I globalisti indicano gli insorti del popolo dei “gilet gialli” come la “peste” che assedia il potere della elite

Darmanin, il banchiere collezionista di incarichi ben pagati , equipara i giubbotti gialli a una “peste marrone” che assedia i palazzi del potere.

“Negli Champs-Élysées, a Parigi, quella che ha manifestato, è stata la peste  marrone  non i gilet gialli” ha detto
Gérald Darmanin, ministro per le azioni e la contabilità pubblica, vale a dire l’estorsione al popolo francese, l’estorsione che ha portato alla fronda dei gilet gialli, non ha trovato nulla di meglio da dire che la ” peste marrone ” si è manifestata sugli Champs-Elysees questo sabato, 24 novembre 2018.

“Invitato al Gran Giurì di RTL, Le Figaro, LCI, questa domenica, 25 novembre, il Ministro delle azioni e dei conti pubblici non ha esitato a stabilire un paragone mettendo in  parallelo gli eventi di Parigi del sabato con le ore più buie di Storia europea. “

Il parallelo è più che dubbio, ma rivela il bassissimo  livello di  questo governo  sconfessato  dalla testa (Macron) ai piedi (Darmanin) : qualificare la rabbia dei francesi  come “manifestazione dei fascisti”   da parte di  ultraliberista  al potere  non è solo un falso -” fake news” ! – ma controproducente. L’argomento fascista non regge più, è un muro che non spaventa più i francesi e che ora attraversano vivacemente. E il maremoto potrebbe aver luogo il 26 maggio 2019 alle elezioni europee.

La vita da sogno dell’onesto cittadino Darmanin

“Nel mese di novembre 2017, L’Observateur rivela che Gerald Darmanin ha continuato ad accumulare  suoi mandati: consigliere regionale e Vice Presidente della metropoli europee del Lille, cumulando  con la sua funzione ministeriale. In precedenza, aveva  detto che lui era “per l’accumulo di mandati. D’altra parte […] contro il cumulo delle indennità “.

Nella sua dichiarazione per l’Alta Autorità per la trasparenza della vita pubblica registrata dopo la sua nomina al governo, Darmanin dice combinare la sua remunerazione da  sindaco, vice presidente e consigliere regionale di Hauts-de-France, Vice Presidente della MEL e, da maggio 2017, ministro, ma anche 28 seggi in organizzazioni o società pubbliche o private in rappresentanza di un ente locale.

Secondo René Dosière, la legge invece,  non  permetterebbe che i ministri   ricevano  “più di mezzo volte l’importo dell’indennità parlamentare”, vale a dire 2 799,89 lordi al mese, oltre alla  remunerazione di Ministro per  9940 euro. Gérald Darmanin avrebbe quindi superato il limite legale autorizzato, ma ha dichiarato di non essere a conoscenza di questa regola. »( Wikipedia )

Per Darmanin, che guadagna bene più di 20.000 euro al mese, alla manifestazione di sabato c’erano le ” persone oneste ” e ” i demolitori professionisti della Repubblica ( ” casseurs professionnels “)   . La disinformazione inizia dalle 3’37:

“Distinguo la grande massa di persone che fanno domande al potere e quelle che  infrangono le leggi… I “casseurs professionnels”  della Repubblica svergognano la Repubblica, sono le persone così oneste che non pagano le tasse coloro che hanno  fatto le barricate ieri. E loro hanno ferito agenti di polizia, gendarmi, giornalisti, hanno attaccato i loro concittadini e devi sapere come distinguere le cose. E l’anarchia non può aver luogo nel suolo della Repubblica. ”

La spocchia aristocratica della elitite è una malattia grave?

