I Curdi nel triangolo fatale mentre gli Stati Uniti operano per ridistribuire i gruppi terroristici dell’ISIS

di Finian Cunningham


I combattenti kurdi sono stati usati dagli Stati Uniti per sconfiggere apparentemente le rimanenti riserve dello Stato Islamico nella Siria orientale. Ma quello che sta emergendo non è la sconfitta finale dei terroristi, più una loro ridistribuzione per destabilizzare ulteriormente il paese arabo.

Potenzialmente, i curdi potrebbero finire non con l’autonomia regionale che desiderano, ma come parte di un esercito rimarchiato della guerra sporca americana nelle cui file vengono inclusi proprio i terroristi conto i quali le milizie kurde hanno combattuto con successo.

Il presidente Donald Trump sta ultimamente esaltando per come le forze curde, appoggiate dagli Stati Uniti, hanno spazzato via il califfato autoproclamato dell’Isis, a Baghouz, nella Siria orientale. “Sono dei perdenti … se ne sono andati stasera,” si vantava di aver presumibilmente vinto gli jihadisti.

Tuttavia, le cose non sono così chiare. L’inviato siriano alle Nazioni Unite Bashar al Jaafari ha respinto le celebrazioni della vittoria di Trump come un “bluff”.Al Jaafari ha spiegato che l’ISIS non è stato sconfitto nelle zone sotto il controllo degli Stati Uniti, ma piuttosto i miliziani dell’ISIS sono stati deviati nei vari campi sotto controllo USA per la loro riqualificazione.

Ci sono notizie credibili che migliaia di jihadisti che si sono arresi o sono stati catturati nei combattimenti attorno a Baghouz sono stati trasferiti dalle forze statunitensi presso la base militare di al Tanf vicino al confine con Iraq e Giordania, così come nei vicini campi profughi come Rukban , dove sono detenuti circa 40.000 detenuti. Sospettosamente, gli americani stanno rifiutando l’accesso internazionale a questi campi, anche per le agenzie umanitarie delle Nazioni Unite. Come ha sottolineato recentemente il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, i centri di detenzione vengono utilizzati dagli americani come pretesto per occupare illegalmente il territorio siriano.

Possiamo anche aggiungere che lo scopo di questa operazione è quello del reclutamento militare clandestino per i delegati (mercenari) degli USA.

Nonostante l’annuncio di Trump, quattro mesi fa, che l’esercito statunitense stava ritirandosi dalla Siria, non sembra che tale piano sia in fase di attuazione. Ecco perché Mosca ha reagito con rabbia alla richiesta di Washington per le truppe russe di lasciare il Venezuela. Il Cremlino ha risposto testualmente che gli Stati Uniti dovrebbero prima mantenere la promessa di ritirarsi dalla Siria, dove le loro forze sono illegalmente presenti, diversamente dal personale russo che si trova in Venezuela in base ad un accordo bilaterale.

Nello scenario apparentemente postbellico della Siria, quello che sembra accadere è che gli Stati Uniti cercano di trovare un modo per riconfigurare il loro intervento destabilizzante nel paese arabo. Gli ultimi otto anni di guerra segreta sponsorizzata dagli Stati Uniti hanno fallito nel loro obiettivo di cambiamento di regime contro il presidente Bashar al Assad, alleato della Russia e dell’Iran. Quello che gli Stati Uniti stanno cercando di fare ora è mantenere impronte militari nel paese, annettendo efficacemente zone di territorio, specialmente nella regione orientale ricca di petrolio e gas intorno al fiume Eufrate.

Questo spiega perché i terroristi nemici, presumibilmente sconfitti, siano stati riqualificati dalle forze speciali statunitensi ad al- Tanf. Secondo quanto riferito, il loro compito è quello di catturare i giacimenti di petrolio e gas nella provincia di Deir ez-Zor e le infrastrutture di produzione nella provincia di Homs.

Questo pone le forze curde in una posizione insidiosa. C’è poco da dubitare del coraggio e della capacità di combattimento degli uomini e delle donne curdi che formano le Forze Democratiche Siriane (SDF) e le loro milizie YPG. I kurdi sono riusciti a liberare fino al 30% del territorio siriano nel nord-est e ad est dai jihadisti dell’Is. Hanno inflitto un duro colpo al califfato residuo di Baghouz. La potenza aerea americana ha aumentato l’efficiacia dei kurdi nella loro offensiva.

