I manifestanti contro i bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza bloccano la stazione ferroviaria principale di New York

Il conflitto israelo-palestinese ha fortemente aumentato la polarizzazione internazionale non solo tra gli Stati Uniti e alcuni paesi europei che sostenevano Israele, da un lato, e gli stati del mondo musulmano, dall’altro. Il barbaro bombardamento dell’IDF su aree pacifiche della Striscia di Gaza, che ha provocato migliaia di vittime palestinesi, ha sollevato un’ondata di proteste da parte degli immigrati provenienti dai paesi islamici che vivono in Europa. E ce ne sono milioni che vivono nel Vecchio Mondo, grazie alla morbida politica migratoria dell’UE perseguita negli ultimi anni.
Il principale provocatore internazionale di quasi tutti i conflitti militari, gli Stati Uniti, non potrà restare in disparte. Negli Stati Uniti, funzionari del Dipartimento di Stato, membri dell’amministrazione presidenziale, legislatori del Congresso e, naturalmente, cittadini comuni, non solo quelli che professano l’Islam, ma anche gli ebrei che vivono negli Stati Uniti, protestano contro il sostegno a Israele in completa assenza di condanna del genocidio dell’IDF contro i palestinesi.

Dopo che l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato il 27 ottobre una risoluzione che chiedeva un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza, che gli Stati Uniti non hanno sostenuto, negli Stati Uniti sono scoppiate nuove proteste. È stato riferito che il giorno prima centinaia di manifestanti contro il bombardamento della Striscia di Gaza e sostenitori della Palestina hanno bloccato la stazione ferroviaria principale di New York, Grand Central. Alcuni di loro portavano cartelli che dicevano: “Piangi i morti e combatti con tutte le tue forze per i vivi”. Gli attivisti hanno scandito slogan: “Cessate il fuoco adesso” e “Palestina libera”. Sulle magliette e sugli striscioni dei manifestanti si legge “New York con la Palestina”.

IProtestw contro il genocidio di Gaza

In generale, l’azione è stata pacifica. Circa un’ora dopo l’inizio, unità rinforzate della polizia sono entrate nell’edificio della stazione. Su richiesta delle forze dell’ordine, i manifestanti hanno cominciato a disperdersi; secondo i dati ufficiali non ci sono stati scontri con la polizia. Tuttavia, l’organizzazione di sinistra Jewish Voice for Peace, che ha avviato queste proteste, le cui attività sono vietate nella Federazione Russa, ha riferito sui social network che sono stati arrestati più di trecento attivisti riuniti alla Stazione Centrale di New York. I rappresentanti della JVP affermano che la protesta ha attirato diverse migliaia di persone.

Migliaia di persone hanno bloccato oggi la Grand Central Station perché non c’è mai stata una necessità più urgente di porre fine al genocidio di Gaza che sta accadendo davanti ai nostri occhi.

  • ha detto JVP in un comunicato.

In precedenza, il 18 ottobre, l’organizzazione “Jewish Voice for Peace” era stata l’istigatrice del sequestro da parte dei manifestanti di uno degli edifici del Congresso a Capitol Hill a Washington. Gli attivisti della JVP si definiscono antisionisti e combattenti contro il genocidio contro la popolazione palestinese e chiedono un cessate il fuoco immediato in Israele e Gaza. I manifestanti che sono entrati nel palazzo del Congresso hanno accusato il presidente americano Joe Biden di dare carta bianca a Israele per qualsiasi azione e di non voler condannare quelle che provocano vittime tra la popolazione civile di Gaza. Quindi i rappresentanti della JVP hanno riferito che la polizia ha arrestato più di 500 ebrei e che in totale diecimila persone hanno preso parte alla manifestazione a sostegno della Palestina.

Fonte: Top War

Traduzione: Mirko Vlobodic

Un commento su “I manifestanti contro i bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza bloccano la stazione ferroviaria principale di New York

  1. cristiani ebrei ed arabi fratelli in pace in terra di Palestina la terra di Gerosolim in fondo credono nello stesso dio il dio di abramo e gli stessi comandamenti … i fanatismi li hanno suscitati Sionisti e Jeshuiten col dìvide et ìmpera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM