I civili siriani sono usciti in massa in diverse città per partecipare alla giornata delle votazioni per eleggere il prossimo presidente del Paese arabo

Alle 7:00 (ora locale) di questo mercoledì, i seggi elettorali in Siria hanno aperto le loro porte in modo che i siriani possano partecipare alle elezioni presidenziali nel paese levantino.

Le autorità hanno confermato che, a causa della massiccia affluenza alle elezioni, il voto in tutti i centri delle diverse province è stato prolungato per altre 5 ore.
Gli esperti sottolineano che la massiccia partecipazione dei siriani alle elezioni rappresenta una vittoria per la Siria, un Paese che da molti anni subisce le minacce di gruppi terroristici e di alcuni stati occidentali che cercano di destabilizzare il Paese arabo.

Secondo i media siriani locali, diversi elettori hanno espresso un forte sostegno all’attuale presidente del Paese arabo, Bashar al-Asad, che è anche uno dei candidati.
“Dichiariamo il nostro sostegno a Bashar al-Assad e diciamo che adempiremo al nostro accordo con lui fino alla liberazione totale della Siria e porre fine all’aggressione di Turchia e Stati Uniti”, ha detto un cittadino.
Solo il popolo siriano ha il diritto di decidere sul futuro del Paese
In questo senso, in dichiarazioni rese lo stesso giorno alla stampa, il ministro degli Esteri siriano, Faisal al-Miqdad, ha sottolineato che attraverso le urne i siriani fuori e dentro il Paese stanno dimostrando al mondo intero che solo loro hanno il diritto di decidere sul proprio futuro.

Bashar al-Assad

” Tenere le elezioni in queste condizioni è la prova che il popolo siriano è stato in grado di resistere e sconfiggere le ambizioni dell’impero americano sconfiggendo romani, ottomani e francesi”, ha sottolineato lo scrittore australiano Tim Anderson, professore di scienze politiche all’Università di Sydney.


Cosa rivela la massiccia partecipazione dei siriani alle elezioni presidenziali?
Il presidente siriano ha dichiarato lo stesso giorno che le elezioni nel Paese arabo sono libere e indipendenti e che la mobilitazione della popolazione nelle ultime settimane fornisce una risposta sufficiente e chiara alle critiche occidentali.
Le elezioni presidenziali siriane si stanno svolgendo mentre il governo di Damasco continua a combattere per sradicare tutte le vestigia del terrorismo e la presenza illegale di forze straniere dal paese.
Rispondendo alle critiche dell’Occidente che negano la legittimità delle elezioni siriane, Al-Assad ha chiarito che “il popolo siriano è unito contro il terrorismo” e non si preoccupa affatto delle opinioni dei paesi occidentali sulla validità delle elezioni presidenziali che si svolgono in Siria.

Le vostre opinioni non hanno valore, il vostro valore è pari a dieci zeri”, ha detto in risposta alle dichiarazioni degli Stati Uniti e di diversi paesi europei che hanno sostenuto che il processo di voto in Siria non sarà “né libero né equo”.
Dichiarazioni espresse dagli stessi Stati che hanno invano tentato di rovesciare il governo di Bashar al-Assad, sostenendo ed armando gruppi terroristi che hanno seminato morte e distruzione nel paese arabo.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione_: Luciano Lago

6 Commenti
  • Niko
    Inserito alle 12:30h, 27 Maggio Rispondi

    Onore alla Siria e al popolo siriano..

    .Mi ricordo il discorso di quel venduto Merdolitano che invitato in Siria ne osannava le qualita’ pur nascondendo il veleno come una serpe

    • mario
      Inserito alle 13:17h, 27 Maggio Rispondi

      seguo con molto interesse le sue idee e i suoi scritti ……………

      cordiali saluti

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 12:47h, 27 Maggio Rispondi

    Mi pare evidente che la stragrande maggioranza dei siriani è dalla parte di Assad ed è proprio per questo che l’asse del male occidentaloide, con usa e turchi in prima fila, all’inzio dello scroso decennio ha fatto entrare in Siria migliaia di mercenari della peggiore specie, prima “ribelli moderati” + al-qaeda e poi isis, mascherando un’aggressione esterna con la guerra civile …
    La conferma di Assad alla presidenza è scontata, con un’ampia partecipazione popolare.
    Qui, nell’Italia occidentaloide e occupata dagli elitisti, sono più di vent’anni che non voto per scelta politica deliberata, ma se fossi in Siria andrei a votare in modo convinto, naturalmente per Assad …

    Cari saluti

  • Giorgio
    Inserito alle 18:58h, 27 Maggio Rispondi

    Lunga vita ad Assad ….. ed a tutti gli anti americani e anti sionisti ……

  • Massimo Augusto
    Inserito alle 21:46h, 27 Maggio Rispondi

    Viva Assad! Viva SIRIA!

  • WKZ
    Inserito alle 13:05h, 03 Giugno Rispondi

    La Siria ha dimostrato all’occidente che il suo piano di regime-change è fallito, tanti miliardi buttati inutilmente per destabilizzare un paese che era il gioiello del medio-oriente (oggi lo è ancora ma solo in parte), Assad sarà ricordato come il presidente più resistente al mondo sopravvissuto in una delle guerre più sporche della storia moderna, senza questo signore la Siria sarebbe andato indietro di 200 anni ma per fortuna è ancora in piedi, la Siria si può considerare il Vietnam 2.0.