel caos violento e interferire gravemente nel processo democratico del paese. L’ironia di Washington che si lamenta di presunte interferenze russe nelle sue elezioni è amplificata dal modo palese che gli Stati Uniti hanno distrutto la sovranità della Bolivia per istituire un regime militaristico e filo-oligarchico che desidera per i suoi obiettivi geopolitici ed economici.

Sorprendentemente, o forse no, i media occidentali hanno reagito ai sinistri eventi in Bolivia con un tentativo di imbiancare e giustificare quella che è una esemplare campagna di sovversione .

Disordini di piazza in Bolivia

Un titolo del New York Times di questa settimana ha dichiarato: “Il leader ad interim della Bolivia si impegna a” ricostruire la democrazia “”. Questo è un riferimento a una figura dell’opposizione pro-Washington che ha nominato un nuovo gabinetto.

Il Washington Post in un editoriale ha dichiarato: “La Bolivia è in pericolo di scivolare nell’anarchia. È colpa di Evo Morales.

Un curioso pezzo di opinione sulla distrazione di Leonid Bershidsky per Bloomberg ha creato la contorta analogia tra Bolivia e Russia, sostenendo che il popolo russo e i suoi militari alla fine si rivolteranno contro il presidente Vladimir Putin a causa della sua presunta “regola arbitraria” simile.

Bolivia Proteste

È vergognoso che i media occidentali debbano cercare di nascondere ciò che è accaduto in Bolivia. Negando che si sia verificato un colpo di stato, questi media sono complici nel dare a Washington una licenza per attaccare o sovvertire altre nazioni per un cambio di regime. Dov’è il diritto internazionale? Dov’è il rispetto per la sovranità? Dov’è il rispetto dei diritti democratici, della pace e della sicurezza? Questa è una luce verde al totalitarismo strisciante.

Ecco l’ironia suprema per Trump e per i media aziendali americani. Non possono o non riconoscono il cambio di regime illegale e i colpi di stato in Bolivia, Ucraina, Venezuela, Siria o altrove. Perché lo stesso processo di sovversione è in corso negli stessi Stati Uniti contro un presidente eletto lì.

https://www.strategic-culture.org/news/2019/11/15/western-media-whitewash-us-backed-coup-in-bolivia/

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • Eugenio Orso
    15 Novembre 2019

    Pensiamo a quel che potrebbe accadere in Italia, se al posto della lega ci fosse un partito veramente sovranista e anti-gòobalista….

    Cari saluti

    • atlas
      18 Novembre 2019

      ma è già successo. Il piano di rinascita di Licio Gelli e Berlusconi non è democratico ? La strategia della tensione perchè fu messa in atto. E la messa al potere di Pinochet in Cile, non furono i democratici a volerlo ?

      Questa è semplicemente la democrazia, sistema giudaico, multinazionale, irrrispettoso dei diritti umani fondamentali, violento e ingiusto

      • atlas
        18 Novembre 2019

        io lo sto vedendo (e vivendo) da una decina d’anni in Tunisia l’antifascismo democratico: oggi presidente di quel parlamento è uno di al nahda, praticamente l’isis. Pronto ad andare a comandare tutto. Fu lui a far uscire nel 2012 dalle carceri 10.000 salafiti e wahhabiti da spedire in Siria. Oggi sono in 7.000 potenzialmente a tornare, questo vuol dire che arriveranno quì

        • atlas
          18 Novembre 2019

          il tutto tra l’indifferenza e la minima non preoccupazione della ue e dei giudei. Che anzi finanziano

  • eusebio
    16 Novembre 2019

    La tizia che si è autoproclamata capo dello stato illegalmente, in quanto le dimissioni di Morales e dei suoi collaboratori con la forza non sono state ratificate dal parlamento, e mai lo saranno, non ha nessuna capacità di governare il paese, pochi ufficiali di esercito e polizia addestrati dagli ameriCani non possono imporsi alla volontà del popolo, basterebbe che il nuovo presidente argentino inviasse un paio di divisioni in Bolivia, sostenuto da Russia e Cina, e li metterebbe tutti al muro.

Inserisci un Commento

*

code