I demoni dell’Occidente – la normalizzazione della pedofilia

di Andrea Brizzi
La pedofilia è l’ultimo tabù di questo Occidente in lenta decomposizione, l’ultima barriera morale che i più arditi fautori del progressismo liberale cercano da anni di abbattere. Con la scusa della consapevolezza sessuale in età prepuberale è stata portata avanti, anno dopo anno, una indiscriminata sessualizzazione dei minori.

Del resto, la normalizzazione della pedofilia è una vecchia idea lanciata da molti gruppi legati alle rivolte del ’68, soprattutto in ambito anglosassone, come talpe tali gruppi costituiti come associazioni culturali legate o all’omosessualità, o al femminismo, o alla liberalizzazione sessuale, hanno tessuto un’intricata rete di contatti, finanziamenti, documenti. Nell’ombra e nell’oscurità, come i demoni, essi sono riusciti a spingere sempre più avanti le loro abominevoli teorie.

La notizia è della settimana scorsa, e certamente non è passata inosservata. Ha suscitato molto più che scalpore, la copertina pubblicata da Netflix riguardante una delle ultime pellicole in programma: “Cuties” – sostanzialmente la storia di una ragazzina di undici anni di famiglia senegalese, la quale si ribella alla ferrea educazione familiare e decide di “vivere l’Occidente”, in che modo? Frequentando un gruppo di twerking dance, ovvero un ballo volgare che si pratica “sculettando” vistosamente, grazie al quale la ragazzina esplora la propria sessualità e il proprio corpo. In copertina vengono ritratte ragazzine di undici anni seminude con sguardi ammiccanti. Che schifo, che orrore, avranno pensato i più; schifo e rabbia ma non stupore, infatti non ci stupisce affatto che passo dopo passo i gruppi di potere liberal-progressisti che dirigono abilmente tutti i mezzi mediatici e di informazione di questo nostro mondo, stiano cercando sostanzialmente di normalizzare la pedofilia.

Se infatti la logica è quella del “a te cosa toglie” e del “love wins”, allora non dobbiamo stupirci di niente. Fintanto che si ragiona in termini di diritto uguale a vizio privato, licenza e non libertà, e si fonda la società tutta su questi paradigmi, ci accorgiamo che non c’è limite al disgusto, osserviamo cadere anno dopo anno le barriere morali che la civiltà aveva costruito, per lasciare spazio ad un mondo ipersessualizzato e atomizzato nel quale gli individui vivono per soddisfare i loro bisogni materiali, e non per compiere il loro destino di fronte alla storia e al proprio popolo.

Le forze oscure che reggono il mondo non si affidano al caso, il mondo che desiderano costruire è quello tecno-liquido di cui vediamo gli albori, nel quale ogni legame umano, sociale, comunitario è venuto meno, per lasciare spazio all’uomo nuovo, consumatore, individualizzato, privo di certezze, esso infatti è precario, senza legami stabili, è “gender fluid”, meglio se omosessuale, e ovviamente meticcio. Questi poteri che ci impongono sempre più drasticamente il loro modello operano grazie ad un disegno ideologico molto chiaro ed efficiente, qualcuno si domanderà infatti com’è possibile che le masse accettino situazioni di questo tipo, la risposta è nella “finestra di Overton”.

La finestra di Overton, com’è noto, è un modello di ingegneria sociale sviluppato dal sociologo Joseph P. Overton, la quale dimostra come sia possibile rendere normale agli occhi dell’opinione pubblica anche la peggiore delle idee. Ciò avviene tramite l’apertura di una finestra appunto, cioè di una possibilità dialettica grazie alla quale la teoria in oggetto viene, passo dopo passo, accettata. Tale accettazione segue una serie di tappe;

Inconcepibile: l’idea circola in alcuni ambienti culturali ma viene fortemente avversata, quindi se ne parla sempre di più;
Estrema: l’idea continua ad essere considerata una follia, ma si apre il dibattito e cade il tabù;

Accettabile: il giudizio viene sospeso, si assume una posizione neutra;
Ragionevole: la questione si evolve e sempre più persone iniziano a pensare che in fondo sia giusto così, perché “così vanno le cose”, “non siamo mica nel Medioevo”; Diffusa: l’idea viene sostanzialmente accettata e diventa “normale”; Legalizzata: L’idea concepita inizialmente come assurda e immorale viene normata, diventa quindi parte del vivere civile.

Esibizione di bambine su riviste

Ecco allora come siamo arrivati a questo punto, ecco come abbiamo fatto a svegliarci una mattina e a renderci conto che Netflix stava pubblicando un film, in cui sostanzialmente si fa del corpo di una bambina di undici anni, un oggetto sessualizzato. La vera domanda però non è come siamo arrivati fino a qua ma, quanto tempo ancora ci vorrà perché questo abominio venga realmente accettato? Il tabù è già caduto, il dibattito è iniziato, la finestra è aperta. Fino a una decina di anni fa, per un film e una copertina del genere qualcuno sarebbe finito a processo, oggi a costoro vengono assegnati dei premi.

“L’etica è una vittima incosciente della Storia” – recitava Battiato in una delle sue famose canzoni. Allora se la condizione morale del mondo è quella che stiamo osservando, non c’è più tempo per gli intellettualismi, per i vezzi borghesi da salotto, per i purismi di ogni genere, bisogna agire, bisogna rompere lo schema, dobbiamo salvare la civiltà.

Il Pensiero Forte.it

17 Commenti

  • Aigsil
    28 Agosto 2020

    https://www.maurizioblondet.it/vadano-in-rovina-le-loro-macchinazioni/
    andassero all’inferno..perchè questo vogliono

  • Marte
    28 Agosto 2020

    I Massoni americani sono pedofili e con loro i tirapiedi esterni. Cercano di esportare e diffondere i loro vizi.

    • Sandro
      28 Agosto 2020

      Purtroppo non è così. il “disegno” di questi malati mentali è altro. Chi ha il denaro non ha bisogno di convincere le masse che il loro si comportamento è normale. Si permettono tutto anche alla luce del sole, indipendentemente dal giudizio della moltitudine e dalle leggi. Osserva, ad es. cosa avviene sulle nostre teste, in disprezzo delle evidenze.

  • antonio
    28 Agosto 2020

    cazari e gesuiti, Pinochet e Videla

  • Idea3online
    28 Agosto 2020

    Ma le più idiote, più del burattinaio depravato, sono le mamme, che non hanno decoro nel vestire le anime innocenti. Quasi facessero sfilare le loro innocenti bambine in un teatro con spettatori. Ma non capiscano queste esauirite di mamme in carriera e non, che per ogni età esiste un abbigliamento. Se vestono sensualmente le loro povere figlie adesso in tenera età, quando avranno 16 anni che vestiti indosseranno? Mamme andate e cercate i vestiti per l’età dei vostri figli, fate ricerche, non vestiti le vostre bambine, come bocconcini per i pedofili. Usate il cervello, non portate la testa per soprammobile.

    • Sandro
      28 Agosto 2020

      Prima di tutto non sono mamme ma genitrici, cioè semplici riproduttrici di membra umane prodotte da una monta. Le mamme sono altro; sono una cosa seria. Non per nulla sono state portate le retribuzioni ai minimi termini .

      Ciò per costringere le vere mamme, quelle che intendono occuparsi del governo della casa, dell’educazione dei figli, di guidare il proprio uomo negli inevitabili momenti di difficoltà ed altro a favore della famiglia, ad abbandonare, loro malgrado, i propri ruoli per poter contribuire alle difficoltà economiche, scientemente determinate dalla classe dirigente, apportando il loro contributo lavorativo nelle fabbriche del padrone che prende due e paga uno – due stipendi odierni equivalgono ad uno stipendio per di più sicuro pagato nei decenni passati, quando era ancora vivo il ricordo dei 60 milioni di morti per raggiungere tale risultato..

  • Sandro
    28 Agosto 2020

    Ma che strano! Ricordo che nel ’68 e per alcuni anni a seguire, taluni gruppi dirigenti – tutti rigorosamente facoltosi e di sesso maschile – suggerivano, con metodi criptici, alle masse popolari senza gonadi pendule, aggiungendo di esibire con braccia alzate e mani giunte tra indici e pollici – indici all’insù – simulando i propri pertugi fisici dai quali agognavano emettere nuove carni tempestivamente marchiate – con rare eccezioni – come bestiame da allevamento – prima che queste carni prendessero coscienza*, ad uso e consumo della suddetta classe dirigente , di gridare, durante scomposte esibizioni praticate nelle medesime strade dove simili personaggi si davano, a rigor di legge, a chiunque, per un pugno di carta moneta svalutata, “io sono mia” – tradotto “io la do a chi mi pare – .

    Nonostante tutto, queste donne che , pretendevano di gestire i propri orifizi senza interferenze alcune, si rivelavano le stesse che esigevano un contratto firmato da ben quattro persone di cui due, come mastini, potessero accertarne l’effettivo avvenuto evento, in caso di contestazione; evento che garantisse la proprietà e, dunque, onorare l’impegno dell’utilizzo del bene oggetto del contratto.

