"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

I fucili e l’ipocrisia europee risuonano rumorosamente nello Yemen

di Salman Rafi Sheikh

Mentre l’Unione Europea, di quando in quando, continua a manifestare la sua “indignazione” per il presunto uso di armi chimiche in Siria, ancora più evidente è la vistosa assenza di critiche anche nell’UE per le atrocità commesse nello Yemen, dove l’Arabia Saudita ha intrapreso una guerra contro gli Houthi. Il silenzio dell’UE non è solo significativo; è addirittura criminale in quanto numerosi membri di questa unione continuano a rimanere i principali fornitori di armi alla Casa di Saud e al suo alleato principale, gli EAU.

Questo silenzio, quindi, getta una luce significativa sull’economia politica della guerra in Yemen, per cui risulta che la scommessa viene ad essere il profitto dello statto sponsor, sia in termini di cosiddetta “sicurezza nazionale”, sia in termini di guadagni elevati. Gli yemeniti, ovviamente, restano l’ obiettivo a tutto campo .

E, mentre ci sono state campagne contro la vendita di armi all’Arabia Saudita , in corso da qualche tempo nel Regno Unito, nello Yemen si colpiscono obiettivi non militari in modo indiscriminato . Lo Yemen è stato il tema non discusso pubblicamente durante la visita del principe ereditario Bin Salman in Europa.

Nonostante che il Trattato sul commercio delle armi (ATT) stabilisce che armi e forniture militari non possono essere fornite a paesi dove l’uso di queste armi può contribuire a gravi violazioni dei diritti umani e contribuire alla creazione o esacerbazione della crisi umanitaria, l’Europa ha completamente ignorato il trattato ed ha fornito palesemente armi, prendendo i suoi accordi commerciali come abitualmente.

In quanto tale, dal 2015 solo il Regno Unito ha fornito armi dell’Arabia Saudita per un valore di oltre 3,7 miliardi di sterline. Secondo le notizie di Amnesty International, le esportazioni del Regno Unito in Arabia Saudita hanno registrato un enorme aumento del 48% nel 2012-2016. Tra le principali armi e sistemi forniti dal Regno Unito vi sono 20 aerei da combattimento Fighter Ground Attack Typhoon Block del valore di $ 1,15 miliardi; 2.400 bombe guidate da Paveway del valore di $ 48 milioni; Missili da crociera Storm Shadow / SCALP del valore di $ 70 milioni; e due sistemi di rifornimento aereo del valore di $ 20 milioni.

Famiglia annientata nello Yemen

E mentre la Francia ‘Macron ha espresso preoccupazione, durante la visita di Mohammad Bin Salman, per la crisi in Yemen; il francese non ha esitato a difendere inequivocabilmente la vendita di armi da parte della Francia all’Arabia Saudia. E perché non dovrebbe? Solo nel 2016, la Francia ha venduto oltre un miliardo di armi in Arabia Saudita. La guerra fa bene agli affari, sottintende Macron.

Un altro importante fornitore di armi per l’Arabia Saudita è la Germania dall’inizio della guerra in Yemen. Entro novembre 2017, la Germania aveva già fornito armi ai sauditi per un valore di milioni di dollari. Nel 2016, la Germania ha venduto le armi della Casa di Saud per un valore di 560 milioni di euro. E, mentre la Germania ha ora interrotto la fornitura di armi a causa della crescente opposizione alla vendita di armi, resta il fatto che questo blocco non ha portato ad un immediato divieto di vendita. In realtà, l’arresto è solo temporaneo e il governo tedesco lo sta usando solo per negoziare e pacificare l’opposizione. In parole semplici, il governo tedesco, proprio come la Francia e il Regno Unito, dirà all’opposizione quanto è importante continuare a fornire armi all’Arabia Saudita, il secondo maggior acquirente di armi tedesche. In altre parole, il governo tedesco sarà impegnato a dare delucidazioni all’opposizione, dicendo loro quanto sia stata proficua la guerra in Yemen per loro e che sarebbero stati in grado di guadagnare molto di più se decidessero di continuare a fornirli. Il fatto che il governo tedesco non abbia alcuna intenzione di interrompere la fornitura di armi all’Arabia Saudita è evidente dal fatto che nel 2017 si è conclusa la vendita delle armi in Arabia Saudita.

Bombardamenti nello Yemen

Poiché i principali paesi europei sono i principali fornitori di armi per l’Arabia Saudita, non stanno violando solo l’ATT di cui tutti questi paesi sono firmatari, ma stanno anche violando il codice di condotta dell’UE sull’esportazione di armi, secondo il quale i membri sono tenuti a non fornire armi, il cui utilizzo può contribuire alla instabilità regionale.

L’Europa, alimentando così direttamente la guerra in Yemen, ha stabilito i suoi standard di ipocrisia. E, mentre l’UE non ha adottato alcuna risoluzione contro le atrocità saudite nello Yemen, è stato abbastanza pronunciato da presentare una risoluzione contro l’Iran per la sua violazione degli embarghi sulla fornitura di armi allo Yemen.

In precedenza, nel febbraio 2018, tutti i principali fornitori di armi verso l’Arabia Saudita (Stati Uniti, Regno Unito, Francia) si recarono alle Nazioni Unite, quella che ha ironicamente ripetutamente criticato l’Arabia Saudita per aver creato la peggiore crisi umanitaria, per mettere sotto accusa l’Iran sulle presunte violazioni .

Nonostante l’ipocrisia, gli esperti delle Nazioni Unite dicevano ancora di non aver trovato “nessuna prova sull’identità del fornitore, o di qualsiasi terzo intermediario” dei missili lanciati dagli Houthi nella vicina Arabia Saudita. E mentre i promotori della risoluzione hanno sostenuto che l’Iran deve ancora essere ritenuto responsabile e gli vengono imposti embargo per non aver impedito questa fornitura, non è mai stata presentata alcuna risoluzione da questi stessi Paesi contro l’Arabia Saudita che, secondo le stesse relazioni delle Nazioni Unite , è stato direttamente coinvolto nell’uccisione di migliaia di civili, bersagliando le scuole e gli ospedali.

Il supporto ufficiale per la guerra nello Yemen, quindi, rimane alto in Europa. E rimarrà alto fintanto che il reddito guadagnato da esso rimarrà alto. A differenza della Siria, dove l’Europa non è in grado di fare soldi e deve ospitare anche rifugiati, lo Yemen è una crisi che non ha creato una crisi di rifugiati per l’Europa, né li ha portati sull’orlo della sconfitta (per mano della Russia come in Siria).

È quindi probabile che il loro sostegno continui e addirittura aumenti, come ha sottolineato il primo ministro britannico pochi giorni fa. Le armi europee e l’ipocrisia continueranno quindi a ruggire forte mentre i sauditi continueranno a colpire lo Yemen.

Salman Rafi Sheikh, analista di ricerca di Relazioni internazionali e affari esteri e interni del Pakistan, esclusivamente per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

Fonte: New Eastern Outlook

Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. Fabio franceschini 3 mesi fa

    2400 pavewsy 48 milioni?forse sarà 480?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo 3 mesi fa

    strano ha dimenticato i massacratori italiani
    che dalla sardegna inviano bombe per fare
    a pezzi bambini e donne incinte yemeniti.
    (azienda RVM soc. tedesca operante sul
    territorio italiano, con mano d’opera sardegnola
    col fine di trucidare esseri umani innocenti.)

    Rispondi Mi piace Non mi piace