I leader europei vogliono una governance sanitaria globale


di Eric Verhaeghe
Ieri i leader europei hanno tenuto un consiglio le cui conclusioni valgono il loro peso in noccioline. Notiamo in particolare che, per quanto riguarda la lotta al COVID e alle pandemie in generale, i nostri capi di Stato propongono di abdicare ai propri poteri in favore di un’agenzia europea e dell’OMS, che sarebbe onnipotente per decidere sulle misure da adottare applicate nei territori nazionali. Questo terrificante progetto è ora accettato politicamente in modo del tutto ufficiale.

I leader europei si sono incontrati ieri per discutere i temi del giorno. Molta attenzione pubblica è stata attirata sulla questione della Polonia, che suscita l’ira dei Paesi Bassi, e incidentalmente di Francia e Germania. Tuttavia, il tema più importante trattato è stato nientemeno che… il COVID 19 e la gestione delle pandemie. E le conclusioni non sono una cosa da poco.

Leader europei contro la sovranità
In tema di pandemie, poi, ecco le conclusioni del Consiglio :

  1. Le campagne di vaccinazione in tutta Europa hanno compiuto progressi significativi nella lotta contro il COVID-19. Tuttavia, la situazione in alcuni Stati membri rimane molto preoccupante. Al fine di aumentare ulteriormente i tassi di vaccinazione in tutta l’Unione, occorre intensificare gli sforzi per superare la sfiducia nei confronti dei vaccini, anche affrontando la disinformazione, in particolare sulle piattaforme dei media social. È necessario rimanere vigili riguardo all’emergere e alla propagazione di possibili nuove varianti.
  2. In considerazione dell’evoluzione della situazione epidemiologica, il Consiglio europeo chiede un coordinamento continuo per facilitare la libera circolazione e la circolazione all’interno dell’UE, nonché la revisione delle due raccomandazioni del Consiglio. Incoraggia la Commissione ad accelerare i suoi lavori sul riconoscimento reciproco dei certificati con i paesi terzi.
  3. Sulla base delle esperienze della crisi COVID-19, è necessario rafforzare la resilienza dell’UE e la preparazione orizzontale alle crisi. Al fine di garantire una migliore prevenzione delle future emergenze sanitarie nell’UE, per prepararsi meglio e reagire meglio ad esse, il Consiglio europeo chiede la conclusione dei negoziati sull’insieme delle misure legislative sull’Unione della sanità e garantisce che Gli Stati membri sono debitamente coinvolti nella governance dell’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA). Ricorda la necessità di far avanzare rapidamente i lavori sull’accesso ai medicinali in tutti gli Stati membri.
  4. Il Consiglio europeo riafferma che l’UE resta determinata a contribuire alla risposta internazionale alla pandemia ea garantire l’accesso ai vaccini per tutti. Chiede la rapida rimozione degli ostacoli alla diffusione globale dei vaccini e invita la Commissione a continuare a impegnarsi direttamente con i produttori al riguardo. Ciò consentirà agli Stati membri di accelerare la consegna dei vaccini ai paesi che ne hanno più bisogno. L’UE continuerà a sostenere la produzione di vaccini e l’immunizzazione nei paesi partner.
  5. Nell’ambito della prossima riunione del G20 e in vista della sessione straordinaria dell’Assemblea mondiale della sanità che si terrà a novembre, il Consiglio europeo sottolinea che è favorevole che l’Organizzazione mondiale della sanità svolga un ruolo forte e centrale nella futura governance sanitaria globale e sostiene l’obiettivo di concordare un trattato internazionale sulle pandemie.

Qui troviamo gli obiettivi chiave enunciati giorno dopo giorno dalla casta globalizzata che tira le fila dell’Unione:

“Ulteriore aumento dei tassi di vaccinazione”
“Vincere la sfiducia combattendo la disinformazione sui social network”
“Coordinamento per facilitare la libera circolazione” (che significa tessera sanitaria in linguaggio diplomatico)
“Disposizioni legislative in materia di unione sanitaria”
“Accesso ai farmaci in tutti gli Stati membri”
“Accesso ai vaccini per tutti”
“Ruolo forte e centrale dell’OMS nella futura governance sanitaria globale”
“Trattato internazionale sulle pandemie”
Questa enumerazione permette di verificare fino a che punto i governi europei siano uniti attorno a un comune “mainstream” in materia di pandemia, con elementi di linguaggio che ritornano costantemente a tutti i livelli dell’accordo multilaterale.

Prendiamo atto dal Consiglio europeo che mira anche a preparare la riunione del G20 in cui verrà sollevata la questione della pandemia. Stiamo facendo il bagno qui nelle acque del più puro multilateralismo.

Militarizzazione sanitaria

Verso una governance sanitaria globale
Conserveremo da questo testo che esprime una preoccupazione e un desiderio.

La preoccupazione è di vedere la creazione dell’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA) a livello europeo senza una vera consultazione. Per questo i leader europei chiedono un maggiore coinvolgimento in questo progetto, di cui abbiamo già parlato.

Soprattutto, scopriamo che i leader europei stanno parlando di prepararsi per la “futura governance della salute globale” con l’OMS. Non avevamo sentito parlare chiaramente di questo progetto tra di noi, e lo scopriamo un po’ senza che se ne discutesse da nessuno.

È in corso un Grande Reset Sanitario
In fondo, è leggendo le conclusioni dei Consigli europei che si comprende cosa succede dietro le quinte dei misteri del mondo multilaterale. L’idea dominante è trasformare l’Organizzazione mondiale della sanità in una struttura di governance globale per le pandemie. Quindi l’OMS deciderebbe tutto: vaccini, cure, misure di emergenza.

Tale trasferimento di sovranità ovviamente non viene né spiegato ai popoli dell’Unione, né discusso con loro. La decisione è presa e tutto ciò che devi fare è applicarla. La pandemia sarà quindi servita anche a espropriare i popoli dei loro diritti e a favorire l’emergere di una casta multilaterale onnipotente.

La democrazia trarrebbe indubbiamente vantaggio da una spiegazione chiara di questo approccio.

fonte: https://lecourrierdesstrateges.fr

Traduzione: Gerard Trousson

9 Commenti
  • Francesco
    Inserito alle 12:09h, 23 Ottobre Rispondi

    Cosa dicono le grandi potenze? S lasceranno governare o imporranno la loro visione per il tramite degli organismi sanitari ora internazionali?

  • Helix
    Inserito alle 15:26h, 23 Ottobre Rispondi

    Ma non era URSS l’impero del terrore? le persone sono legate materialmente alla propria libertá economica e nemmeno un veleno come il vaccino fermeranno la follia delle persone pur di comprarsi l’ultima tv hd ecc, per guardare le pagliacciate in tv e auto formattarsi il cervello di idiozie, homo sapiens sapiens the end! game over!

  • atlas
    Inserito alle 17:14h, 23 Ottobre Rispondi

    cose da green PAZZ. “ed è questa la gente per la quale sei disposto a morire ? … aumenta il voltaggio Yashin” (Rambo) https://twitter.com/ismaylyusuf/status/1451928797062836230/photo/1

  • mario
    Inserito alle 20:52h, 23 Ottobre Rispondi

    AMMAZZARE EBREI:::::::::::………………………… IN QUALSIASI MODO CON qualsiasi mezzo IN QUALSIASI PUNTO DEL ……….PIANETA…………………………………………………PER LA LIBERTA…………………………………………….. W RUSSIA W CINA

  • atlas
    Inserito alle 04:26h, 24 Ottobre Rispondi

    oggi a Palermo in piazza contro il governo dell’italia con le bandiere delle Due Sicilie. Giornata radiosa

  • atlas
    Inserito alle 11:21h, 24 Ottobre Rispondi

    per i mezzi d’informazione democratici non c’è nulla, invece le piazze di molte città sono piene di gente contro il lasciapassare imposto

    https://twitter.com/i/status/1452199460935802889

  • Luca Zampetti
    Inserito alle 05:57h, 10 Novembre Rispondi

    Vorrebbero che la loro governance fosse globale sarebbe il titolo piu’ esatto. Dopo gli stati criminali, vengono le O.I. criminali.

Inserisci un Commento