I frutti dell’intervento occidentale negli affari di altri paesi


By Sorbello Giuseppe e Bjliana Stojanovic


La crisi del liberalismo, o “declino dell’Europa”, protrattasi per più di cento anni, diffonde fatalmente parole e azioni, ideologie e pratiche del “collettivo occidentale” in direzioni opposte. È successo con l’intervento in Libia.

L ‘”azione umanitaria” degli Stati membri della NATO in questo paese nordafricano, intrapresa nel 2011, non ha nulla a che fare con l’umanitarismo. L’operazione, dichiarata un atto di liberazione dal “regime dittatoriale di Muammar Gheddafi” in nome della democrazia, trasformò il territorio dell’ordinato paese arabo, noto come la Jamahiriya libica, nel territorio del caos. Dopo il brutale omicidio di Gheddafi, la Libia è diventata il campo degli scontri armati incessanti, che a malapena possono essere definiti una guerra civile. (Un vero “capolavoro della NATO”di cui nessuno si addossa la responsabilità).

Attualmente in Libia, ci sono due governi in guerra , tra i quali periodicamente si combatte con intensificazioni degli scontri armati. In tutto il territorio opera la filiale libica dello “Stato Islamico” (ISIS) , vietata nella Federazione Russa . Le città sono governate da una banda di criminali, le attività produttive nel paese sono ridotte al minimo.

Più di mezzo milione di libici, secondo le Nazioni Unite, furono costretti a fuggire dalle loro case, una buona parte di loro era già passata in Europa. La Libia è diventata un enorme punto di transito per i rifugiati provenienti da altri paesi africani. La rotta marittima più breve verso l’Italia e Malta si apre dalla costa libica, ci sono gruppi organizzati di scafisti (in collaborazione con le ONG occidentali ), che trasportano rifugiati dal Medio Oriente e dai paesi dell’Africa nera a sud del Sahara verso le coste italiane del sud. (Un enorme giro d’affari derivante dalla nuova tratta degli africani quale mano d’opera da sfruttamento per le mafie e per le multinazionali).

L’UE ha ora rafforzato la legislazione di ingresso, i barconi con i rifugiati sono a volte intercettati e restituiti in Libia. Migliaia di rifugiati rientrati a forza si accalcano nei campi libici. Quanti di loro vivono fuori dai campi, nessuno li conterà. C’è carenza di cibo e acqua nei campi e la violenza è diffusa. I rifugiati vivono in obbedienza alle leggi della guerra, nascondendosi dai bombardamenti, e allo stesso tempo dai cacciatori di reclute che stanno cercando di reclutare giovani migranti per gli eserciti che si combattono a vicenda. Tuttavia, non importa quanto siano in agguato, i rifugiati ricoprono costantemente un’ondata di azioni militari, guidate da gruppi avversari.

La notte del 3 luglio, uno dei campi profughi della città di Tajura è stato colpito da un bombardamento aereo, in cui 53 persone sono state uccise e 130 ferite. Il campo era nel terreno di battaglia tra l’esercito del maresciallo Khalifa Haftar e le truppe del cosiddetto governo dell’unità nazionale della Libia.

Migranti in Libia in attesa di imbarco. Tutti uomini in età militare…

In queste condizioni, i tentativi dei rifugiati di infiltrarsi in Europa non si fermano. Dall’inizio di aprile, oltre un migliaio di persone sono tornate in Libia, cercando di attraversare l’Europa. Lo staff delle Nazioni Unite che lavora in 36 campi libici riferisce che l’amministrazione del campo è impegnata nel contrabbando di “beni vivi”, tiene le persone in condizioni di schiavitù e usa la violenza contro le donne. Casi frequenti per portare le persone al suicidio.

L’Unione europea condanna i bombardamenti aerei sui campi profughi, richiede indagini e al contempo restringe le leggi sull’immigrazione. I combattimenti in Libia e la calma estiva offerta nel Mediterraneo spingono i rifugiati a nuovi tentativi di attraversare l’Europa, ignorando il rischio di morire lungo la strada. Il bilancio delle vittime del 2019 ha già raddoppiato la cifra media dello scorso anno, quando, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, ogni decima parte è morta affogata.

Le cattive notizie per l’Europa non finiscono qui. Il ministro degli esteri lussemburghese Jean Asselborn ha avvertito che se si sviluppasse il conflitto tra Stati Uniti e Iran, c’è il pericolo che i tre milioni di afghani che, in fuga dalla guerra in Afghanistan, trovino rifugio in Iran, si spostino anche verso l’Europa. Il problema dell’afflusso di una nuova grande ondata di rifugiati diventerà inevitabile.

L’Europa continua a raccogliere i benefici dell’interferenza negli affari di altri paesi.

https://www.fondsk.ru/news/2019/07/07/haos-v-livii-i-konflikt-ssha-s-iranom-grozjat-evrope-vtoroj-volnoj-bezhencev-48546.html?fbclid=IwAR2ctDXp42V6ygXPcqd0JxdwWJc6HWOMOfyYZRxDT6u6NE5tm-OE3NF7Ea4

Fonte: Fondsk.ru

2 Commenti

  • PESCE ERNESTO
    12 Luglio 2019

    GLI ARTICOLISTI SINCERI FACCIANO PUBBLICIZZARE IL FALLIMENTO DELL’IINTER VENTO UMANITARIO AMERICANO IN SOMALIA NEL 1992, PER MANO DELLA RESISTENZA SOMALA GUIDATA DAL GENERALE AIDID

  • PESCE ERNESTO
    12 Luglio 2019

    FALLITO INTERVENTO UMANITARIO OCCIDENTALE IN SOMALIA NEL 1992 DIRETTO DAL GENERALE AIDID

Inserisci un Commento

*

code