    Quanto detto è tutt’ora rigorosamente vigente, anzi più che mai, dal momento che in caso di ripensamento della proprietaria del pertugio mercanteggiato, l’orifizio non più concesso rimane comunque di proprietà del contraente originale fino al nuovo contraente, in quanto la di lui firma ne acquisisce la “proprietà” con relativa estromissione del proprietario precedente e annesso diritto all’uso.

    Quanto suddetto per porre in evidenza che, nel caso specifico, la “finestra di Overton”, utile per convincere nel tempo i titubanti che è naturale stuprare gli adolescenti , ha fallito nel convincere le donne a liberarsi – emanciparsi – da quel retaggio che le ha rese legate se non altro economicamente ai loro “padroni”, oppure qualcuno ha voluto che nel caso specifico la finestra rimanesse sbarrata.

    * ad un soggetto nel pieno delle proprie facoltà mentali che pretese la cancellazione dell’onta subita nel quando si trovava nello stato di coma mentale naturale tipico dei neonati, gli fu detto senza un grammo di vergogna, “ormai il dato è tratto” traduzione “ormai appartieni a noi, ti possiamo concedere l’annotare il non essere d’accordo”

    • Idea3online
      28 Agosto 2020

      Se dovessimo per un attimo togliere tutto il denaro dal mondo, cosa resterebbe? Solo il desiderio, solo la tendenza al male, allo stato puro, in quanto il denaro era l’unico mezzo per quotare il male ed graziare il desiderio perverso, ed confondere la virtù.

  • Monk
    28 Agosto 2020

    I pochi dissidenti rimasti in questo povero mondo non hanno idea di cosa li aspetta, ormai ci fanno ingoiare tutto e il tema della pedofilia è uno dei tanti programmi in agenda del nuovo ordine mondiale giudaico. Per il resto, no comment.

  • AlessandroV
    29 Agosto 2020

    Il fatto è che oggi viviamo in una società ipersessualizzata, dove ragazzine di 15 – 16 anni si atteggiano, in modo non innocente e molto innaturale, a madonne della liberazione sessuale. E sono condizionate in questo mediocre e falso modo di comunicazione con il proprio corpo da cattivi modelli educativi imposti da genitori e da una scuola senza più valori etici. Ma ancora di più da media, tv e internet, che le Palagiano le loro fragili menti con il falso mito della violenza, con il miraggio del denaro facile a tutti i costi e di una vita sempre al di sopra delle proprie possibilità. E non c è dubbio che il malizioso esibizionismo delle loro condotte possa anche suscitare qualche turbamento alla debolezza carnale del’ uomo. Ma nulla di più. Invece con i tempi che corrono, e con l immoralismo della casta dei nostri Governanti e di alcuni parlamentari, si rischia di arrivare ad una società pedolifa tutelata pienamente da ipocriti provvedimenti legislativi fatti ad hoc ( modello Thailandia) e in cui sarà lecita solo la violenza del sesso, e l innocenza di minorenni è giovanissime violata in continuazione. Sebbene, come d’ altronde avviene già oggi, la maggior parte di queste si renderanno complici di queste aberranti situazioni in nome del dio Denaro. Pur consapevoli che mineranno, compiacendosi di un cinico falso potere, la tenuta psicologica e la serenità di famiglie per bene per i propri tornaconti personali. D altronde i 5 stelle hanno dimostrato di essere su questa lunghezza d onda, come ad esempio hanno fatto con i dibattiti sulla pericolissima Legge sul transgender e con le porcherie che hanno fatto, a discapito di tutta la popolazione con la truffa del coronavirus. Con i loro dibattiti parlamentari sulla identità di genere, sulla tolleranza sessuale e argomenti simili in realtà vogliono arrivare ad adottare provvedimenti che tutelino nel modo più ingiustificato e odioso possibile i peggiori abusi sessuali esistenti. Dove la vittima sarà sempre la parte più debole. Donna sposata o famiglia che sia. Con la mentalità che hanno, I 5 stelle vogliono che si arrivi ad una società di pervertiti sessuali.

  • atlas
    29 Agosto 2020

    i bambini sono Angeli. Chi ne abusa sessualmente in Nazioni come l’Iran viene giustamente punito con la morte

    è vero però che le legislazioni umane differiscono fra Stato e Stato. In alcuni stati la maggiore età è considerata a 16 anni, in altri a 18, in altri a 20…

    semplicemente la Legge naturale di Dio, la retta ragione, prevede che quando una bambina ha le mestruazioni cessa di essere bambina e diventa donna. Può avere figli quindi sposarsi

    la c.d. ‘immaturità’ ? E chi la stabilisce. Ci sono ragazzine che non sanno nemmeno cucinare, impegnate solo a giocare coi telefonini. E ci sono che a 12 anni sono dei prodigi a scuola

    in Tunisia una bambina di 6 anni ha memorizzato tutto il Corano

    • Sandro
      29 Agosto 2020

      C’è chi la chiama “natura”, chi invece preferisce conferirgli un nome di “persona”.
      Coloro che le danno il nome di natura la osservano per quello che è. Constatano, con inevitabile disappunto, che è governata dalla violenza più spietata, essenzialmente funzionale alla continuazione della medesima (violenza) – una belva deve, per cause di forza maggiore, dilaniare un’altra creatura per acquisire, a carico di quest’ultima, le necessarie forze per continuare di dilaniarne delle altre e produrre altre dilaniartici simili a lei – . Chi invece ama dare a questo coacervo di eventi raccapriccianti un nome di “persona”, considera la natura la “mamma” di tutti gli esseri viventi e non, che vede e provvede, anche se non subito, alle necessità dei medesimi. “Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, nè mietono, nè ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre, non contate voi forse più di loro?” 

      Questa premessa per rispondere alla tua osservazione in merito alla bambina che alla prima mestruazione diviene donna, pronta a rigenerare. A rigenerare, si, ma probabili sbandati “Ci sono ragazzine che non sanno nemmeno cucinare, impegnate solo a giocare coi telefonini.”E ancora:” ‘immaturità’ ? E chi la stabilisce.” E’ la scienza ne stabilisce la maturità, quella necessaria, nel caso in esame, per allevare giustamente la prole; cosa di sicuro mancante nella bimba che si vede smarrita perché “immotivatamente” sanguinante.

      La maturità mentale stabilita dalla scienza, scienza che altro non è che la ricerca del pensiero di “Dio”, ha INIZIO a 21 anni per il maschio umano. Le maturità mentali stabilite dai diversi governi “ In alcuni stati la maggiore età è considerata a 16 anni, in altri a 18,…. “è una maturità funzionale al mercato. Poco importa se i ragazzini si ammazzano e ammazzano con le loro motorette, non sapendo di avere un’arma mortale tra le gambe. Per finire, alla natura che permette di affidare esseri inermi ad altrettanti inermi, poco importa del loro destino, l’importante è assicurarsi la soddisfazione nel vedere la propria merce aumentare di volume. Siamo quasi otto miliardi e ne saremmo di più se non ci fosse nel modo quella violenza “necessaria” fratricida dal nome di “guerre”, talune conosciute e molte volutamente nascoste.

      Un monito autorevole ai depravati: “Chi avrà scandalizzato uno di questi piccoli che credono in me, meglio per lui sarebbe che gli fosse appesa al collo una macina da mulino e fosse sommerso nel fondo del mare”

      • atlas
        29 Agosto 2020

        se si entra nel ‘Diritto di Famiglia’ preferisco di gran lunga quello degli Stati Islamici, dove le femmine sono proprietà dell’Uomo

        in democrazia c’è solo lercio, casino, putridume e devianze porcilesche. Basta guardare da chi furono e sono prodotti tutti quei video e riviste osceni, anche con rapporti sessuali fra umani (?) e animali. Sino allo scambio delle mogli nei circoli e ai baci fra uomini in strada

        pfui

        • Sandro
          29 Agosto 2020

          A mbe, se la prendi così non c’è che dire. Però fai attenzione a questo aneddoto realmente accaduto che dovrebbe insegnarci la possibile fonte di tanta depravazione.

          Ero in ufficio in attesa del collega stranamente in leggero ritardo, in quanto di norma puntualissimo. Lo vidi arrivare e, contrariamente alle sue abitudini, si stravaccò sulla poltroncina della scrivania alquanto sommesso. Preoccupato gli chiesi cosa gli stesse accadendo e se fosse il caso di avvertire l’infermeria di stabilimento. Mi rispose di non preoccuparmi perché di li a poco si sarebbe rimesso.

          Il fatto: Soggetto un pochino sovrappeso, decise di seguire per un certo tempo una dieta dimagrante ferrea. Quel giorno, stremato da tali sacrifici, decise di “gettare la spugna” e si recò in un ristorante. Alla domanda del cameriere di cosa avesse preferito, il collega rispose: “tutto”. Si abbottò al punto di sentirsi male. Tutto si risolse con un buon bicchiere di bicarbonato assunto un istante prima che vomitasse.

