I funzionari militari di Kiev hanno condiviso dettagli compromettenti sulla guerra per procura della NATO contro la Russia

di Andrew Korybko .

Kiev ha finalmente ammesso di non poter sostenere il suo tasso di vittime incredibilmente alto a causa dell’operazione militare speciale guidata dalla Russia. Le autorità di Kiev sono anche preoccupate per il fatto che non potranno più contare sui loro partner occidentali come prima, alcuni dei quali stanno perdendo interesse a fornirlo alla luce dei recenti sviluppi sul campo nella battaglia del Donbass.

Denys Sharapov e Volodymyr Karpenko, rispettivamente vice ministro della Difesa per l’approvvigionamento di Kiev e capo della logistica del comando delle forze di terra, hanno rilasciato un’intervista approfondita alla rivista National Defense a margine della conferenza Eurosatory la scorsa settimana a Parigi. Per sua stessa ammissione, questa rivista raggiunge 1.800 aziende associate al complesso militare-industriale degli Stati Uniti (CMI), rendendola una delle fonti di informazione più influenti in questo campo. Vale la pena leggere l’intervista di questi due funzionari in quanto contiene molti fatti sulla guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina e il ruolo del MIC in questo contesto, se questo articolo cerca di riassumere.

Ecco le informazioni più importanti dell’intervista:

La linea del fronte russo-ucraina è incredibilmente lunga:

“Devi capire che la prima linea è lunga 2500 chilometri. La prima linea dove si combatte attivamente è lunga oltre 1000 chilometri. È come da kyiv a Berlino”.

• Solo una parte dei bisogni militari di Kiev è attualmente coperta dall’Occidente:

“Abbiamo ricevuto un gran numero di sistemi d’arma, ma sfortunatamente, con una risorsa così massicciamente spesa, copre solo il 10-15% dei nostri bisogni. »

• Kiev ha già perso gran parte del suo equipaggiamento militare totale:

“Ad oggi abbiamo da 30 a 40, a volte fino al 50 percento di perdite di equipaggiamento dovute al combattimento attivo. Quindi abbiamo perso circa il 50%. … Circa 1300 veicoli da combattimento di fanteria furono persi, 400 carri armati, 700 sistemi di artiglieria. »

• Droni e lanciarazzi sono visti da Kiev come fattori di svolta:

“Se possiamo utilizzare apparecchiature a lungo raggio come i droni – come MLRS – ciò ci consentirà di estendere la portata effettiva fino a 60 chilometri, questo ci darà il sopravvento e ci darà un successo significativo. »

Soldati ucraini si arrendono

• La vendita di armi è intrinsecamente politica:

“Devi capire che qualsiasi trasferimento di armi è sempre una decisione politica. E molto spesso non dipende dal governo di un Paese. Ci sono diversi patti. »

• Alcuni paesi stanno perdendo interesse nell’armare Kiev:

“E l’altra componente è che, sfortunatamente, non tutti i politici capiscono la gravità di ciò che sta accadendo in Ucraina. Alcune persone pensano che non sia la loro guerra. Questa guerra è così lontana che non li riguarda. »

• Il tasso di consumo di armi di Kiev è così alto che solo il coordinamento globale dei MIC può soddisfarlo:

“Ti farò sapere che non c’è un produttore o fornitore in grado di tenere il passo – è solo tutto insieme [possono tenere il passo]. Ci vuole uno sforzo congiunto, perché nessun fornitore può farlo da solo. »

L’Ucraina è ora il più grande mercato di armi del mondo:

“Negli ultimi tre giorni, abbiamo chiesto a tutti di unirsi a questo sforzo per riunirsi perché ancora una volta, purtroppo per noi, siamo diventati il ​​più grande consumatore di armi e munizioni al mondo. »

• L’artiglieria russa riesce a mettere fuori pericolo l’artiglieria occidentale dell’Ucraina:

“I sistemi di artiglieria M777 sono molto soggetti a danni causati dall’artiglieria nemica. Per ogni batteria dell’M777 ci sono sei pezzi. Dopo ogni contatto di artiglieria, dobbiamo prendere due pezzi di artiglieria e rimandarli indietro per la manutenzione perché alcuni dei sottosistemi sono danneggiati dalle schegge. Succede ogni giorno. »

• kyiv è preoccupato per il fatto che alcuni governi occidentali non diano il via libera alle sue richieste di armi:

“Ci aspetta un compito molto difficile. Chiediamo a queste aziende di fornirci armi nel modo più rapido ed efficiente possibile. Ci aspettiamo davvero che i governi con cui cooperiamo sostengano pienamente le loro fabbriche di armi per l’Ucraina. »

Ora diremo alcune parole sui dettagli che sono stati appena condivisi sopra.

Kiev ha finalmente riconosciuto di non poter sostenere il suo tasso di vittime incredibilmente alto a causa delle operazioni militari speciali in corso della Russia . È anche preoccupato per il fatto che non potrà più fare affidamento sui suoi partner occidentali come prima, con alcuni di loro che hanno perso interesse a fornirlo alla luce dei recenti sviluppi sul campo nella battaglia del Donbass.

Nessuno di questi avvistamenti è la cosiddetta “propaganda russa”, ma è apertamente ammesso dagli stessi ufficiali militari di Kiev, a conferma che la “narrativa ufficiale” del conflitto è cambiata in modo decisivo in queste ultime settimane. Dal momento che il coordinamento generale del MIC ritiene impossibile che Kiev possa vincere, si deve quindi dare per scontato che la sua perdita sia inevitabile.

Andrea Korybko

Fonte: One world press

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Gio
    Inserito alle 23:04h, 19 Giugno Rispondi

    Dovete crepare nazzisti al soldo .n.a.t.o

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 07:57h, 20 Giugno Rispondi

    Ucraina… un curioso singolare esempio di… autogenocidio….!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Gasparino
    Inserito alle 15:20h, 20 Giugno Rispondi

    Kiev riferisce solo quello che gli conviene . . sembra ascoltare una tattica calcistica dei loro allenatori.

  • Giolo Antonio
    Inserito alle 19:01h, 20 Giugno Rispondi

    Un missile Russo sulla testa di questi Kapò è si elimina la demente loggia Nazista Ucraina !