I media israeliani rivelano la visita segreta del direttore dell’intelligence statunitense a Ramallah


Il canale israeliano 12 ha confermato che Gina Haspel ha incontrato Maḥmūd Abbas, alias Abu Mazen (segretrio generale OLP) e ha fornito garanzie da parte dell’amministrazione americana che Washington non consentirà a (Israele) di intraprendere alcuna azione unilaterale, inclusa l’annessione di parti della Cisgiordania e l’imposizione della sovranità sugli insediamenti prima delle elezioni della Knesset.
I media israeliani hanno fatto riferimento alla delusione americana dovuta al rifiuto della Lega Araba e dei paesi regionali dell’Accordo del secolo proposto da Trump e dal genero sionista di questi, Jared Kushner.
Il commentatore per gli affari arabi su Canale 12 israeliano ha considerato la dichiarazione della Lega araba come un colpo alla diplomazia degli Stati Uniti e (Israele).
“È un duro colpo per la diplomazia degli Stati Uniti, e anche per noi perché, fino all’ultimo minuto, cioè fino alla riunione del Consiglio dei ministri degli Esteri dei paesi arabi al Cairo, i leader arabi hanno detto ad Abu Mazen che sono pronti ad approvare una risoluzione che respinge molto bruscamente il piano di Trump.
La Lega araba ha infatti annunciato il rifiuto del piano sul Medio Oriente del presidente statunitense Donald Trump. Secondo la Lega araba il piano di Trump è “ingiusto” nei confronti dei palestinesi. L’organizzazione, riunitasi a livello di ministri degli Esteri, ha dichiarato in una nota di avere “respinto l’accordo americano-israeliano poiché non rispetta i diritti e le aspirazioni fondamentali del popolo palestinese”.

Riunione Ministri Lega Araba al Cairo

Da notare che Trump aveva inviato messaggi extra-ufficiali ai leader arabi ed aveva chiesto loro non solo di non respingere il suo piano, ma di esprimere il suo sostegno a quel piano come base per i negoziati. Inizialmente alcuni leader arabi (quelli dei paesi del Golfo) avevano manifestato una certa disponibilità ad esaminare il piano o a considerarlo una base iniziale. Tutto questo è crollato e tutti i ministri degli esteri arabi hanno marciato all’unanimità con Abu Mazen e hanno votato per il rifiuto del piano di Trump. Perché questo è successo? Tale rifiuto è dovuto alle pressioni dell’Iran e della Turchia, oltre alla paura per l’opinione pubblica interna dei loro paesi ed alla minaccia di Abu Mazen di rivelare la corruzione dei vari leader arabi e mostrarli come traditori della causa della Palestina, come ha riferito il commentatore per gli affari arabi sul canale israeliano 12.

Abu Mazen, leader della OLP ed Autorità Palestinese


Maher Al-Taher, capo del dipartimento politico del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, ha dichiarato ad Al Mayadeen che la strategia di negoziazione non ha portato e non porterà all’eliminazione dell’accordo del secolo e ha sottolineato che la visione seria inizia con il non riconoscere ( Israele) e all’avvio di un dialogo nazionale integrale e serio.
Il consulente stampa del capo dell’Ufficio politico di Hamas, Taher Al-Nunu, ha assicurato ai Mayadeen la necessità di aderire a tutte i documenti di forza del popolo palestinese, sia a livello militare, politico che giuridico.
In un’intervista con Al-Mayadeen, il membro del Consiglio Rivoluzionario del Movimento Fatah, Muhammad Al-Hourani, ha affermato che la lotta per liberare i territori palestinesi non dovrebbe essere definita attraverso negoziati perché qualsiasi azione politica senza la resistenza all’occupazione finisce per terminare con la resa.

http://espanol.almayadeen.net/news/politics/1377996/medios-israelíes-revelan-visita-en-secreto-de-la-directora-d

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione e sintesi : Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code