          Io non so a te, ma a me questo fatto può dare una indicazione in merito al putridume di tipo sessuale oggi esploso. Per centinaia di anni personaggi in nero appoggiati da leccapiedi interessati, hanno impedito, sopprimendo, il naturale flusso dei rapporti sessuali tra umani annunciando tremende ritorsioni da entità eteree, vita naturl-durante e soprattutto dopo. Costoro intesero – ancor ora – trasformare secondo personali giudizi, atti d’amore e reciproci compiacimenti in sozzure immonde. Quello che stiamo vivendo e di cui ci lamentiamo per via dell’eccessivo liberismo comportante la sfera sessuale che stravolge un dono “divino” in bestemmia, è l’esplosione risultante da un crimine antico e attuale a carico della collettività non ancora ben compreso dalla moltitudine.

          • Idea3online
            30 Agosto 2020

            Nel passato il Potere desiderava che le coppie non si soffermassero sul piacere, ma sulla procreazione. Tanto bisogno di figli, figli e tantissimi figli per le terre. Oggi un mondo tecnologico e robotico, il potere spinge sul piacere, non sulla procreazione. Il Potere non ha cosa farsene di altri esseri umani, anzi è stata attivata la fase di eliminazione programmata. Tutto dipende dalla volontà del capo branco, dell’Elite. L’Occidente desidera immigrati, e stimola piacere e piacere. Questione di gusti geopolitici. E di conseguenza perversione sessuale estrema.

          • atlas
            30 Agosto 2020

            idea, io il piacere della prestazione sessuale me la tengo ECCOME, tu tieniti pure la tua particolare religione

            io di una ‘brava ragazza’ non so che farmene. io voglio una PORCA, zozza

            ma pulita

            sandro a te non ti capisco (no, non è un modo di dire). E a questo punto non è perchè ho dei limiti io. Non per scoraggiarti, ma non credo vi sia al mondo una donna che ti sopporti, però ti auguro di trovarla. Anzi, la DEVI trovare

            anche per la futura qualità dei commenti nel sito. O rischiamo di addormentarci tutti

          • Sandro
            30 Agosto 2020

            Per ATLAS.
            Qualcuno forse mi denuncerà per aver infranto parte della riservatezza della mia vita privata (per i sudditi colonizzati si dice “privacy” * – la riservatezza….. quale abominio! Ad uso e consumo dei soliti noti). Pazienza, sono abituato al rischio. Non mi capisci? Non preoccuparti sei in ottima salute. Un personaggio , uno dei tanti, in salute, che mi conosce quasi dalla nascita mi disse – testuali parole – : “ma da dove cazzo sei uscito?” Costoro mi “sopportano” ma mi stimano.

            La donna? La “mia”, degna di esserlo – ha superato tutte le prove – , mi segue talvolta dubbiosa ma mi chiede spesso il perché di aventi apparentemente non comprensibili. Dovrei, potendo, ordinare ad uno scultore un suo mezzobusto d’oro massiccio. Si, perché, ha voluto, quasi preteso di adoperarsi a suon di legge in ugual maniera che il potere usa le femmine dalla propria specie per sopprimere la società. Si, ma in senso inverso.

            Non mi posso dilungare, ma per darti un idea è come il fuciliere maldestro che non conoscendo il corretto uso dell’arma per abbattere qualcuno, si sloga una spalla nell’usarla non sapendo di fissare bene il cacio della medesima alla propria spalla per attutirne il “rinculo”. Bene questa donna è stata il “rinculo”voluto e preteso per un sistema malato. Io stesso la definisco un “elemento da sbarco”. Definizione di “elemento da sbarco”: E’ quel soggetto che in navigazione rende difficile la conduzione formale del naviglio perché contrastante , a torto, la routine di governo dell’imbarcazione che talvolta porta al naufragio. Di norma la ciurma ignorante e demente, in questi casi, non fa altro che individuare un isolotto fuori rotta per approdare e sbarcare, abbandonando, appunto, l’elemento da sbarco, ritenuto disturbante.

            * a proposito di “privacy”, mi raccomando, per non far brutta figura utilizziamo sempre “privacy”.
            Alla facoltà di fisica presso l’università di Roma. Un dipendente di tale ateneo pagato anche da me con le mie tasse: “No, sig. Sandro lei non può chiedermi quale sia l’iter didattico di suo figlio, la legge sulla privacy non lo permette!” ATTENZIONE qui non si scherza! La stessa cosa avrebbe potuto dirmi il primario di un ospedale alla mia domanda di cosa fosse accaduto a mio figlio ricoverato urgentemente a mia insaputa. Tutto ciò al solo fine di tutelare gli interessi di qualcuno.

Inserisci un Commento

*

code