I Greci Marciano Contro La Politica Migratoria dell’ UE Mentre Il Governo Accoglie 40.000 Rifugiati


di Drago Bosnic
ATENE – I residenti di una città greca, che ha in programma di ospitare una nuova ondata di richiedenti asilo, sono scesi in strada per protestare contro la misura, in mezzo alla crescente rabbia per l’afflusso di rifugiati che si sono riversati nel paese. I manifestanti anti-migrazione nella città settentrionale di Salonicco hanno chiesto ad Atene di riportare tutti gli immigrati clandestini nei loro precedenti paesi ospitanti e di chiudere il confine con i migranti, ha riferito RT.

Il filmato della marcia mostrava manifestanti con stendardi e bandiere greche, mentre un attivista nella parte anteriore della processione aveva un’icona della Vergine Maria. Salonicco e le città circostanti sono state selezionate per ospitare migliaia di migranti che Atene vuole trasferire dalle strutture sovraffollate delle isole greche alla terraferma .

Secondo i rapporti, nel fine settimana circa 900 persone sono state trasferite dalle isole greche ai siti sulla terraferma. Il governo prevede di trasferire 20.000 rifugiati in totale entro la fine dell’anno. La Grecia ha accolto 40.000 migranti e rifugiati solo negli ultimi quattro mesi, ha riferito il ministro delle migrazioni Giorgos Koumoutsakos ai media locali. Ha aggiunto che la terraferma deve “mostrare solidarietà” con le regioni frontaliere che hanno “sopportato il peso maggiore” del flusso migratorio.

Grecia Proteste anti migrazioni

Atene è stata più volte in contrasto con Bruxelles sulla politica migratoria dell’Unione europea. Il paese, già ostacolato da problemi economici, è stato uno dei principali punti di ingresso per i rifugiati che vengono in Europa – e ha dovuto sostenere l’onere di ospitare decine di migliaia di richiedenti asilo.

Quello che ha fatto arrabbiare il popolo greco, e anche giustamente, considerato che la Grecia ha avuto grandi problemi economici da un po ‘di tempo e ormai e l’ultima cosa di cui ha bisogno sono decine, se non centinaia di migliaia di stranieri che possano condividere quel benessere, che è stato negato a molti greci stessi a causa delle misure di austerità.

Nota: La rivolta contro le misure governative va crescendo di giorno in giorno. Tuttavia i media, sia in Grecia che in altri paesi europei, mostrano le immagini delle rivolte di Hong Kong, di Santiago del Cile o di Caracas ma evitano di mostrare le grandi manifestazioni di protesta dei cittadini greci che non vengono neppure menzionte dai TG in Italia. Strano che la questione non interessi i media visto che il problema si va acutizzando anche in Italia.

https://www.thenational.ae/world/europe/migrant-transfers-spark-protests-in-northern-greece-1.932811

Fonti: The National – FRN

Traduzione e nota: Luciano Lago

2 Commenti

  • Kaius
    5 Novembre 2019

    Non li volete?Ammazzateli.
    Una volta girata la voce saranno i negri a non voler andare in Grecia.

  • Silvia
    6 Novembre 2019

    Le marce non servono. In Europa non c’e’ nessuna democrazia

Inserisci un Commento

*

code