I funzionari statunitensi confermano tardivamente che le armi della NATO sono state utilizzate negli attacchi alla Russia


di Giada

Funzionari statunitensi hanno tardivamente confermato che le dozzine di uomini armati che hanno organizzato un attacco transfrontaliero a Belgorod, Russia dall’Ucraina il 22 maggio hanno utilizzato attrezzature statunitensi e di altro tipo della NATO, nonostante gli avvertimenti di lunga data di Washington a Kiev di non permettere che ciò accadesse.

Nell’attacco sono stati utilizzati almeno quattro veicoli protetti da agguato antimine (MRAP) prodotti dagli Stati Uniti, insieme ad armi anticarro fornite dalle nazioni della NATO, hanno riferito funzionari statunitensi al Washington Post . Tre dei MRAP sono stati forniti direttamente dagli Stati Uniti alle forze nazionali ucraine e uno dalla Polonia.

Due milizie di russi anti-Cremlino con legami neonazisti hanno rivendicato la responsabilità dell’attacco e si sono affrettati a mostrare il loro equipaggiamento militare statunitense e NATO.

L’origine americana dell’attrezzatura era evidente all’epoca, vista l’abbondanza di video che circolavano in rete e addirittura diffusi dai combattenti che effettuavano i raid. Video militari russi che mostrano attrezzature distrutte si sono aggiunti alle prove.

A questo punto, sembra che i gruppi abbiano effettuato numerose incursioni transfrontaliere (la maggior parte nelle ultime due settimane), e i loro legami con il nazismo sono così ben noti e accertati che i principali resoconti della stampa occidentale non possono nasconderlo, anche se quegli stessi media sembrano celebrare positivamente lo stesso attacco di Belgorod…

Il Russian Volunteer Corps, o CVR, afferma di essere composto da russi che combattono dalla parte dell’Ucraina e contro il governo di Putin. Il gruppo ha fatto notizia a marzo quando ha affermato di essere dietro un piccolo raid nella regione di Bryansk.

Il suo comandante, Denis Kapustin, che porta anche il cognome di Nikitin, è un nazionalista bianco ed ex teppista che condivide le opinioni neonaziste.

Ma subito dopo il raid, l’amministrazione Biden ha cercato di minimizzare e oscurare la presenza di veicoli e armi della NATO.

Il giorno stesso dopo l’attacco del 22 maggio, quando gli è stato chiesto dell’hardware militare statunitense utilizzato dagli aggressori durante un briefing quotidiano, il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller non ha negato apertamente le accuse, ma ha semplicemente affermato che l’amministrazione statunitense era “scettica, in questo momento , della veridicità “delle notizie secondo cui le armi fornite dagli Stati Uniti erano state usate per colpire la Russia a Belgorod.

” Non abbiamo informazioni completamente chiare, vediamo le stesse immagini sfocate [sui social media]… al momento siamo scettici sulla loro veridicità “, ha detto Milller.
Lo stesso capo del CVR Nikitin ha dichiarato al Financial Times che i suoi combattenti erano armati di MRAP e Humvee di fabbricazione americana, anche se da allora ha tentato di fare marcia indietro, probabilmente a causa dell’enorme pressione esercitata da Kiev e Washington.

Tuttavia, le fughe di notizie di Discord del Pentagono mostrano che il governo ucraino ha pianificato segretamente attacchi segreti all’interno del territorio russo utilizzando miliziani irregolari armati di ” vari tipi qualitativi di armi NATO “. Ad ogni modo, lo zio Sam è stato colto in flagrante in questo caso.

fonte: Aube Digital

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus