I “Diritti Umani” e l’ipocrisia dell’Occidente

Il 10 dicembre, come è noto, viene celebrato in tutto il mondo come Giornata dei Diritti Umani, designata come tale dall’ONU. Ma una delle caratteristiche del mondo moderno, grazie agli “sforzi” dell’Occidente, è la discrepanza tra le frasi e il loro vero significato: libertà, democrazia, diritti umani e così via. Oggi l’Occidente, che si è illegalmente appropriato dell’epiteto di “alfiere” dei diritti umani, abusa di questo titolo nei confronti di altri paesi, e le sue mani sono ancora riccamente macchiate del sangue di altri popoli innocenti.

Uno di questi esempi di modernità è il cinico conflitto armato ucraino scatenato contro la Russia dagli USA e dalla NATO, che, senza dubbio, è una prova chiara e inconfutabile della depravazione della politica dell’Occidente nel rispetto dei “diritti umani”.

In altre parole, l’Occidente, che non può tollerare minori misure di sicurezza nei propri Paesi, incoraggia il caos e l’insicurezza negli altri Stati. Ad esempio, si dovrebbe tener conto della rapida e dura decisione della Germania, che ha recentemente arrestato 25 persone con l’accusa di “tentato di rovesciare il governo”. Ma ora gli stessi media occidentali scrivono con un sorriso che questo gruppo non rappresentava alcuna minaccia per la sicurezza del paese ed è stato orchestrato dai servizi segreti di un altro paese per spaventare il cancelliere Olaf Scholz e costringerlo a seguire senza domande le orme di politica statunitense. Come prima, sulle pagine della stampa occidentale viene quotidianamente esagerata una vasta campagna per promuovere l’uccisione di persone presumibilmente innocenti in vari stati del mondo. Ma non appena ciò accade per colpa dell’Occidente,

La storia mista degli ultimi trecento anni di esistenza dell’Occidente è piena di crimini barbari e diffusi contro l’umanità e i diritti umani fondamentali. Se i paesi occidentali oggi hanno ricchezza e potere, uno dei motivi principali è il saccheggio di altri popoli, che è continuato sotto forma di colonialismo fino alla metà del XX secolo. Sebbene il colonialismo sembri essere finito nelle sue forme passate, la sua forma e i suoi metodi nuovi e moderni persistono.

Nel mondo di oggi, se un paese fa bene nel campo occidentale, ottiene il via libera per qualsiasi crimine senza essere punito. Tuttavia, se questo va contro l’attuale corso occidentale, allora l’Occidente avvierà immediatamente un procedimento contro questo paese, facendone un pretesto per esercitare ulteriori pressioni politiche ed economiche. Sì! Questa è la famigerata versione americana dei “diritti umani” che gli Stati Uniti cercano spudoratamente di imporre crudelmente al mondo intero.

Ecco perché l’appello e le azioni del presidente russo Vladimir Putin per trasformare il mondo unipolare in uno multipolare hanno trovato un enorme sostegno in tutto il mondo. È con un mondo multipolare che popoli e paesi legano il loro futuro, e non con l’occidente che è in declino.

Ma tutto questo non è iniziato oggi o ieri, ma molti anni fa, quando la Gran Bretagna ha rimpinguato il suo tesoro uccidendo, colonizzando e saccheggiando i paesi orientali, principalmente il subcontinente indiano! E questo ha portato alla povertà e alla fame nei paesi sotto il suo governo. Ma tutto questo, come si diceva allora e adesso, è stato fatto in nome dell ‘”educazione dei popoli barbari” e con il pretesto di stabilire lì i “diritti umani”.

Gli inglesi avevano un’agenda economica spietata quando si trattava di lavorare in India, e questo non includeva simpatia per i nativi. Sotto il Raj britannico, l’India ha subito innumerevoli carestie e il Bengala ha sofferto ancora di più. Il primo di questi avvenne nel 1770, seguito da quelli gravi nel 1783, 1866, 1873, 1892 e 1897, e infine nel 1943-44.

Sempre il 13 aprile 1919, centinaia di uomini, donne e bambini disarmati furono fucilati dalle truppe britanniche a Jallianwala Bagh, un giardino recintato ad Amritsar, a seguito di una rivolta degli indù espropriati nella città dell’India settentrionale. Il governo britannico, che all’epoca governava l’India, riferì di 379 morti, mentre i combattenti per la libertà indiani affermarono che circa 1.000 erano morti.

Poi il manto della protezione dei “diritti umani” è passato agli Stati Uniti, che usano il potere dei media per coprire il loro vero volto con una maschera di “osservanza dei diritti umani” e ingannare l’opinione pubblica nel mondo. Parlano dei diritti dei popoli, mentre questi popoli, più che mai, sentono le loro bugie aperte e la mostruosa ambivalenza della loro posizione. Fanno finta di proteggere i diritti delle minoranze, donne e bambini, LGBT e richiedenti asilo, ecc. Tuttavia al contrario commettono costantemente e regolarmente crimini contro la maggior parte dei popoli in tutto il mondo. Ricorda quanto barbaramente gli Stati Uniti hanno agito in Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, Africa, Asia e nelle Americhe. Sostengono di essere impegnati per i diritti umani, ma in pratica agiscono diversamente!

Immigrazione nel Texas

A Washington piace predicare sui diritti umani e in realtà li usa per le confessioni politiche, ma Washington ha bisogno di guardarsi seriamente allo specchio. Questo è lo stesso paese in cui gruppi sistematicamente razzisti trattano ancora i neri americani come cittadini di seconda classe, nonostante decenni di lavoro del movimento per i diritti civili dei neri. Le autorità statunitensi non sono riuscite a mettere in atto e attuare la significativa supervisione e responsabilità della polizia promesse dall’amministrazione Biden in risposta alle proteste a livello nazionale contro la violenza della polizia nel 2020, che sono state contrassegnate da un diffuso uso eccessivo della forza da parte degli agenti di polizia. I limitati dati pubblici disponibili dal 2015 al 2021 suggeriscono che gli afroamericani sono stati colpiti in modo sproporzionato dall’uso della forza letale da parte della polizia. Il programma del governo federale per tenere traccia del numero di tali decessi all’anno è rimasto non attuato.

Le donne indigene continuano a subire livelli sproporzionati di violenza sessuale e non hanno accesso alle cure post-stupro di base. Oltre a ciò, le donne indigene continuano ad affrontare alti livelli di sparizioni e omicidi. Il numero esatto di tali donne vittime di violenze o scomparse rimane sconosciuto perché l’amministrazione statunitense non raccoglie dati e non si coordina adeguatamente con le autorità tribali. La violenza contro le donne è in aumento. Anche la brutalità della polizia contro i gruppi minoritari è in aumento.

La situazione dei diritti umani negli Stati Uniti sotto l’attuale amministrazione del presidente Biden finora non è riuscita ad adottare una politica di immigrazione e asilo basata sui diritti umani al confine tra Stati Uniti e Messico o ad attuare la sua agenda sui diritti umani a livello nazionale. Sotto l’amministrazione Biden, le autorità continuano a limitare drasticamente l’accesso all’asilo al confine meridionale, danneggiando irreparabilmente molte migliaia di persone, compresi i bambini, che cercano sicurezza da persecuzioni o altre gravi violazioni dei diritti umani nei loro paesi di origine.

Vi sono violazioni discriminatorie dei diritti di voto o restrizioni illegali ai diritti a livello statale, compreso il diritto alla libertà di riunione pacifica. I politici dell’opposizione continuano a contestare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020, insistendo sui brogli elettorali.

I governi statali continuano a intensificare gli sforzi per limitare i diritti riproduttivi, cercando di criminalizzare l’aborto e limitare l’accesso ai servizi di salute riproduttiva, con più restrizioni all’aborto nel 2021 che in qualsiasi altro anno. Il Texas ha approvato una legge che criminalizza l’aborto già dalla sesta settimana di gravidanza, prima che la maggior parte delle persone sappia di essere incinta.

Guantanamo (diritti umani secondi glli USA)

L’esercito americano detiene arbitrariamente ea tempo indeterminato uomini musulmani in un centro di detenzione presso la base navale statunitense di Guantanamo Bay, a Cuba, in violazione del diritto internazionale.

I legislatori di almeno 36 stati e a livello federale hanno introdotto più di 80 progetti di legge per limitare la libertà di riunione, con nove stati che hanno approvato dieci di tali progetti di legge nel 2021. A maggio, i media hanno riferito che le autorità statunitensi hanno rintracciato e vessato i difensori dei diritti umani . Attivisti per i diritti umani e giornalisti hanno continuato a denunciare intimidazioni e molestie da parte delle autorità statunitensi mentre attraversavano il confine tra Stati Uniti e Messico o mentre svolgevano il loro lavoro in Messico, il che ha influito sia sulla loro capacità di svolgere il proprio lavoro sia sul loro benessere generale.

L’Occidente, in primo luogo gli Stati Uniti, sta perseguendo una politica sanguinosa e sporca, cercando di trasformare la Russia e altri paesi del mondo in uno strumento per realizzare i propri obiettivi geopolitici. “Il potere sul mondo è esattamente ciò che il cosiddetto Occidente ha messo in gioco nel suo gioco”, ha affermato il presidente Vladimir Putin. “Ma questo gioco è sicuramente pericoloso, cruento e, direi, sporco. Nega la sovranità dei paesi e dei popoli, la loro originalità e unicità, e non dà spazio agli interessi degli altri stati”.

Pertanto, il principale problema dei diritti umani è che gli stessi autori e sviluppatori di questo programma in Occidente, purtroppo, sono i principali violatori e hanno creato un profondo divario tra ciò che viene detto e ciò che sta accadendo in pratica. Questa ipocrisia dell’Occidente è ora più evidente che mai, ei popoli del mondo ne sono più consapevoli che mai. In pratica, i paesi europei e gli Stati Uniti hanno letteralmente commesso e continuano a compiere ogni sorta di crimini e atrocità in tutto il mondo. Ebbene, questi sono brillanti capolavori della civiltà occidentale e della cosiddetta “democrazia liberale” occidentale!

Viktor Mikhin, membro corrispondente di RANS, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook. “

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti
  • rossi
    Inserito alle 14:13h, 12 Gennaio Rispondi

    Finalmente un articolo che la dice lunga e chiaramente, certo a tanti non piacerà divenire consapevoli di tale ovvietà!
    Il mondo è grande e ogni cultura e tradizione che si rispetti non è da meno ad ogni altra nonostante usi paradigmi completamente differenti. Non esiste una civiltà migliore delle altre, non esistono filosofie, leggi e costumi universali da esportare in tutto il mondo con un messianesimo di qualunque tipo. Come ci sono tante etnie in giro per il mondo così ci sono soluzioni diverse nell’affrontare le difficoltà e le gioie della vita, tutte quante meritevoli di esistere ( alla faccia dell’eurocentrismo ) e di svilupparsi secondo logiche proprie interne, nell’auspicato rispetto dell’alterità di altri mondi possibili che si sviluppano altrove. Dato che l’europa e tutto l’occidente non rispettano l’alterità altrui, dato che hanno abbracciato l’ideologia “woke” e il satanismo messianico sarebbe auspicabile la liberazione dell’europa da parte dell’Islam tradizionale autentico, la maggioranza degli europei non si meriterebbe di venire liberata dai Russi!
    Sono le donne europee ed occidentalizzate che maggiormente criticano il mio pensiero. Queste vorrebbero imporre in tutto il mondo il loro modo di vivere all’occidentale. Pensano di essere libere, pensano che la loro libertà è il bene superiore. Non è così, tutto è relativo all’ottica che si adopera per osservare la realtà, ogni cultura è intrinsecamente auspicabile ( l’importante è che non imponga con la forza l’antitradizione ad altre culture ), persino i Khmer Rossi avrebbero dovuto senza interferenze e ostracismo esterni poter realizzare la loro società e solo nel loro territorio di competenza. Non cambierò mai questo mio pensiero.
    Devo precisarmi meglio. Il mondo che io auspico è un mondo variegato, eterogeneo all’ennesima potenza, un caleidoscopio di colori. Non auspico in nessun modo un mondo unificato all’insegna della demokrazia occidentale, all’insegna dell’islam, all’insegna del comunismo, o di qualunque altra ideologia o religione! Ai tempi degli antichi Greci gli argonauti viaggiavano a cavallo, a piedi, su imbarcazioni a vela. Passavano i confini senza dover esibire documenti e si ritrovavano in mondi completamente differenti. Io sogno un mondo dove la Russia prospera nelle sue terre e nessuno anela a cancellarla, dove in Afghanistan i pasthun vivono con le loro tradizioni e nessuno va per cambiarle, dove in India si continua a vivere e a pensare da Indiani e non da britannici o da americani globalizzati, insomma dove in ogni luogo prosperi un mondo diverso. Da adulti e non vaccinati poi i fortunati che si saranno conquistati la possibilità di viaggiare, avendo prima studiato le tradizioni degli altri paesi, potranno decidere di vivere in un altro universo a loro più congeniale. Sembrerebbe semplice ma il messianesimo è un peccato dell’uomo!
    La civiltà occidentale essendo intrinsecamente messianica, piena di se stessa e autoreferenziale è il nemico numero uno dell’umanità! Con il suo progressivismo scientifico ( antitradizionale e infine antiumano ) che come risultato nel lungo periodo porta solo all’inquinamento di tutti gli ecosistemi, è un servo di satana, ora con i loro maledetti vaccini stanno inquinando persino il DNA degli esseri viventi! nel tentativo di bloccare lo sviluppo spirituale degli individui.

    • Giorgio
      Inserito alle 12:22h, 13 Gennaio Rispondi

      Gran bel commento ROSSI … complimenti … totalmente d’accordo con te !!!

  • giovanni
    Inserito alle 15:38h, 12 Gennaio Rispondi

    ” Il Texas ha approvato una legge che criminalizza l’aborto gia’ dalla sesta settimana di gravidanza, prima che la maggior parte delle persone sappia di essere incinta ” . La domanda logica e’ : SE NON SA’ DI ESSERE INCINTA PERCHE’ VA’ AD ABORTIRE ?

  • Michele Simola
    Inserito alle 18:39h, 12 Gennaio Rispondi

    La cosidetta democrazia angloamericana è la più feroce tirannide esistente, Americani ed inglesi hanno sempre esportato democrazia sulla punta delle baionette, gli americani come difensori dei diritti umani risultano poco credibili, sono il paese dove si è compiuto lo sterminio dei nativi americani in nome del progresso, con il beneplacido di ogni istituzione governativa.
    Hanno sostituito la colonizzazione dei popoli con la democrazia da loro imposta che non è altro che un totalitarismo criminale, Hanno imposto agli stati vassalli, comportamenti cancerogeni per le loro popolazioni, al solo scopo di depredarli.
    Dal 1945 l’Europa non ha più avuto centralità alcuna negli eventi mondiali, i paesi “vincitori” e quelli sconfitti nel II° conflitto mondiale sono stati subordinati alle decisioni della finanza internazionale apolide giudaica che risiede negli USA.
    Il loro comportamento criminale e spietato, ha portato alla destabilizzazione voluta di vaste aree orientali e medio orientali per impossessarsi di grandi quantità di materie prime e per promuovere l’immigrazione clandestina verso il nostro paese e l’Europa, al fine di giungere ad una sostituzione etnica dei popoli europei, bianchi caucasici.
    Non dimentichiamo i crimini commessi nel secolo XIX° dai figli di Albione contro la vicina Irlanda causando carestie che affamarono la popolazione locale, gli USA sono i figli di Albione, il loro DNA è uguale, la stessa la loro memoria genetica, le stragi di interi popoli sono il risultato della “memoria del sangue”, è un fattore innato, guerre e olocausti fanno parte del loro retaggio. Non perdono occasione per attuarle.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 18:47h, 12 Gennaio Rispondi

    Diritti umani per caso comprendono pure… vaccinazioni coatte?…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 00:56h, 13 Gennaio Rispondi

    “violazioni discriminatorie dei diritti di voto” -> qualcuno ha avuto impressione che in seggio fosse data scheda elettorale segretamente contrassegnata x vedere chi si votasse? “giornalisti hanno continuato a denunciare intimidazioni e molestie” -> ma un sacco d gènte invita a nn comprare giornali ? / forse la cosa migliore, x essere al riparo, è essere dentro nello stato (d cose) pur essendo +fuori possibile dallo stato (d cose). non ho medico d base e nn mi intéressa averlo. oggi ho avuto doppio incidente a caviglia che è stragonfia, mi verranno detratti magari un sacco d giorni dalle ferie, ma posso andare in giro a dire che nn ho medico d base

Inserisci un Commento