I civili sequestrati come “scudi umani” presso l’Azovstal di Mariupol raccontano le loro vicissitudini


Ti mettono in gabbia e non ti danno la possibilità di essere salvata”: Le donne liberate dell’Azovstal raccontano come l’esercito ucraino ha impedito loro di partire

Il ministero della Difesa russo ha riferito questa domenica che 80 civili, compresi bambini e donne, che erano “trattenuti da nazionalisti ucraini” sono stati evacuati dall’acciaieria Azovstal, situata nella città di Mariupol, attraverso i corridoi umanitari concordati.

La donna ha indicato che non tutti i militari si sono comportati in quel modo. “Non posso dire lo stesso per tutti. C’erano ragazzi che sono venuti davvero e ti hanno spaventato. E ce n’erano di normali . Poi qualche giorno fa, probabilmente, hanno iniziato ad arrivare dei ragazzi che hanno iniziato a dire: ‘Non preoccuparti, si ricordano di te , loro sanno di te, negoziano per te, ti tireranno fuori presto ‘”, ha detto.

Tuttavia, secondo il suo racconto, le persone non credevano ai loro messaggi, perché c’erano situazioni in cui gli veniva detto che potevano andarsene, ma poi i soldati sono apparsi nel bunker e si sono assicurati che nessuno se ne andasse. “A essere sincero , avevo tanta paura dei militari e della guerra . Quando sono arrivati ​​al bunker… avevamo un corridoio e, più tardi, il luogo del bunker, dove vivevamo. Quando i militari sono entrati nel corridoio, tutti si nascondevano “, ha commentato.

Un’altra donna evacuata dall’impianto ha detto di aver tentato senza successo di lasciare Mariupol due o tre volte prima che i combattimenti per la città si intensificassero. “Ma loro [le forze armate ucraine] ci avrebbero rimandato indietro, non ci avrebbero fatto uscire. Tutti erano indignati, come avrebbero potuto trattenerci se volevamo andarcene? Ci stavamo nascondendo dalla sparatoria, avevamo paura, stavamo correndo ,” Egli ha detto.

Evacuazione in corso
Tutti coloro che sono stati evacuati questa domenica sono stati trasferiti nella città di Bezyménnoye, nella Repubblica popolare di Donetsk, dove sono stati forniti alloggio, cibo e assistenza medica, dettagliati dal portafoglio della Difesa.

Allo stesso tempo, i residenti locali evacuati dai militari russi che volevano recarsi nei territori controllati da Kiev, sono stati posti sotto la custodia dei rappresentanti del Comitato Internazionale della Croce Rossa e dell’ONU che hanno supervisionato l’evacuazione.

Il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha confermato l’inizio dell’evacuazione dei civili dalla fabbrica. ” Più di cento civili , in particolare donne e bambini, sono già stati evacuati”, ha detto.

Due gruppi su un totale di 46 civili sono riusciti a lasciare il territorio della fabbrica questo sabato attraverso corridoi umanitari, come confermato dal ministero della Difesa russo.

Venerdì, il canale russo Rossiya 24 ha riferito che una famiglia di tre persone è riuscita a lasciare lo stabilimento dove è assediato l’esercito ucraino. La coppia e la figlia sono riuscite a lasciare il complesso industriale ascoltando le istruzioni alla radio , trasmesse dalle forze russe.

Il 21 marzo, la Russia ha aperto un corridoio umanitario permanente ad Azovstal per garantire l’evacuazione dei civili e la loro partenza dalla struttura dalle 14:00 (ora di Mosca) in qualsiasi direzione.
Martedì, il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato che i militari assediati possono deporre le armi e lasciare lo stabilimento.
“Abbiamo sentito dalle autorità ucraine che ci sono civili lì, quindi l’esercito ucraino deve farli uscire o agirebbero come terroristi in molti paesi, come lo Stato islamico in Siria che si copre di civili”, ha detto.
Da parte sua, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha confermato che Putin ha accettato in linea di principio la partecipazione delle Nazioni Unite e del Comitato internazionale della Croce Rossa per evacuare i civili dall’Azovstal. Tuttavia, il capo dell’organizzazione ha rifiutato di specificare date specifiche per non interferire in tale processo.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti
  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:12h, 02 Maggio Rispondi

    Domanda… ma che mai ci facevano tutti sti civili abitanti in bunker di acciaieria?… da quando in qua acciaierie sono dotate di bunker?… a posteri ardua sentenza…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

    • Luig De Vincentis
      Inserito alle 19:18h, 02 Maggio Rispondi

      In riguardo al perchè del bunker sotto l’acciaieria la spiegazione l’ha data efficacemente l’amico Andrea 1964. Per quanto riguarda i civili asserragliati nell’acciaeria insieme ai miliziani del battaglioa Azov, la domanda me la sono posta anch’io. I russi sostengono che sono stati costretti ad entrarvi per essere usati come scudi umani. Siccome quelli dell’Azov non sono angioletti, potrebbe essere vero.

    • sergio
      Inserito alle 08:49h, 03 Maggio Rispondi

      ………………ma hai letto l’articolo, o hai guardato le figure ? E’ scritto nelle prime due righe. Se poi non ti convince la versione è un’altra storia.

  • Andrea1964
    Inserito alle 11:19h, 02 Maggio Rispondi

    Caro Nuccio nei paesi comunisti quasi tutte le strutture lavorative erano dotate di rifugi più o meno anti-atomici o anti aerei a disposizione degli operai e delle loro famiglie nel caso che gli USA avesserò bombardato con armi atomiche .
    Inoltre ti faccio presente che le strutture industriali hanno sempre dei vani sotterranei rivestiti di cemento armato anche con due di spessore sopra la tua testa .
    Poichè la guerra tra Ucraina e Russia non è scoppiata due mesi fà ma è iniziata 8 anni fà in quella zona sicuramente è certamente
    l”acciaieria sarà stata attrezzata per essere usata come rifugio di emergenza nel caso non lo fosse già stata .

  • stefanogrim
    Inserito alle 15:51h, 02 Maggio Rispondi

    ma non ho ben capito cosa dice Putin: ” i nazisti possono uscire se depongono le armi” e poi andarsene tranquillamente a fare bisbocce? spero di aver capito male altrimenti viene da pensare quantomeno che i civili sono stati rilasciati dai nazisti solo a condizione di avere non solo salva la vita ma anche di andarsene tranquillamente dove vogliono!

  • Dam
    Inserito alle 17:23h, 03 Maggio Rispondi

    Prendere le notizie da un sito russo non è il massimo… la fonte in realtà è russian.rt.com. Un pensiero che possa essere di parte?!?!?

    • Redazione
      Inserito alle 22:43h, 03 Maggio Rispondi

      Le notizie sono corredate da video ed interviste degli scampati e valgono quanto quelle fatte dalle TV occidentali.
      La Redazione

Inserisci un Commento