Passiamo al festival di interpretazioni errate e alla stupida sintassi del piccolo contabile di “Extorsion de France”, la banca oligarchica che si nasconde dietro la “Repubblica” …

Va bene, lezioni morali da un governo di cui molti membri dovrebbero dimettersi  per l’insider trading … Anarchia, lui, il ben pagato rampante politico filo globalista,  non è in strada con un camion rovesciato, due finestre rotte e tre strade rimosse, no, è nella vergognosa governance di un paese in cui opera un’élite guidata esclusivamente dai suoi interessi pecuniari a spese di un popolo che non può più reggere . L’anarchia, è causata dai delegati della Banca e del sistema dell’usura che ci governano!

“Le nostre bollette energetiche stanno diventando sempre più come le fatture fiscali e sempre meno una dichiarazione di benefit. Ci sono decine di tasse sull’energia, per un importo totale di oltre 51 miliardi di euro nel 2016 e probabilmente si avvicinano ai 60 miliardi di euro nel 2019.

Qualsiasi tassa è un attacco alla proprietà di ciascuno, tranne quando corrisponde a un servizio reale. Tutti sono pronti a pagare il giusto prezzo per la sicurezza, la difesa del paese, la giustizia è assicurata … Ma molti francesi sentono che lo stato spende troppo e male. (Esperto fiscale Jean-Philippe Delsol, intervistato da Le Figaro)

Gerard, Ministro francese

Giubbotti gialli e peste marrone: l’asse giallo-marrone?

Il piccolo Gérald non fa altro che usare la terminologia del suo leader, il “principino” Emmanuel Macron, che prende in mano gli elementi linguistici del CRIF, o la “lobby sionista” al potere, come dice esplicitamente Elisabeth Lévy . RTL ricorda le parole del presidente-banchiere, ex Rothschild, in un’intervista a Ouest-France :

“In un’Europa che è divisa per le paure, la reazione nazionalista, per le conseguenze della crisi economica, vediamo quasi metodicamente che viene ri-presentato tutto quello che nell’Europa era rappresentato dalla vita grama del post-guerra mondiale nella crisi del 1929 »

I banchieri hanno devastato l’Europa, come negli anni ’20, e vogliono attaccare il danno collaterale dei loro saccheggi gettando le conseguenze sulle spalle delle persone che hanno saccheggiato! Ecco perché siamo qui.

Darmanin, il piccolo fantoccio della Banca e dei Mercati, che tradisce il popolo francese per tre soldi, sarà immerso fino al collo nella rabbia gialla che lui e i suoi compari hanno scatenato.

Fonte: Egalitè et Reconciliation

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • robyt
    28 Novembre 2018

    Macron è impazzito. Dice che vuole andare incontro ai giubbotti gialli adesso. Giustifica l’aumento delle tasse con la tassa sul carbone, l’inquinamento, l’ecologia, e amenità varie, che in principio possono essere giuste, ma in realtà non avrebbero dovuto incentivare per anni l’acquisto di auto diesel. Detto ciò Macron si spinge a raccontare balle veramente senza freni: ha detto che il prezzo dell’energia sta aumentando. Proprio nel frattempo il barile sta ritoccando un nuovo minimo. (in un mese siamo passati da quasi 70$ a 50$… cioè, un calo di quasi il 30%)
    https://www.investing.com/commodities/crude-oil-streaming-chart

    Ma la bomba più grossa che fa capire che questo altro che esaurimento nervoso, se n’è impazzito totalmente. Mentre dice che vuole ritardare l’entrata in vigore della tassa, apre la bocca e sgancia un megasiluro: dimezzamento delle centrali nucleari (che tra l’altro non producono emissioni).. (E poi tutte quelle belle auto elettriche come le muoveremo ? A pedali ? )Bho… Ma questo id.ta è davvero l’uomo dei bildberg ? Oppure è un abile sceneggiatore che fa passare la sua malafede per ingenuità ?

    • Monk
      29 Novembre 2018

      Macron è istrionico

      • atlas
        29 Novembre 2018

        cmq sia la maggior parte dei ‘Francesi’ (ma lì è francese anche chi arriva da 48h dal Ghana…) non è che ha voluto lui, NON HA VOLUTO LA LE PEN. Suchino

Inserisci un Commento

*

code