I Componenti dei ” Battaglioni Volontari ” PRO-KIEV LASCIANO L’UCRAINA ORIENTALE PER FAR PARTE DEI GRUPPI MILITANTI IN SIRIA

I componenti dei “battaglioni volontari” di Kiev stanno lasciando il Donbass, per andare a combattere in Siria, dalla parte dell’ISIS, come ha riferito, durante un briefing, l’addetto stampa delle forze della Repubblica Popolare di Lugansk, Ivan Filiponenko.

Secondo lui, uno dei motivi era per i lunghi ritardi nei pagamenti nella zona della cosiddetta “operazione delle forze armate”, nel Donbass.

“I lunghi ritardi nei pagamenti in contanti nella zona della JFO, così come la situazione instabile nel paese, hanno causato malumore nei militanti ucraini dai battaglioni volontari tano da decidere di partire alla volta della Repubblica araba siriana per partecipare al conflitto militare dalla parte dello Stato islamico (ISIS) “, Ha detto Filiponenko.

Allo stesso tempo, ha sottolineato che queste persone, che hanno esperienza di combattimento nel Donbass e considerano la guerra un modo per guadagnare denaro, “hanno il pieno sostegno dei servizi speciali dell’Ucraina”.

“Secondo i nostri dati, i rappresentanti di una struttura appositamente creata collegata al servizio di sicurezza dell’Ucraina sono coinvolti nella preparazione dei documenti necessari per i nazionalisti ucraini e nell’organizzazione del loro ingresso senza ostacoli nella Repubblica araba siriana”, nelle zone ancora occupate dai terroristi, ha aggiunto Filiponenko.

Sulla base delle informazioni dell’LPR, i legami tra i battaglioni nazionalisti pro-Kiev e l’ISIS erano stati stabiliti qualche tempo fa.

In precedenza si è appreso che i comandanti delle unità delle Forze armate dell’Ucraina, che prendevano parte alle attività di sabotaggio, venivano addestrati dagli stessi istruttori che addestrarono i terroristi in Siria.

Il 26 giugno th , la LPR ha annunciato che le truppe ucraine avevano lasciato le loro posizioni nei pressi del villaggio di zona Sokolnik, Slovianoserbsk. La ragione era la mancanza di sicurezza e condizioni di vita.

Circa due settimane fa, un membro del “Volunteer Battalion” è stato ucciso in Siria. Questi non stava combattendo dalla parte dell’ISIS, ma stava combattendo dalla parte di Hay’at Tahrir al-Sham (ex Jabhat al-Nusra, il ramo siriano di al-Qaeda), che è stato anche designata come un’organizzazione terroristica . Il miliziano ucciso era un comandante sul campo con il segnale di chiamata, Abdul-Ilgiz Al Kerim.

Nel 2016 è stato riferito che un gruppo formato da tatari della Crimea si è formato all’interno di Hay’at Tahrir al-Sham (il nuovo marchio di Jabhat al-Nusra). Abdul-Ilgiz al-Kerim ha iniziato la sua carriera terroristica internazionale in questa unità.

Già nel 2016 erano trapelate informazioni secondo le quali in Ucraina era stato formato un gruppo combattente costituito dai tartari di Crimea, sotto la denominazione di Hay’at Tahrir al-Sham (la stessa che combatteva in Siria), Abdul-Ilgiz al-Kerim , uno dei capi di questa formazione, militava in questo gruppo e successivamente era stato ucciso in Siria.

Terroristi nelle formazioni ucraine

D’altra parte la partecipazione dei tartari di Crimea dalla parte dei ribelli terroristi anti Assad, che combattono contro le forze del governo siriano, era stata annunciata ufficialmente dal loro leader Mustafa Dzhemilev. In particolare alcuni miltanti tartari, che facevano parte del gruppo Hizb ut-Tahrir , erano rimasti uccisi in Siria e i loro documenti resi pubblici dalle autorità siriane.

Dal 2014 è noto che le forze pro-Kiev sono diventate un punto di raccolta per tutti i tipi di gruppi radicali, siano essi nazisti o islamisti, purché abbiano combattuto “dalla parte giusta”, sulla base di questo sono stati giudicati “moderati” e tutto è stato loro perdonato.

Fonti: South Front News Front

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Eugenio Orso
    27 Giugno 2019

    Ciò conferma che i terroristi più spietati sono al soldo dell’asse del male usebreasauditanato, della quale lo stato canaglia ucrainofono euronazista e filo-atlantista è solo un pericoloso burattrino (fallito!).
    Ciò conferma che posso uccidere, devastare, violentare insieme, siano isis, al-qaeda maschirata, oppure “battaglioni volontari” di Kiev.
    Se ci fosse ancora il serpente Obama, sarebbero tutti “ribelli moderati”!

    Cari saluti

Inserisci un Commento

*

code