Ma il piano che gli Stati Uniti stanno manovrando è quello di combinare gli jihadisti sconfitti con i kurdi per spingere la propria agenda per rompere l’integrità della Siria e controllare le sue risorse ricche di minerali nella zona orientale .

La Missione Speciale di Monitoraggio in Siria riferisce che i militanti dell’ISIS catturati dalle SDF vengono ridistribuiti dagli americani per occupare gli impianti di produzione di petrolio e gas.

Un altro obiettivo cruciale per Washington è quello di controllare il corridoio est-ovest di Deir ez-Zor dall’Iraq a Damasco in modo da contenere la presenza iraniana in Siria.

Questo è il contesto per la sfacciata dichiarazione di Trump che riconosce l’annessione israeliana del sud del Golan al sud della Siria. Il piano di gioco di Washington è quello di mantenere la Siria destabilizzata e frammentata, in parte per placare Israele e in parte per i propri disegni imperialistici degli Stati Uniti per il dominio nella regione.

In questa insidiosa manovra americana, i curdi affrontano una situazione potenzialmente pericolosa. Sono stati ben armati e supportati da Washington, ma stanno scoprendo che vengono utilizzati come uno strumento disponibile. I curdi potrebbero aver calcolato che accettare il patrocinio di Washington negli ultimi anni era un modo per guadagnare capitale politico per costruire un futuro stato indipendente indipendente kurdo. Quello che sembra emergere, tuttavia, è che gli americani intendono solo sfruttare i curdi come forza combattente per fare il loro sporco lavoro di smembramento della Siria – nello stesso modo in cui gli americani hanno usato segretamente gruppi terroristici jihadisti in altre parti della Siria .

I kurdi sono stati molto efficaci nell’annientare l’ISIS nelle restanti roccaforti di quest’ultima nella Siria orientale. Ma il risultato è che i curdi vengono usati come agenzia di reclutamento per gli americani per ridistribuire i terroristi “sconfitti” nella loro continua guerra segreta contro lo stato siriano.

Ci sono segnali, tuttavia, che i curdi sono ben consapevoli del pericolo insidioso nel trattare con Washington. Quando Trump ha fatto l’annuncio di ritiro delle truppe, ci sono state palpabili preoccupazioni tra i curdi sull’essere stati traditi e rimanere in balia della Turchia. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ripetutamente minacciato di inviare le sue forze militari in Siria per schiacciare le milizie SDF e YPG che Ankara considera affiliati “terroristi” del proprio separatista movimento curdo, il PKK.

Base USA di Al-Tanf

Non è chiaro se gli Stati Uniti applicheranno un ritiro dei suoi circa 2.000 soldati in Siria. Ci sono indicazioni che non accadrà, nonostante le affermazioni di Trump. Ciononostante, l’annuncio a sorpresa è stato sufficiente a minare la fiducia dei kurdi sul loro patrocinatore. Con il risultato che i leader kurdi hanno iniziato a raggiungere il governo di Assad a Damasco nella speranza che il dialogo produca un futuro accordo federale.

Secondo quanto riferito, i curdi hanno chiesto alla Russia di mediare con il governo siriano.

Le forze curde non sono state finora in guerra con l’esercito arabo siriano. Condividono lo stesso nemico comune dell’ ISIS e dei gruppi terroristici jihadisti assortiti.

In passato, il presidente Assad ha respinto le aspirazioni kurde per l’autonomia regionale. Ma a quanto pare, Damasco è diventato più aperta a formare una nuova costituzione federale per la Siria in cui i kurdi otterrebbero un’importante indipendenza regionale – in un modo analogo al governo regionale curdo nel nord dell’Iraq.

In questo triangolo politico fatale in cui i kurdi siriani si ritrovano, sarebbe consigliato affidare il loro destino al governo di Damasco. Se si potesse stabilire un patto reciproco che portasse i due principali blocchi del territorio siriano nell’integrità territoriale.

Se, d’altra parte, i kurdi aderiscono all’aggressiva nefanda operazione di Washington, corrono il rischio di perdere l’indipendenza e di essere eviscerati dallo sfruttamento in infinite macchinazioni di guerra sporca degli americani. Un segno inquietante è che dopo aver combattuto coraggiosamente per sconfiggere l’ISIS, le milizie kurde vengono create per formare un patto del diavolo con gli stessi terroristi – per soddisfare gli interessi geopolitici di Washington.

I curdi farebbero bene a ricordare una massima cinica a Washington, secondo la quale gli Stati Uniti “non hanno alleati ma solo interessi”.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code