I combattenti di Hezbollah lanciano 3 attacchi quasi paralleli contro siti israeliani

Hezbollah continua a sostenere il popolo palestinese e la sua Resistenza per il 165° giorno dall’inizio della guerra a Gaza.

Gruppi della resistenza in Libano – Mercoledì sera Hezbollah ha condotto tre operazioni in una finestra di cinque minuti, hanno annunciato i media militari.

I combattenti Hezbollah continuano a prendere di mira i siti militari e i soldati dell’occupazione israeliana per il 165° giorno a sostegno del popolo palestinese e della sua resistenza nella Striscia di Gaza. Facendo seguito alle nove operazioni annunciate martedì, il gruppo ha lanciato razzi e missili contro le posizioni militari israeliane lungo il confine libanese-palestinese.

La prima serie di attacchi è stata una duplice operazione che ha preso di mira siti israeliani nella città libanese occupata di Hounin e sulle colline di Kfar Chouba alle 17:35 (ora locale).

Nella prima operazione, i combattenti di Hezbollah hanno attaccato il castello di Hounin, che era stato occupato dalle forze di occupazione israeliane per scopi militari, confermando i colpi diretti all’obiettivo prefissato.

Nella seconda operazione, i combattenti di Hezbollah hanno preso di mira il sito militare di Roueissat al-Alam, situato a più di 20 km dal luogo della prima operazione.

Solo cinque minuti dopo, i combattenti della Resistenza Islamica hanno lanciato un attacco al sito militare di Zibdine nelle fattorie libanesi occupate di Shebaa.

Mercoledì notte, unità di artiglieria della Resistenza hanno lanciato un attacco al sito militare di al-Marj , situato a nord del castello di Hounin. Il sito è stato oggetto di pesanti attacchi da quando le operazioni sono state avviate l’8 ottobre 2023, mettendolo praticamente fuori servizio.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

6 commenti su “I combattenti di Hezbollah lanciano 3 attacchi quasi paralleli contro siti israeliani

  1. Se non si porteranno aiuti concreti, cibo, medicine e quantaltro serve alla vita, tra non molto non ci sarà più nulla da sostenere, perché saranno decimati dalla fame e malattie.

    1. Franco ti informo che sono i paesi USA & NATO che devono lasciar passare cibo-medicine e quantaltro che serva ai Palestinesi accerchiati e invasi da sanguinari assassini Israeliani che li vogliono sterminare !
      USA & NATO da Ottobre 2023 impediscono militarmente e anche con ogni mezzo politico-mediatico- diplomatico che si possano portare soccorsi al Popolo Palestinese affamato -assettato e bombdato selvaggiamente e ferocemente a tappetto da Israele che usa le bombe e le mitragliatrici per perpetrare un Genocidio contro il popolo Palestinese !

  2. La macchina da guerra di Hezbollah stritola tutto, ara il terreno, macella il nemico, distrugge tuss’còss ! Ha ha ha ha ha !!!!
    Il nemico può solo far finta di niente, muore in silenzio, stile anglosassone.

  3. Che tutto questo martirio porti infine il crollo economico e la distruzione dello schifoso stato sionista. Il dispiacere si prova per degl’ innocenti, come i bimbi di Gaza. Non per gl’ orchi naziebri. Se il mondo vuole la pace l’ abominevole stato d’ Israele va distrutto, annientato. Sono fiducioso in una vittoria finale della resistenza araba, e me lo auspico fortemente.

  4. Il sindacato israeliano dei pubblici dipendenti ha detto che da mesi il porto di Eilat è inattivo, in più viene bombardato dagli Yemeniti, e si rischia la catastrofe e di mettere a riposo metà dei lavoratori portuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM