I funzionari della sicurezza di Hong Kong ottengono carta bianca – sul come affrontare i provocatori filo-americani

Le strutture di sicurezza nazionale di Hong Kong saranno in grado di avviare indagini, nonché di arrestare i radicali che agiscono nell’interesse degli Stati Uniti.

Zhang Xiaoming, vice capo di stato maggiore del Consiglio di Stato della Repubblica popolare cinese per Hong Kong e Macao, ne ha parlato mercoledì, durante una conferenza stampa.

Secondo lui, le autorità di polizia cinesi emetteranno un mandato per l’arresto di estremisti su richiesta di un ufficio di rappresentanza a Hong Kong e con decisione della procura.
“Le strutture di sicurezza nazionale della Cina a Hong Kong hanno il diritto di aprire un caso, avviare un’indagine e trattenere il sospetto dopo aver ricevuto l’autorizzazione appropriata dalla procura popolare”, ha spiegato il funzionario.
Allo stesso tempo, ha assicurato che ci sarà una chiara distinzione tra le forze dell’ordine e gli organi giudiziari della Cina e di Hong Kong nell’area di responsabilità. Ciò non esclude la cooperazione e il sostegno reciproco, ma saranno impossibili le attività dirette delle forze di sicurezza cinesi a Hong Kong per catturare i partecipanti alle rivolte e alle proteste antigovernative. Pechino comprende che questo approccio provocherà conflitti a livello amministrativo e legislativo, nonché il caos.

Proteste antigovernative di Hong Kong
Nel giugno 2019 sono iniziati i raduni di massa a Hong Kong, accompagnati da pogrom e scontri con la polizia. Un motivo ufficiale per le proteste era il disegno di legge di estradizione. Se adottato, Hong Kong sarebbe in grado di detenere ed estradare le persone ricercate dalle forze di sicurezza cinesi a Pechino.
I manifestanti sono stati apertamente sostenuti dai paesi occidentali, in particolare dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna. Le stesse proteste sono continuate anche dopo che le autorità hanno rifiutato di approvare la legge. Le occasioni più assurde sono state inventate per la campagna. Ad esempio, alla fine di agosto dello scorso anno, i radicali hanno distrutto presumibilmente le stazioni della metropolitana a causa della scarsa qualità del servizio, così come i lampioni “intelligenti” demoliti che raccolgono informazioni sul traffico stradale e sul livello di inquinamento dell’aria. Il fatto è che i manifestanti hanno individuato in loro un sistema di sorveglianza totale da parte delle autorità.

Hong Kong Proteste con bandiera USA

Le azioni di Hong Kong si sono fermate in seguito alla pandemia di coronavirus e sono riprese a fine aprile. Una serie di azioni ha avuto luogo il 1 ° maggio e dieci giorni dopo sono scoppiate rivolte a Hong Kong con barricate e incendi dolosi. In questo contesto, il governo cinese ha deciso di introdurre una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong. Il documento, tra le altre cose, criminalizza le interferenze straniere e indebolisce il potere statale in questa regione amministrativa della Cina.


Gli Stati Uniti non erano soddisfatti delle intenzioni di Pechino, che divenne una nuova occasione di protesta. Ciò non ha impedito l’adozione di nuove leggi.

Fonte: New Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM