I manifestanti antigovernativi contro le restrizioni del covid sono scesi in piazza a L’Aia, nei Paesi Bassi, prima delle elezioni generali

Nei Paesi Bassi le elezioni generali dureranno dal 15 al 17 marzo per evitare la folla ai seggi elettorali tra le attuali restrizioni sul coronavirus nel paese.
Si può vedere una trasmissione in diretta dall’Aia in cui gli attivisti contro le restrizioni COVID stanno scendendo in piazza per una protesta antigovernativa in vista delle elezioni generali nei Paesi Bassi il 15-17 marzo.

Anche gli attivisti per il clima dovrebbero radunarsi nelle vicinanze.
Le elezioni si svolgeranno nell’arco di due giorni dal 15 al 17 marzo per evitare grandi raduni ai seggi elettorali in mezzo alle restrizioni del virus. Quasi 16.000 persone sono morte per complicazioni legate al COVID nei Paesi Bassi dall’inizio della pandemia un anno fa.


Nota: Nonostante le restrizioni, in Olanda si potranno svolgere regolarmente le elezioni politiche. Nei Paesi Bassi non c’è una autorità suprema che possa decidere per il popolo di rinviare le elezioni “per il bene della popolazione”, come invece accade in Italia e gli olandesi non sembrano disposti ad accettare un super commissario (non eletto) con delega di Bruxelles, cui affidare il compito di sospendere il Parlamento e decidere, assieme ad un ristretto numero di tecnici, per rivedere la politica economica in conseguenza della crisi. Tale fenomeno sembra un esclusiva dell’Italia, considerata dai burocrati di Bruxelles un paese sottosviluppato a cui si può imporre qualsiasi misura.

Fonte: Sputnik News

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus