I camionisti canadesi estendono il blocco del confine con gli Stati Uniti, mentre ispirano proteste all’estero

I camionisti in Canada hanno bloccato un valico di frontiera chiave con gli Stati Uniti mentre le proteste anti-governative contro i freni al coronavirus e le misure discriminatorie sui vaccini prendono slancio.

I media canadesi hanno affermato che i manifestanti a bordo di semirimorchi, attrezzature agricole e altri veicoli hanno chiuso le corsie autostradali che collegano la provincia centrale canadese di Manitoba agli Stati Uniti, minacciando disagi economici.

La CBC News ha detto che circa 50 veicoli, che includono anche spazzaneve e macchine edili, hanno bloccato le corsie in direzione nord e sud sull’autostrada 75 a Manitoba.

Il blocco inciderebbe seriamente sull’economia della provincia centrale del Canada, poiché circa l’80% delle esportazioni di Manitoba negli Stati Uniti e in Messico viene trasportato da camionisti.

I due precedenti ostacoli al confine – nell’ambito delle proteste del “Freedom Convoy” – hanno già avuto un impatto sulla produzione e commercio in tutto il paese, con il ponte principale dell’Ambassador che collega l’Ontario e Detroit che è fuori servizio da diversi giorni e un secondo valico nella provincia occidentale dell’Alberta è bloccato per giorni.

Le dimostrazioni sono iniziate il mese scorso contro il recente obbligo del pass della vaccinazione (green pass) che richiede ai camionisti che entrano in Canada di essere completamente vaccinati o di affrontare i requisiti di test e quarantena.

Altri manifestanti si sono uniti per inveire contro gli obblighi delle maschere, i blocchi, le restrizioni sugli assembramenti e altri sforzi preventivi contro il COVID-19.

Citando la carenza di forniture,la Ford auto ha affermato di essere stata costretta a rallentare la produzione nelle fabbriche in Canada mentre alcune fabbriche della Stellantis negli Stati Uniti e in Canada hanno interrotto il lavoro. Anche la General Motors ha annullato diversi turni e Toyota ha affermato che i suoi impianti sono stati colpiti dalla massiccia protesta.

Rivolgendosi ai giornalisti al di fuori della Camera dei Comuni, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito ancora una volta i blocchi “inaccettabili” e ha affermato che stava lavorando con le autorità di tutto il paese per porvi fine.

“Questo sta danneggiando le comunità in tutto il paese”, ha affermato Trudeau.
La polizia della capitale canadese, Ottawa, ha annunciato che stavano portando rinforzi, emettendo più arresti e sanzioni e intensificando le operazioni di rimorchio dei camion nel tentativo di rompere l’impasse che ha paralizzato la vivace città canadese.

Sfidando gli ordini della polizia e gli avvertimenti ufficiali del governo, i manifestanti si sono barricati e sono orgogliosi di come la loro protesta di due settimane sia diventata un movimento internazionale, dalla Nuova Zelanda alla Francia e al Belgio.

Le proteste si sono estese alla Nuova Zelanda, al Belgio ed alla Francia

Ispirati dalla protesta dei camionisti canadesi, gli attivisti in Nuova Zelanda si sono accampati per quattro giorni sui prati del parlamento del Paese, nella capitale Wellington.

Giovedì una protesta contro i vaccini è diventata violenta nella capitale, con la polizia che si è scontrata con i manifestanti sul terreno del parlamento e più di 120 persone arrestate.

I media affermano che il distretto parlamentare è stato dichiarato chiuso al pubblico, ma la misura non è stata applicata rigorosamente e il numero di manifestanti sui prati è salito da circa 250 a circa 1.500 venerdì.

“Il modo in cui la polizia ci ha trattati ha scioccato tutti noi nel profondo”, ha affermato un manifestante, aggiungendo che gli attivisti rimangono impegnati nel loro obiettivo di porre fine alle misure di obbligo di vaccinazione.

“Quello che hanno fatto ieri è andato ben oltre ogni nostra aspettativa. Brutale, assolutamente brutale”.

I manifestanti francesi hanno anche pianificato di convergere venerdì sera a Parigi, con alcuni che mirano a trasferirsi nella capitale belga di Bruxelles.

La polizia di Parigi ha cercato di impedire la manifestazione, dicendo che avrebbe vietato i cosiddetti “convogli della libertà” e impedito il blocco delle strade, minacciando pesanti multe o la prigione. Le autorità belghe hanno promesso un’azione simile.

Ottawa Camionisti in protesta

Gli Stati Uniti esortano il Canada a imbavagliare le proteste

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato giovedì che il Canada dovrebbe utilizzare i poteri federali per fermare la crescente interruzione economica causata dal blocco delle rotte commerciali USA-Canada.

Il segretario per la sicurezza interna degli Stati Uniti Alejandro Mayorkas e il segretario per i trasporti Pete Buttigieg hanno invitato le loro controparti canadesi “a usare i poteri federali per risolvere questa situazione al nostro confine comune”.

“Le autorità doganali e di frontiera statunitensi e canadesi stanno lavorando con grande urgenza per garantire il flusso continuo di beni e servizi attraverso il nostro confine internazionale, sfruttando rotte terrestri alternative, nonché opzioni aeree e marittime”, hanno affermato.

I ministri federali canadesi hanno definito il blocco illegale e hanno chiesto ai manifestanti di tornare a casa.
I manifestanti hanno dichiarato che torneranno a casa quando il governo toglierà l’obbligo del pass della vaccinazione e le altre misure che discriminano i lavoratori del trasporto.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento

Inserisci un Commento