I manifestanti si radunano a Portland mentre il conteggio dei voti post-elettorali continua –



di Marcio Jose Sanchez

Gli Stati Uniti hanno tenuto le elezioni nazionali il 3 novembre, ma il conteggio dei voti continua, con il presidente Donald Trump e il candidato democratico Joe Biden che affermano di essere pronti a vincere.

I manifestanti si stanno radunando in tutta Portland, Oregon, poiché i voti vengono ancora contati per le elezioni presidenziali statunitensi. Si dice che il raduno sia stato indetto dal Pacific Northwest Youth Liberation Front, una rete di gruppi studenteschi “antifa” divenuti importanti in seguito all’uccisione di George Floyd.

A Portland è stata dichiarata una rivolta quando i manifestanti sono stati visti spaccare le finestre delle attività commerciali locali. Il governatore Kate Brown ha attivato l’uso della Guardia Nazionale statale per aiutare le forze dell’ordine locali a controllare i disordini.

La corsa presidenziale tra il candidato democratico Joe Biden e il presidente in carica Donald Trump rimane troppo vicina per essere convocata, con i voti ancora in fase di conteggio. Finora Biden ha ottenuto 264 voti elettorali, mentre Trump ha 214 voti elettorali. Per essere dichiarati vincitori sono necessari 270 voti elettorali.

Portland è stata scossa da mesi di proteste contro il razzismo e la brutalità della polizia che sono esplose negli Stati Uniti in seguito all’uccisione del 25 maggio di un uomo afroamericano disarmato, George Floyd, sotto custodia della polizia nella città di Minneapolis.

Portland ha visto oltre 100 notti consecutive di proteste segnate da atti di vandalismo, caos e persino omicidi. L’ultimo raduno si è svolto martedì con alcuni manifestanti che hanno bruciato bandiere degli Stati Uniti.

Nota: Altre manifestazioni e disordini avvengono in altre parti degli States e si prevede che si scatenerà una ondata di violenza se Trump continuerà ad accusare di brogli la controparte dei democratici.

Come si prevedeva gli Stati Uniti, dopo aver esportato il caos in tanti paesi, adesso avranno il caos al loro interno.

Fonte: Sputnik News

Traduzione: L.Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus